Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

giovedì 30 aprile 2015

Il Santo Sacrificio di Cristo e la tavola calda di baphomet…

Il Santo Sacrificio di Cristo e la tavola calda di baphomet

Il piano dell’Alta Vendita, associazione massonica risorgimentale ispirata, come sempre, dallo gnosticismo cabalistico dei “nemici di tutti gli uomini”, si proponeva una finalità apparentemente patriottica, ma il fine reale era ben altro.

Leggiamone il documento ispiratore. «Il nostro fine ultimo è quello di Voltaire e dei rivoluzionari francesi: la distruzione finale del cattolicesimo e dell'idea cristiana [...]. Il Papa, chiunque sarà, non verrà mai alle società segrete (infatti da queste verranno solo autorità false e fasulle! n.d.a.). Sta alle società segrete compiere il primo passo verso la Chiesa, con lo scopo di conquistare entrambi. Il compito che stiamo per intraprendere non è il lavoro di un giorno, o di un mese, o di un anno; può durare molti anni, forse un secolo (previsione precisissima, anche nei mesi! N.d.a.); ma nelle nostre file: il soldato muore e la lotta prosegue. Noi non intendiamo guadagnare i Papi alla nostra causa, farne dei neofiti dei nostri principî, dei propagatori delle nostre idee. Sarebbe un sogno ridicolo e, in qualsiasi modo si svolgano gli avvenimenti, se per esempio dei Cardinali o dei prelati siano entrati, di loro spontanea volontà o di sorpresa, a parte dei nostri segreti, questo non è nient'affatto un incentivo per desiderare la loro elevazione alla Sede di Pietro. Quella esaltazione ci rovinerebbe. L'ambizione li avrebbe condotti all'apostasia, i bisogni del potere li costringerebbero a sacrificarci. Quello che noi dobbiamo domandare, quello che dobbiamo cercare e aspettare, come gli ebrei aspettano il Messia, è un Papa secondo le nostre necessità [...]. Con quello marceremo più sicuramente all'assalto della Chiesa che con gli opuscoli dei nostri Fratelli in Francia e anche con l'oro dell'Inghilterra. Volete saperne la ragione? È questa: per distruggere la pietra sulla quale Dio ha costruito la Sua Chiesa, noi non abbiamo bisogno di aceto annibaliano, o di polvere da sparo, né delle nostre stesse braccia. Noi abbiamo il dito mignolo del successore di Pietro impegnato nella congiura e questo dito vale per una simile crociata tutti gli Urbani II e tutti i San Bernardo della cristianità. Senza dubbio raggiungeremo questo fine supremo dei nostri sforzi. Ma quando? Come? L'ignoto non è stato ancora rivelato. Ciononostante, niente deve dissuaderci dal piano tracciato; al contrario, tutto deve tenderci: l'opera è appena abbozzata, ma fin da oggi dobbiamo lavorarci con lo stesso ardore come se il successo dovesse coronarla domani. Desideriamo che questa istruzione rimanga segreta per i soli iniziati, e che venga detto ai soli ufficiali del consiglio della suprema Vendita (Loggia) che dovrebbero instillarla nei loro Fratelli, in forma di istruzione o di memorandum [...]. Or dunque, per assicurarci un Papa fornito delle qualità richieste, si tratta di formare a questo Papa una generazione degna del regno che desideriamo. Lasciamo da parte le persone anziane e quelli di età matura; andiamo alla gioventù, e se è possibile, anche ai bambini [...]. Escogiterete per voi stessi, senza grandi sforzi, una reputazione di buoni cattolici e di puri patrioti. Questa reputazione permetterà l'accesso delle nostre dottrine negli ambienti del giovane clero, così come nei conventi. Per forza di cose, nel giro di alcuni anni, questo giovane clero avrà occupato tutte le cariche; esso governerà, amministrerà, giudicherà, formerà il consiglio del sommo gerarca, sarà chiamato a scegliere il Pontefice che deve regnare. E questo Pontefice, come la maggior parte dei suoi contemporanei, sarà necessariamente imbevuto più o meno dei principî italiani umanitari (leggi "rivoluzionari") che abbiamo incominciato a mettere in circolazione. È un piccolo grano di senape nera che stiamo affidando alla terra; ma la luce del sole della giustizia lo farà crescere sino al potere più elevato, e un giorno vedremo che ricco raccolto produrrà questo piccolo seme. Nel percorso che stiamo tracciando ai nostri Fratelli si devono vincere grandi ostacoli e superare molteplici difficoltà. Si trionferà con l'esperienza e con la perspicacia. Ma il fine è così bello che vale la pena di spiegare tutte le vele al vento per raggiungerlo. Volete rinnovare radicalmente l'Italia? Cercate il Papa di cui abbiamo appena disegnato il profilo. Desiderate stabilire il regno degli eletti sul trono della prostituta di Babilonia? Lasciate il clero marciare sotto il Suo stendardo, mentre crede di marciare sotto la bandiera delle Chiavi Apostoliche. Vuoi distruggere l'ultimo vestigio dei tiranni e degli oppressori? Piazzate le vostre trappole (le reti) come Simon Pietro; gettatele nelle sacrestie, nei seminari e nei conventi piuttosto che in fondo al mare: e se non avete fretta, vi promettiamo una pesca più miracolosa della sua. Il pescatore di pesci divenne pescatore di uomini; voi porrete dei nostri amici attorno alla Cattedra Apostolica. Avrete predicato una rivoluzione in tiara e cappa, camminando con la croce e la bandiera, una rivoluzione che non avrà bisogno se non che di essere un po' spronata per mettere il fuoco ai quattro lati del mondo».

Ora non ci rimane che esaminare se questo piano è stato coronato da successo».

Lasciamo il giudizio al lettore, ma a noi sembra che il progetto si sia realizzato pienamente, anche se le fasi conclusive sono ancora in atto, si stanno dando gli ultimi ritocchi, ma oramai il treno è in corsa inarrestabile … tranne interventi divini. Lasciamo agli storici l’analisi degli eventi e dei personaggi che hanno reso possibile il pieno successo delle strategie operate e pianificate attentamente e scaltramente. Oggi, coloro che hanno reso evidente e completo il successo del piano ordito, sono addirittura sugli altari della Chiesa modernista, e non potrebbe essere altrimenti visti gli attuali nocchieri di una barca oramai infiltrata fin negli angoli più remoti dai deliri neo-pseudoteologici della “sinagoga di satana”. La vera chiave di questa vittoria schiacciante, non è stata solo l’elezione di marrani o di “giuda-iscarioti” al soglio di Pietro (quelli che si dicono papi ma non lo sono) in una “chiesa” della quale S. Giovanni ha detto:Conosco le tue opere; ti si crede vivo e invece sei morto”, né l’indizione di un falso concilio, piuttosto un conciliabolo appestato da ecumenismo massonico, giunto “nell'ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra” (Apoc.III,10), bensì la formulazione del cosiddetto “novo ordo missae, la falsa messa marrano-massonico-protestante che ha sostituito il Katekhon del Messale Romano. Il Cattolicesimo ha retto nei millenni, nonostante persecuzioni, guerre, assalti di ogni tipo, perché poggiato sulla Roccia di Pietro e sul Sacrificio di N.S. Gesù Cristo, i due elementi strutturali che hanno puntellato la Santa Chiesa impedendo alle porte del male di prevalere, secondo le promesse evangeliche. In successivi scritti, a Dio piacendo, evidenzierò gli oltraggi sacrileghi e blasfemi perpetrati nel “novus ordo”, nelle messe circensi, clownesche, jè-jè, di rito “caprese-suessolano” e così via, ma in questa sede accennerò solo alle offerte, “frutto della terra e del lavoro dell’uomo” che attualmente vengono portate nientemeno che al “signore dell’universo”, signore con la “s” minuscola e ne spiegherò il perché. In Genesi IV-3 leggiamo: “… Caino offrì frutti del suolo in sacrificio al Signore …” frutti che il Signore non gradiva affatto, espressione che ha sostituito nell’“Unde et memores “… presentiamo alla tua gloriosa Maestà, scelta tra i beni che Tu stesso ci hai dato, la vittima pura, la vittima santa, la vittima senza macchia, il Pane santo della vita eterna e il Calice della salvezza perpetua”,incalzata dalla seguente “Supra quae” :“sopra queste offerte dégnati di posare il tuo sguardo favorevole e benevolo; accettale come hai voluto accettare i doni del tuo servo Abele il giusto, il sacrificio di Abramo, nostro patriarca, e quello di Melchisedech, tuo sommo sacerdote, offerta santa, sacrificio senza macchia”. Ecco che l’offerta della Vittima pura ed immacolata, gradita infinitamente dal Padre, viene sostituita dai banalissimi frutti della terra e del lavoro dell’uomo che Dio aborrisce. Ma non finisce certamente qui, data l’audacia “ardimentosa” dei massoni compilanti.

Il canone del Messale Romano inizia con le parole: “Te ígitur, clementíssime Pater,…” con la T ben evidenziata da incisioni artistiche, a richiamare il “tau”, simbolo della Croce del Cristo. La nuova “pantomima vernacolare” riprende il sacrificio di Caino e non quello di Abele. Infatti, si trova nell’offertorio “Benedetto sei tu, Dio dell’universo:dalla tua bontà abbiamo ricevuto …”. Ma chi è questo Dio dell’universo? Benedetto sei tu, dio dell’universo” è una espressione della cabala giudaica. Non si dice infatti: “Benedetto sei tu Dio, Creatore dell’universo” ma : “Benedetto sei tu, dio dell’universo”, cioè dio immanente all’universo, anima della materia. Questo è tipicamente cabalistico, è panteismo luciferino, morbo che ha infettato tutta la Nuova teologia modernista!

Pensavamo fino a poco fa che queste considerazioni fossero esagerate, allucinazioni di inguaribili complottisti, che non si potesse arrivare a tanto, finché ci ha colto lo sgomento nel leggere, in un testo di Domenico Margiotta, noto massone luciferiano, del 1895, quanto trascrivo fedelmente: “Che cosa è dunque il Signore dei Cieli, se non è il Dio dei pigri, degli oziosi e dei vagabondi che immaginano lo spirito e si satollano di materia, che vivono di idee e consumano la realtà? Non c’è spirito senza materia e sono identificati l’uno all’altro, se no, il Signore dei Cieli è il Dio del Nulla; mentre Satana è invece, il dio dell’Universo! Il dio dell’Universo, poiché comprende in un solo essere spirito e materia, l’una non potendo sussistere senza l’altro. Quello solo deve essere per noi il dio che le governa tutt’e due, e quello è Satana”(Domenico Margiotta: Le palladisme: Culte de Satan-Lucifer dans les triangles maçonniques, Grenoble 1895, p.44).

Il Card. Montini, (il futuro “fasullo papocchio”, il sedicente Paolo VI, il 27 marzo 1960, a Torino: “L’uomo moderno non arriverà, un giorno, a mano a mano che i suoi studi scientifici progrediranno e scopriranno delle realtà nascoste dietro il viso muto della materia, a tendere l’orecchio alla voce meravigliosa dello spirito che palpita in essa?  (eresia panteista, volgarizzata negli anni 1950 da Teilhard de Chardin). Non sarà la religione del domani? Lo stesso Einstein intravide la spontaneità di una religione dell’universo. O non sarà forse la mia religione oggi? Il lavoro non è di già ingaggiato nella traiettoria diretta che mette capo alla religione? (La Documentation Catholique.  n° 133, 19 giugno 1960, p.764-765). Montini lascia così intravedere che il “panteismo evoluzionista” era fin d’allora la sua religione personale. Non è senza interesse notare che questa “religione dell’universo” ispirerà il messale montiniano: “Benedetto sei tu, Dio dell’universo …”. A questo misterioso “dio dell’universo”, viene offerto il frutto dell’agricoltura, da mangiare e bere. Nella vera Messa, il vero sacerdote dice: “ Ricevete, Padre Santo, Dio onnipotente ed eterno, questa Vittima senza macchia…” cioè, l’Agnello di Dio, il più bello del gregge, per essere offerto. Per capire il significato profondo di questa differenza, riportiamoci ancora alla Sacra Scrittura. “Dopo molto tempo, Caino offrì a Dio sacrificio dei frutti della terraAbele poi offrì dei primogeniti del suo gregge, dei più grassi. Dio guardò Abele e i suoi doni, ma non guardò Caino e i doni di lui. Caino si adirò grandemente e il volto suo s’abbatté” . “Disse Caino al fratello Abele: “Usciamo fuori”. E come furono pei campi, Caino insorse contro il fratello Abele e l’uccise”. (Gen. IV, 5-6 e 8). Come non confrontare quest’avvenimento storico con la “chiesa conciliare” diventata la chiesa di Caino, con il suo rito (la “nuova messa”) che vuole uccidere la Chiesa di Abele, con il suo rito gradito a Dio (la Santa Messa di sempre, detta di san Pio V)? Come si vede, questa volontà dei nemici della Chiesa di distruggere il Santo Sacrificio, risale a molto tempo addietro. (L’Église éclipsée, Ed. Delacroix 1997, p. 236, nota 1). Cari lettori, non trasecolate, reggetevi forte! D’altre parte il nome del cardinal Bugnini, cui era stata affidata la composizione del finto testo sacro, non è stato ritrovato nella lista dei piduisti di Pecorelli, cosa per la quale fu allontanato (ma non deposto!) in Iran come nunzio apostolico? Già è tanto che non ci abbiano direttamente propinato il baphomet!

Ma non è finita ancora!! Questo strano “dio dell’universo”, anima panteista del mondo, è pure osannato tre volte al “Santo” prendendo così il posto del “Sanctus Dominus Deus Sabbaoth”, di biblica memoria. Prima o poi, vedrete, giusto per non far torto agli animalisti ed ai “gender” ci rifileranno pure il serpente sull’altare e la sacra orgia, giusto per completare la sceneggiata gnostica!

Per fortuna il Rito venerando è ancora praticato in anguste cappelline ed oratori da coraggiosi sacerdoti perseguitati dai modernisti finto-cattolici, e da marrani di ogni sorta. Torneremo nelle catacombe, se necessario, (anzi ci stiamo già) ma al Messale Romano non rinunceremo mai, perché questo significherebbe perdere il rito dei nostri Padri ed in definitiva la fede nella Chiesa Una, Santa, Cattolica, Apostolica, Romana, l’unica vera Chiesa di Cristo che dà salvezza eterna! Nelle chiese della nostra valle, come in tutto l’orbe, si celebra, come in un pittoresco fast food, una blasfema tavola calda, un’offerta al baphomet, dio della massoneria, con la compiacenza di stolti, dormienti, infingardi e conniventi pastori “cani muti” che conducono se stessi e le pecore ignare ad essere pasto di infernali e crudeli macellai! Ma non perdiamoci d’animo, piuttosto preghiamo, dal salmo LIV: “Tu, Dio, li sprofonderai nella tomba gli uomini sanguinari e fraudolenti: essi non giungeranno alla metà dei loro giorni. Ma io, Signore, in te confido”.Che il Cuore della Vergine alfine trionfi, così come ci ha promesso a Fatima! “Oremus pro beatissimo Papa nostro Gregorio, Dominus conservet eum, benedicet eum, et beatum faciat eum in terra et non tradat in animam inimicorum eius”. Con gaudio ed affetto vi saluta il vostro:

Fra’ Macario del Preziosissimo Sangue

[Da: “La valle di Suessola” gen. 2015]

45 commenti:

  1. A onor del vero, la Santa Messa di sempre, grazie a Benedetto XVI, si è diffusa moltissimo in Italia e nel mondo )nel nostro paese ci sono quasi duecento centri di Messa se contiamo la Fraternità S. Pio X e la Mater Boni Consilii) ed è ormai celebrata da Vescovi e Ordini religiosi. Quanto alla Messa paolina, tutto dipende dallo spirito e dalla modalità con cui viene celebrata: se essa è officiata alla maniera degli Oratoriani del Brompton di Londra, per fare un esempio, oppure al modo di Ratzinger quando era papa, essa non ha molto da invidiare al rito romano tradizionale ed è certamente valida. Comunque, il Canone Romano non è stato abolito ed è utilizzato anche nella Messa nuova, sia in latino sia in lingua volgare. I Francescani dell'Immacolata lo utilizzano ad ogni Messa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La santa Messa di sempre non si è diffusa in Italia e nel mondo, nonostante le astuzie di Ratzinger , detto Benedetto XVI, per distogliere cattolici dalle messe di tradizione e riportarli nella chiesa ufficiale che cattolica non è più.
      La santa Messa cattolica secondo San Pio V è celebrata dall'IMBC mentre la Fraternità celebra una messa tradizionale sì,ma "una cum Bergoglio" che è una contraddizione di per sè...
      Ho l'impressione che vi sia un po' di disinformazione e confusione di idee !

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Concordo perfettamente con Francesco, in modo particolare quando dice che "la Messa paolina è certamente valida" e sarebbe un'eresia dire il contrario.

      Elimina
  2. Esistono belle celebrazioni e brutte.

    Nel post precedente ho sollevato alcune obiezioni sulla celebrazioni della domenica delle Palme postata in questo blog, spero che qualcuno possa rispondermi:

    Mi riferisco tra le altre cosa a:

    1. Il colore liturgico, rosso all'inizio e viola durante la celebrazione;

    2. La celebrazione inizia di fronte ad un altare, non consacrato e affacciato sul nulla, a cui il celebrante si rivolge con la stessa ossequènza tributata al Santissimo;

    3. Non ho capito perché, ad un certo punto, le persone si inginocchiavano per avere la benedizione dell'ulivo;

    4. Non ho capito da dove nasca l'uso di battere la porta con il Crocifisso, non mi è piaciuta, un Crocifisso (anche se solo il bastone) non si usa così;

    5. La passio, non era proclamata, o meglio cantata, con il gregoriano, ma biascicata quasi in silenzio.

    Ci sarebbero tanti altri "difetti" e mi chiedo quale sia l'elemento essenziale di una celebrazione per esprima il sacrificio di Nostro Signore?

    Sintesi e poche parole comprensibili!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Vai a chiedere direttamente al sacerdote officiante e digli in faccia che la sua messa è "brutta" se vuoi avere risposte alle tue provocazioni inutili, anonimo del piffero !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la scusa delle provocazioni inutili, mardu non è in grado di risponderti!

      Elimina
  5. Evviva la riforma liturgica, abbasso i nostalgici passatisti! Siete finiti!

    RispondiElimina
  6. Tieniti il tuo baphomet ... adoralo al triagio e non dimenticare il grembiulino, così la sceneggiata viene meglio!

    RispondiElimina
  7. Niccolò Piccolo Pagano2 maggio 2015 10:23

    Finalmente dopo più di mezzo secolo avete capito, ad opera del mattacchione fra’ Macario, che la riforma (=distruzione) liturgica è servita ad introdurre, al pari di quella luterana ed anglicana, l’ “abominio della desolazione” ed instaurare il culto a lucifero-baphomet! Che prontezza di riflessi e che reattività cerebrale! Complimenti!! Con questa lucidità mentale si può introdurre praticamente tutto nella Chiesa, senza che ci si renda conto di star marciando sotto lo stendardo del cornuto! Quanto altro dovrete aspettare perché arrivi un altro fra’ Macario, o meglio un nuovo Elia, a svegliarvi dal letargo nel quale siete piombati nella totale confusione spirituale, circuiti dai sacerdoti di baal? Invochiamo il Cuore Immacolato della Vergine Maria perché trionfi quanto prima e si torni a marciare sotto lo stendardo di Cristo tenuto dal legittimo successore di Pietro!

    RispondiElimina
  8. Obbedite a papa Francesco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo schizzato non sa dire altro, ormai è diventata la sua parola d'ordine ....

      Elimina
  9. E chi è? Per caso quel buffone che gira nel vaticano con una talare bianca da carnevalata al servizio dell' illuminato volpone di Baviera! Che simpatico ...ha ragione fra Macario: "Oremus pro beatissimo Papa nostro Gregorio, Dominus conservet eum, et vivificet eum, beato faciat eum in terra et non tradat eum in animam inimicorum eius! "Amen!

    RispondiElimina
  10. Ma come fate ad opporvi a papa Francesco, come? Ha pure appena ricevuto gli apprezzamenti di Emma Bonino alla quale ha telefonato per domandarle della sua salute. È un papa molto umano! Proprio non capisco perché ce l'abbiate così tanto contro. Ma che vi ha fatto? Fa solo tanto bene! Forse siete solo invidiosi....

    RispondiElimina
  11. Son d'accordo con uno dei centimillesimi anonimi del 3 maggio 17,23 !
    E' così carino e simpatico Bergoglio, detto papa Francesco, che ha pure chiamato la Bonino per sentire della sua salute....
    La prima abortista d'Italia, la propagatrice dell'aborto, mai pentita, la asservita al partito Radicale, peggior fomentatore di devastazione morale in Italia, sì proprio lei è stata oggetto di recente telefonata papalina.
    Ma com'è buono questo Bergoglio !
    Ma com'è caro e premuroso questo Bergoglio !
    Ma come si preoccupa specialmente dei massacratori d'innocenti, di immigrati clandestini, di islamici, di giudei, di ogni genere di razze e uomini !
    Si vede che è proprio illuminato ! Un papa tutto d'un pezzo, un vero e chiaro rappresentante della Chiesa cattolica come mai se ne videro prima, escluso i beatissimi Woityla (il santo subito e quasi successe subito) , Montini e Roncalli.
    Questi ultimi proprio preparatori e precursori della bontà bergogliana verso i massacratori, gli invasori, i carnefici (ricordo l'accordo di Roncalli , detto di Metz, per non parlare del comunismo in concilio) gli stupratori i persecutori dei cristiani....
    Che meraviglia di papi e di papa !
    Perchè continuare a bersagliarlo ?
    Pura cattiveria !

    "cosiddetto “novo ordo missae, la falsa messa marrano-massonico-protestante che ha sostituito il Katekhon del Messale Romano. Il Cattolicesimo ha retto nei millenni, nonostante persecuzioni, guerre, assalti di ogni tipo, perché poggiato sulla Roccia di Pietro e sul Sacrificio di N.S. Gesù Cristo, i due elementi strutturali che hanno puntellato la Santa Chiesa impedendo alle porte del male di prevalere, secondo le promesse evangeliche...."
    Ora tutto è superato da Bergoglio, l'Illuminato non di Baviera, ma dell'Argentina massonica !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa ne sai tu? Potrebbe anche essere che P. Francesco con la Bonino, ha provato a comportarsi come Gesù si comportò con i peccatori (eccetto quelli ostinati), acciocchè si ravvedessero e si convertissero! I giornalisti hanno riportato una cosa e bisogna vedere come l'hanno riportata. Per caso tu eri presente al colloquio tra il Papa e la Bonino, oppure hai dei particolari doni di veggenza?

      Elimina
    2. Io lo so! Mardu ha dei particolari doni di veggenza e ci vede molto bene, talmente bene che non riesce più a distinguere i veri Papi, arrivando fino al punto di proclamarsi sedevacantista! Vero, marduvacantista?

      Elimina
    3. E' vero mardu hai ragione! C'è l'illuminato di baviera, dell' Argentina e c'è pure l'illuminato (veggente) marduvacantista!

      Elimina
  12. Tanto per iniziare la roccia non è Pietro. Il vangelo lo chiama "pietra" non roccia. La roccia è Cristo sul quale, tramite la fede, si appoggia la pietra, Pietro e con lui tutti quelli che diventano pietre. Non hai studiato, Mardu!, e vuoi dettar legge...

    RispondiElimina
  13. Ottimo, Anonimo, ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://apostatisidiventa.blogspot.it/2015/05/buon-senso-sulla-sede-vacante.html#more
      http://apostatisidiventa.blogspot.it/2015/05/dio-salvi-il-papa.html#more

      Elimina
    2. Interessante l’articolo di Fra’ Macario, che pur essendo documentato ci sono delle cose che non mi tornano, perchè io, mi pongo queste domande: ma CHI, avrebbe la certezza di affermare che tutti questi Papi conciliari siano i Papi voluti dalla massoneria? Magari, quel qualcuno dirà che ci sono documentazioni varie contro questi Papi e che hanno esattamente tutte le caratteristiche descritte dai massoni, mentre invece la CERTEZZA chi ce l’ha? E’ una cosa molto rischiosa dire con esattezza assoluta che questi non sono veri Papi e che la Sede di S. Pietro è vacante. E se davanti a Dio non risultasse in questo modo, come la mettiamo, come ci giustificheremo? Qui, c’è confusione su confusione, nata proprio da certe documentazioni. Voglio aggiungere anche che la mistica Beata Madre Speranza deceduta nel 1983 e S. Pio, si conoscevano attraverso la bilocazione e che dunque la Madre, si è “beccata” la Messa paolina e quindi i sacerdoti e vescovi postconciliari, ma in Nome di quel Dio con il Quale era costantemente a contatto, non si è mai azzardata a dire che questi erano nulli, invalidi, luciferini, altrimenti, se lo fossero stati veramente, Gesù l’avrebbe messa immediatamente in guardia! Ecco perché queste teorie di sedevacantismo, di sacerdozio postconciliare invalido, nullo, di Messa N. O. invalida (sia ben chiaro che non mi riferisco a “messe jè, jè” e cretinate varie di certuni preti e vescovi impazziti), di Sacramenti invalidi, ecc., non reggono e sono molto pericolose. Addirittura, P. Pio aveva confidato a un suo figlio spirituale che la sua missione sarebbe terminata quando sulla terra non si sarebbe più celebrata la Messa e il Padre ancora continua la sua missione come dispensatore di grazie presso Dio a tantissime anime, che continuano tuttora a testimoniare quanto “lavori” P. Pio (e ovviamente, parlo di anime che partecipano alla Messa N.O. e che riconoscono i Papi postconciliari come legittimi)) e persino io che partecipo alla messa paolina ne ho ricevute tre, perché quelle tre cose che gli ho chiesto le ho ottenute e tra quelle tre grazie, c’è stata anche la guarigione di un mio famigliare, giusto per rendere l’idea. Perciò, a volte, facciamo attenzione nell’ ostinarci a giudicare certe cose che sono molto più grandi di noi, cercando di non alimentare ulteriormente la confusione e lo scandalo nelle anime, perché in quel caso, dovremo renderne conto a Dio e avremo una grandissima responsabilità presso di Lui e se qualcuno ha intenzione di prendersela, faccia pure, ma riflettiamoci bene. Comunque, approfitto per ringraziare tantissimo Gianluca per la pazienza e disponibilità che ha nei confronti dei vari commentatori, permettendogli di dire la loro - perché non tutti i blog lo fanno – pur non pensandola in alcuni casi allo stesso modo, anche se ogni tanto lo facciamo “impazzire” e lo ringrazio anche per gli articoli molto interessanti che pubblica, comprendendo bene le difficoltà che comporta la gestione di un blog.

      Elimina
    3. Bella sintesi molto equilibrata

      Elimina
    4. Come lo sei tu d'altronde.

      Elimina
  14. Carissimi la certezza ce la da il Magistero e la sana teologia tomistica ,Chi di voi si è guardato gli atti del Concilio Vaticano vero, le encicliche di Pio lX ,Leone Xlll e Pio XII? Se ci date solo uno sguardo sperficiale capireste subito .ma non c'è nessun cieco più cieco di chi non vuole vedere! Dalla Chiesa viene la certezza! Chi dice che il Papa è infallibile viene da Dio e da Cristo! Chi dice che il Papa è un simpatico personaggio che parla apparentemente con garbo ma il suo linguaggio è solo gnostico e csbalistico ... anathema sit! Chi dice che un vero Papa è amico di Pannella e Bonino ... a.s. Chi dice che un vero Papa incoraggi abostisti eoperatori gender anche se blatera di pace ...a.s. Chi dice che il Papa stabilisca che il "signore dell'universo" (cioè baphomet) debba essere adorato in una messa cattolica, sacrificio di Cristo rinnovato in terra ed offerto alla Santa Trinità...a.s.I sentimentalismi pseureligiosi li coltivino i movimentisti di ogni risma. Noi restiamo Cattolici. Pregherò per tutti voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chi dice che il Papa è infallibile viene da Dio e da Cristo!". E invece chi dice che il Papa non è vero Papa, che cos'è?

      Elimina
  15. Giustissimo fra’ Macario quello che hai detto: che la certezza viene dalla Chiesa e ce la da il Magistero e la sana teologia tomistica e ovviamente anche le Encicliche Papali e fin qui ci siamo, ma come te le spieghi le cose che ho detto più sopra riguardo P. Pio e Madre Speranza? Quelli, sono due Santi! In più, bisogna vedere se Papa Francesco fa veramente l’amicone di Pannella e la Bonino, oppure se la cosa viene fatta passare come tale dai giornalisti, ecc. “Chi dice che un vero Papa incoraggi abostisti eoperatori gender anche se blatera di pace …” Ma finora io non ho mai sentito direttamente dalla bocca del Papa incoraggiare certe orrende cose e cambierò opinione su di lui, semmai le dovessi sentire (non dai giornali che possono inventare e tagliare ciò che vogliono) certe mostruosità. Se ci fosse un video, cambierò immediatamente idea su di lui. Tu, dove le avresti sentite queste parole? "I sentimentalismi pseureligiosi li coltivino i movimentisti di ogni risma" Scusa un attimo, ma se ti riferisci al mio caso le grazie che ho ricevuto per intercessione di P. Pio sono grazie importanti e ne ho citato solo una per dare un'idea di quello che ho ricevuto, perchè le altre due sono molto personali e non si tratta affatto di sentalismi pseudoreligiosi, perchè io non vivo di quelli, ma vivo di fede, in quanto sono e mi reputo Cattolico, anche perchè i sentamentalismi non si concretizzano, soprattutto quando avvengono grandi guarigioni fisiche. Grazie per le tue preghiere nei nostri confronti, che contraccambierò anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, ma volevo dire "sentimentalismi"; purtroppo ho alcuni problemi con la tastiera che salta alcune lettere.

      Elimina
  16. Ho riacceso il computer solo da poche ore dopo una settimana di forzata assenza. Ho letto questo articolo e i precedenti, corredati da un numero esagerato di commenti anonimi O.T. e insulsi che mi hanno quasi stordito. Mi sono dispiaciuto di non aver potuto dare il mio modesto contributo prima. A riguardo della Chiesa eclissata (praticamente nessun lettore ha fatto commenti pertinenti) devo ammettere che l'intuizione è interessantissima e calzante. Non deve passare inosservata. Bisogna però approfondirla. Alla luce di quanto scritto sul numero di maggio su "Chiesa viva" a proposito del conclave del 1958 (Il Papa nascosto e prigioniero, pag. 4), ora che è stato dissecretato il contenuto dell'archivio del FBI, passati più di 50 anni, è fuori dubbio che fu veramente eletto Papa il Cardinale Giuseppe Siri col nome di Gregorio XVII, costretto a rinunciare dopo appena mezz'ora. Se, e ripeto se, come si insinua, la rinuncia fu estorta con la violenza o l'intimidazione, essa fu nulla e il vero papato fu eclissato dall'illegittimo Giuseppe Roncalli e poi da Montini, da Luciani e da Wojtyla fino alla morte di Siri nel 1989. E' verosimile che lo stesso Gregorio XVII, una volta resosi conto lucidamente dell'inganno subìto, abbia provveduto nella clandestinità a creare nuovi cardinali in vista della continuazione del governo della Chiesa eclissata. Non sappiamo chi possa essere stato eletto dopo di lui, ma è probabile che anch'egli viva nell'anonimato e nel nascondimento in attesa di tempi favorevoli alla sua manifestazione pubblica. La Santa Sede non sarebbe dunque vacante, ma eclissata da un falso papa e da una falsa chiesa, come dicono la Emmerich, la Jahenny, santa Brigida e come si potrebbe arguire anche dalla stessa Apocalisse (12, 14-16). I problemi teologici o i dubbi sulla indefettibilità della Chiesa legati alle tesi sedevacantiste sarebbero così eliminati e nel contempo si spiegherebbe l'eresia o l'apostasia dei papi conciliari, con le loro canonizzazioni farlocche e tutte le devianze ecumeniste e sincretiste. Il versetto succesivo però (Apocalisse 12, 17) ci avverte di quanto è in atto in questi tempi, che cioè il diavolo, infuriato contro il popolo dei veri cristiani che continuano a osservare i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù (=Tradizione), muove guerra contro il RESTO (!!!) della sua discendenza...

    RispondiElimina
  17. In conclusione: sono d'accordo con quanto detto da Fra' Macario del Preziosissimo Sangue (nome affascinante sia per il riferimento al santo asceta dell'Egitto, sia per il riferimento al Sangue della Redenzione!). Soltanto vorrei precisare che il famigerato Annibale Bugnini fu arcivescovo, ma non cardinale.
    Per quanto invece riguarda il rito antico della settimana santa, oggetto di critiche dell'Anonimo del 30 aprile alle 22:59, non avendo tempo a disposizione per spiegare puntualmente ogni cosa, mi limito a dire che non ha tutti i torti. Il rito attuale (Novus Ordo) è pessimo sotto ogni aspetto e si discosta alquanto dalla prassi antica. Quello antico però (Vetus Ordo) non è arrivato a noi esente da imperfezioni e inquinamenti, sia pure accidentali, estetici e culturali, che non toccano la sostanza della dottrina ortodossa. L'antico rito fu già alterato e infarcito prima del mille da superfetazioni mutuate dal rito gallicano. Così appesantito in alcuni aspetti e mutilato in altri era arrivato fino al 1954 quando Pio XII lo riformò su suggerimento soprattutto del suddetto Bugnini che, con l'intento o il pretesto di semplificarlo, lo devastò ulteriormente introducendovi anche delle innovazioni arbitrarie e confuse. Per saperne di più si potrebbe leggere di Mario Righetti, "Storia Liturgica", ed. Ancora, o del Card. Alfredo Ildefonso Schuster, "Liber Sacramentorum", o qualche opera specialistica, poiché la cosa è veramente complessa. L'intero rito della settimana santa avrebbe bisogno di un' accurata e prudente operazione di restauro, impossibile da compiersi nell'iniquità dei tempi attuali sia per l'assenza dell'Autorità legittima, sia per l'assenza di liturgisti e musicisti esperti, competenti, onesti e cattolicamente ortodossi. Ad ogni modo, nonostante le piccole imperfezioni o incongruenze segnalate dall'anonimo lettore, il rito antico è senza esitazione di gran lunga preferibile a quello nuovo, sia per il contenuto ricco, sicuro e autentico, sia per la bellezza che esprime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella sintesi molto equilibrata.

      Elimina
  18. Niccolò Piccolo Pagano4 maggio 2015 19:05

    Bravo Michele, finalmente un commento serio! Non ti sfugga però la preghiera che invito tutti a fare quotidianamente per Papa Gregorio, come suggerita da Fra Macario ... non a caso! poi rivolgo ancora una riflessione: "Chi dice che il Papa possa seguire il consiglio degli empi (es. Scalfaro, Traettino, illuminati vari), indugiare nella via dei peccatori (islamici, eretici d’Oriente e d’Occidente, Pannella, Bonino e simili), o sedere in compagnia degli stolti (nelle sinagoghe di tutto il mondo), Anathèma sit!... oltre che non essere beato (=dannato), come dice il Salmo 1 (lo conoscete, certamente). Un saluto affettuoso nel Nome di Cristo-Re.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un commento serio??? Ma voi siete 'mbriachi! Certo ... continuate a pregare per papa Gregorio XVII e per il suo successore clandestino che avrebbe creato nuovi cardinali ...
      Se credete alle favole peggio per voi.

      Elimina
  19. E chiarezza fu fatta !
    Grazie per la pazienza che Mardunolbo non ha, perchè non la può avere con certi anonimi provocatori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vostra è pura fantascienza e la Chiesa è certamente eclissata, ma a causa vostra che fate dire al Papa quello che non ha mai detto e trovate sempre la scusante della provocazione!

      Elimina
    2. un vero amico5 maggio 2015 14:57

      Caro anonimo, consiglio a te ed al tuo compagno di merenda “mister B.” Bergoglio, oltre che al “fine teologo dell’inganno” alias Benedetto e compagno padre Jorge, di fare le valigie, di inventarsi una scusa, una malattia, un impedimento qualsiasi, e andarsene quanto prima, poiché essendosi rotto il giocattolo, coloro che lo utilizzavano, vorranno disfarsi dei cocci quanto prima, visto che ormai non incanta più come una un tempo i bulli come noi altri! Fate presto, prima che sia troppo tardi. Buona fortuna! Pregherò per voi!

      Elimina
    3. Senti "un vero amico", se tu fossi veramente un vero amico, rimarresti unito al Papa e non mi daresti certi consigli infernali, quindi le valigie falle tu perchè il tuo padre che sta "laggiù" ti aspetta a braccia aperte se non ti muoverai a ritornare nel seno della Chiesa, in unione al Papa. No, grazie, le preghiere degli eretici sedevacantisti che ripetono sempre la solita tiritera perchè non sono in grado di dare risposte più approfondite a determinati quesiti, noi non le vogliamo e anche il tuo "commentuccio" poverello, ne è un' ulteriore dimostrazione! Buona fortuna anche a te!

      Elimina
  20. Aggiungo questi link per correttezza nei confronti di Papa Francesco:
    http://www.huffingtonpost.it/2014/01/13/papa-francesco_n_4587668.html
    http://www.news.va/it/news/difendere-la-vita-sempre-sin-dal-concepimento-cosi
    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/11/15/a-futura-memoria-il-papa-su-aborto-eutanasia-procreazione-artificiale/
    http://www.huffingtonpost.it/2013/09/19/papa-francesco-gay_n_3954780.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo le parole integrali dette da P. Francesco, bravo, ben fatto. E chiarezza fu fatta!

      Elimina
  21. E chiarezza fu fatta !
    Grazie per la pazienza che Mardunolbo non ha, perchè non la può avere con certi anonimi provocatori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quale chiarezza? In questo modo create maggiore confusione! "Grazie per la pazienza che Mardunolbo non ha, perchè non la può avere con certi anonimi provocatori..."
      Ovvio: non sai dare nessuna risposta alle domande e spiegazioni dell' Anonimo delle 12,27 e delle 15,40 ed è evidentissimo che non ha fatto alcuna provocazione, spiegando semplicemente il suo punto di vista, ma dove non ti conviene rispondere fai l'indiano, eh, continuando a trovare la scusa della provocazione?

      Elimina
    2. Ma com'è buono questo Bergoglio !
      Ma com'è caro e premuroso questo Bergoglio !
      Ma come si preoccupa specialmente dei massacratori d'innocenti, di immigrati clandestini, di islamici, di giudei, di ogni genere di razze e uomini !
      Si vede che è proprio illuminato ! Un papa tutto d'un pezzo, un vero e chiaro rappresentante della Chiesa cattolica come mai se ne videro prima, escluso i beatissimi Woityla (il santo subito e quasi successe subito) , Montini e Roncalli.

      Elimina
  22. Ma com'è buono questo Bergoglio !
    Ma com'è caro e premuroso questo Bergoglio !
    Ma come si preoccupa specialmente dei massacratori d'innocenti, di immigrati clandestini, di islamici, di giudei, di ogni genere di razze e uomini !
    Si vede che è proprio illuminato ! Un papa tutto d'un pezzo, un vero e chiaro rappresentante della Chiesa cattolica come mai se ne videro prima, escluso i beatissimi Woityla (il santo subito e quasi successe subito) , Montini e Roncalli.

    RispondiElimina
  23. Attento alla calunnia che è un peccato molto grave! Mi meraviglio che nonostante ci siano discorsi molto chiari del Papa contro i matrimoni gay, l'aborto, ecc., si continua a dire il contrario mistificando la verità con la menzogna, vergognatevi! E' un grave peccato anche non riconoscere i veri Papi come tali: pura eresia! W Papa Francesco e tutti i suoi predecessori!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.