Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

giovedì 3 dicembre 2015

"'Chiunque desideri essere salvato deve soprattutto detenere la Fede Cattolica; a meno che ciascuno la preservi integra ed inviolata egli perirà senza dubbio nell'eternità".


IL CREDO ATANASIANO... 

 http://cfile215.uf.daum.net/image/121EDB394DC4609928F1BD

Il Credo Atanasiano è uno dei credi più importanti della Fede Cattolica. Esso contiene uno splendido riassunto della credenza di un Cattolico nella Santissima Trinità e nell'Incarnazione, essenti i 2 dogmi fondamentali della Cristianità. Prima dei tentati cambiamenti alla Sacra Liturgia del 1971 il Credo Atanasiano, constante di 40 dichiarazioni ritmiche, era stato utilizzato durante l'ufficio Domenicale per oltre mille anni. Il Credo Atanasiano avanza la necessità di credenza nella Fede Cattolica alfine della salvazione. Esso conclude con le seguenti parole: "Questa è la Fede Cattolica, per cui, a meno che un uomo in essa creda fedelmente e fermamente, egli non può essere salvato.". Il Credo Atanasiano fu composto dal grande Sant'Atanasio medesimo, siccome confermato dal Concilio di Firenze.
Papa Eugenio IV, Concilio di Firenze, Sessione 8, 22/11/1439, ex-cathedra: "In sesto luogo, noi offriamo agli inviati quella regola compendiosa della Fede composta dal beatissimo Atanasio, la quale è come segue: 'Chiunque desideri essere salvato deve soprattutto detenere la Fede Cattolica; a meno che ciascuno la preservi integra ed inviolata egli perirà senza dubbio nell'eternità. Nondimeno, la Fede Cattolica è ciò: che noi veneriamo un Dio nella Trinità e la Trinità nell'unità; confondendo né le Persone, né dividendo la sostanza, poiché vi è una Persona del Padre, un'altra del Figliolo, un'altra dello Spirito Santo, la loro gloria è uguale, la loro maestà coeterna… ed in questa Trinità vi è nulla prima o dopo, nulla di maggiore o minore, ma tutte e 3 le Persone sono coeterne e coeguali una rispetto all'altra, cosicché in ogni riguardo, siccome menzionato disopra, sia l'unità nella Trinità che la Trinità nell'unità debbano essere adorate. Sicché, che colui desiderante essere salvato pensi così circa la Trinità. 
Ma è necessario per la salvazione eterna che egli creda fedelmente ancora nell'Incarnazione di nostro Signore Gesù Cristo… il Figliolo di Dio è Dio ed uomo… Questa è la Fede Cattolica; a meno che ciascuno creda a ciò fedelmente e fermamente egli non può essere salvato." [92]
La succitata definizione del Credo Atanasiano durante l'ecumenico Concilio di Firenze significa che tale credo si qualifica come un pronunciamento proveniente dalla Sedia di San Pietro, un pronunciamento ex-cathedra. Negare ciò che viene professato nel Credo Atanasiano è cessare di essere Cattolici. Il credo dichiara che chiunque desideri essere salvato deve detenere la Fede Cattolica e credere nella Santissima Trinità e nell'Incarnazione. Si noti la frase: "Chiunque desideri essere salvato (Quicunque vult salvus esse).". 
Tale frase è senza dubbio il prodotto e l'ispirazione dello Spirito Santo. Essa comunica la realtà per la quale tutti coloro potenti desiderare debbono credere nei misteri della Santissima Trinità e dell'Incarnazione onde essere salvati. Ciò non include gli infanti e coloro al disotto dell'età della ragione, giacché essi non possono desiderare. Gli infanti sono annoverati fra i fedeli Cattolici in quanto aventi ricevuto l'abito della Fede Cattolica durante il Sacramento del Santo Battesimo. Tuttavia, essendo al disotto dell'età della ragione, essi non possono operare atto di Fede Universale alcuno nei misteri Cattolici della Santissima Trinità e dell'Incarnazione, un atto essente assolutamente necessario per la salvazione di tutti coloro al disopra dell'età della ragione, di tutti coloro potenti desiderare di essere salvati. Non è notevole come Iddio abbia e ha formulato l'insegnamento di tale infallibile credo circa la necessità della credenza nei misteri della Santissima Trinità e dell'Incarnazione talché esso non includesse gli infanti? Il credo, dunque, insegna che tutti coloro al disopra dell'età della ragione debbono detenere una conoscenza ed una credenza nei misteri della Santissima Trinità e dell'Incarnazione onde essere salvati, senza eccezioni. Tale credo, pertanto, elimina la teoria della cosiddetta ignoranza invincibile, donde qualcheduno al disopra dell'età della ragione possa essere salvato senza conoscere il Cristo o la vera Fede Universale, rendendo inoltre coloro ciò predicanti incapaci di professare tale credo con onestà. 
In aggiunta, il fatto per il quale nessuno potente desiderare di essere salvato può essere salvato senza una conoscenza ed una credenza nei misteri della Santissima Trinità e dell'Incarnazione è la ragione per cui il Santo Uffizio, sotto Papa Clemente XI, rispose che un missionario, avanti il Santo Battesimo, deve spiegare tali misteri assolutamente necessari ad un adulto essente in punto di morte.
Risposta del Santo Uffizio al vescovo del Chebecco [Québc], Canada, 25/01/1703: "Domanda. È un ministro vincolato, prima che il Battesimo venga conferito ad un adulto, a spiegare lui tutti i misteri della nostra Fede, specialmente ove quegli fosse in punto di morte, nel timore che ciò disturbi la sua mente? Oppure, è sufficiente se in punto di morte si promettesse che una volta guariti dalla malattia ci si istruirebbe onde mettere in pratica il comandamento ricevuto?
Risposta. Una promessa non è sufficiente, un missionario è invece vincolato a spiegare ad un adulto, anche ad uno morente non interamente non-capacitato, i misteri della Fede, i quali sono necessari mediante una necessità di mezzo, siccome i misteri della Trinità e dell'Incarnazione." [93]
Fu posta un'altra domanda durante lo stesso periodo, ricevendo un'uguale risposta.
Risposta del Santo Uffizio al vescovo del Chebecco [Québc], Canada, 25/01/1703: "Domanda. È possibile che un adulto crudo ed ignorante, come sarebbe un barbaro, venga battezzato, se gli venisse offerta solamente comprensione di Dio e di alcuni dei Suoi attributi… ancorché egli non creda esplicitamente in Gesù Cristo?
Risposta. Un missionario non dovrebbe battezzare qualcheduno non credente esplicitamente nel Signore Gesù Cristo, essendo invece vincolato ad istruirlo circa tutti quei misteri essenti necessari, per necessità di mezzo, in accordo con la capacità del battezzabile." [94]
Il dogma donde la credenza nella Santissima Trinità e nell'Incarnazione è assolutamente necessario alfine della salvazione per tutti coloro essenti al disopra dell'età della ragione è ancora l'insegnamento di San Tommaso di Aquino, di Papa Benedetto XIV e di Papa San Pio X.
San Tommaso di Aquino, Somma teologica: "Dopo che la grazia è stata rivelata sia i savi che le persone semplici sono vincolati alla Fede esplicita nei misteri del Cristo, con massimo riguardo a quelli osservati in tutta la Chiesa e pubblicamente proclamati, siccome gli articoli riferentisi all'Incarnazione, di cui noi abbiamo trattato disopra.". [95]
San Tommaso di Aquino, Somma teologica: "Conseguentemente, allorché la grazia era stata rivelata tutti erano vincolati alla Fede esplicita nel mistero della Santissima Trinità." [96]
Papa Benedetto XIV, Cum religiosi (1), 26/06/1754: "Noi non potemmo gioire, tuttavia, allorché Ci fu susseguentemente riportato che nel corso dell'istruzione religiosa preparatoria alla Confessione ed alla Santa Comunione si trovava spesso che queste persone erano ignoranti dei misteri della Fede, persino di quelle questioni da essere conosciute per necessità di mezzo; conseguentemente, esse erano ineleggibili per partecipare ai Sacramenti.". [97]
Papa Benedetto XIV, Cum religiosi (4), 26/06/1754: "Ci si assicuri che ogni ministro implementi accuratamente le misure esposte dal sacro Concilio di Trento… ché i confessori operino questa parte del loro dovere quandunque chiunque dinnanzi al loro tribunale non conosca ciò che egli deve per necessità di mezzo conoscere onde essere salvato… " [98]
Coloro al disopra dell'età della ragione essenti ignoranti di quei misteri assolutamente necessari della Fede Cattolica, quei misteri essenti una necessità di mezzo, non possono essere annoverati fra gli eletti, siccome confermato da Papa San Pio X.
Papa San Pio X, Acerbo nimis (2), 15/04/1905: "Sicché, il Nostro predecessore, Benedetto XIV, ebbe giusta causa nello scrivere: 'Noi dichiariamo che un gran numero di coloro essenti condannati alla punizione eterna soffrono quella calamità infinita a causa dell'ignoranza di quei misteri di Fede i quali debbono essere conosciuti e creduti onde essere annoverati fra gli eletti.'." [99]
Pertanto, che coloro sostenenti la menzogna donde la salvezza è possibile per coloro non credenti nel Cristo e nella Santissima Trinità, essente la Fede Cattolica ove definita nei termini dei suoi misteri più semplici, mutino la loro posizione e si allineino con il dogma Cattolico. Non esiste altro nome sotto tutto il Cielo donde un uomo sia salvato fuorché quello del Signore Gesù Cristo, Atti 4:12. Che essi cessino di contraddire il Credo Atanasiano e che essi confessino che la conoscenza di tali misteri è assolutamente necessaria per la salvazione di tutti coloro desideranti essere salvati. Essi debbono sostenere ciò fermamente onde essi stessi posseggano la Fede Cattolica e professino tale credo con onestà, siccome operato dagli avi e dai padri Cattolici.
Tali misteri essenziali della Fede Cattolica sono stati disseminati ed insegnati alla più parte delle persone per mezzo del Credo Apostolico, reso nell'appendice del presente libro. Tale credo vitale include le verità centrali riguardanti Dio Padre, Dio Figliolo, nostro Signore Gesù Cristo, la Sua concezione, la Sua crocifissione, la Sua Ascensione e così via, e Dio Spirito Santo. Esso contiene ancora una professione di Fede Universale circa le verità cruciali della Santa Chiesa Cattolica, della comunione dei santi, della remissione dei peccati e della risurrezione del corpo. 

Non esiste salvazione per i membri dell'Ebraismo, del Maomettanesimo o di altre acattoliche sette eretiche o scismatiche

Sino ad ora si è osservato come sia ed è un dogma infallibile per quello per cui tutti coloro morenti acattolici, inclusi gli Ebrei, i pagani, gli eretici, gli scismatici e così via, non possono essere salvati. Essi debbono essere convertiti onde ottenere la salvazione. È d'uopo ora mirare brevemente delle ulteriori dichiarazioni da parte della Chiesa Cattolica circa alcune delle preminenti cosiddette religioni non-Cristiane, come l'Ebraismo, il Maomettanesimo e le sette Protestanti e Scismatiche. Ciò illustra nuovamente come coloro sostenenti la malvagità donde i membri delle cosiddette religioni non-Cristiane possono essere salvati non lavorano solamente contro le solenni dichiarazioni essenti già state citate bensì ancora contro gli insegnamenti specifici disotto citati.

Insegnamento Cattolico specifico contro l'Ebraismo

Gli Ebrei si dichiarano praticare la Vecchia Legge, rigettando la Divinità del Cristo e della Santissima Trinità. La Chiesa Cattolica insegna ciò che segue circa la cessazione della Vecchia Legge e circa tutti coloro continuanti ad osservarla.
Papa Eugenio IV, Concilio di Firenze, 1441, ex-cathedra: "La Santa Romana Chiesa crede, professa ed insegna fermamente che le materie pertinenti alla Legge del Vecchio Testamento, la Legge Mosaica, divise in cerimonie, riti sacri, sacrifici e sacramenti, dacché stabilite alfine di significare qualche cosa nel futuro, quantunque esse fossero adatte alla Divina adorazione dell'epoca, dopo che la venuta di nostro Signore era stata da esse significata, cessarono ed i Sacramenti del Nuovo Testamento incominciarono e che chiunque, ancora dopo la Passione, ponesse speranza in queste materie della Legge e si sottomettesse ad esse come necessarie per la salvazione, come se la Fede nel Cristo non salvasse senza di esse, avrebbe peccato mortalmente. Tuttavia, essa non nega che dopo la Passione del Cristo insino alla promulgazione del Vangelo esse potevano essere osservate sintantoché non fossero credute in alcun modo necessarie per la salvazione; nondimeno, dopo la promulgazione del Vangelo essa asserisce che esse non possono essere osservate senza la perdita dell'eterna salvazione. Tutti, dunque, coloro i quali dopo quel tempo [la promulgazione del Vangelo] osservano la circoncisione, il Sabato e gli altri requisiti della Legge la Santa Romana Chiesa dichiara alieni alla Fede Cattolica e neanche lontanamente degni di partecipare alla salvazione eterna." [100]
Papa Benedetto XIV, Ex quo primum (61), 01/03/1756: "La prima considerazione è che le cerimonie della Legge Mosaica vennero abrogate dalla venuta del Cristo e che esse non possono essere più osservate senza peccato appresso la promulgazione del Vangelo." [101]
Papa Pio XII, Mystici corporis Christi (29-30), 29/06/1943: "Oltretutto, innanzitutto, mediante la morte del nostro Redentore il Nuovo Testamento prese il posto della Vecchia Legge, la quale era stata abolita… sul patibolo della morte Sua Gesù rese nulla la Legge con i suoi decreti, Efesini 2:15, … stabilendo il Nuovo Testamento nel Suo sangue asperso per l'intera razza umana. 'A tal punto, dunque,' pronuncia San Leone Magno, trattando della Croce di nostro Signore, 'fu effettuato un trasferimento dalla Legge al Vangelo, dalla sinagoga alla Chiesa, da molti sacrifici ad una Vittima, che, spirando il Signore, quel velo mistico chiudente la parte più interna del tempio e del suo sacro segreto venne violentemente squarciato da cima a fondo.' Sulla Croce dunque la Vecchia Legge morì, da seppellire tosto e da divenire presto portatrice di morte… " [102]

Insegnamento Cattolico specifico contro il Maomettanesimo

Papa Eugenio IV, Concilio di Basilea, Sessione 19, 07/09/1434: "… vi è speranza che moltissimi provenienti dall'abominevole setta di Maometto siano convertiti alla Fede Cattolica." [103]
Papa Callisto III, 1455: "Io prendo voto di… esaltare la vera Fede e di estirpare la diabolica setta del reprobo ed infedele Maometto [il Maomettanesimo] nell'Oriente." [104]
La Chiesa Cattolica considera il Maomettanesimo un setta abominevole e diabolica. Nota: il Concilio di Basilea è considerato ecumenico ed approvato solamente nelle prime 25 sessioni, come sottolineato dall'Enciclopedia Cattolica nel Volume 4, Concili, pagine 425-426. Un'abominazione è qualche cosa di aborrente al cospetto di Dio; essa è qualche cosa per cui Egli non detiene stima né rispetto. Qualcosa di diabolico è qualche cosa proveniente dal Diavolo. Il Maomettanesimo rigetta, fra molti altri dogmi, la Divinità di Gesù Cristo assieme alla Santissima Trinità. I di esso seguaci si troverebbero al di fuori del sentiero della salvezza sintantoché rimanessero Maomettani.
Papa Clemente V, Concilio di Vienna, 1311-1312: "È un insulto al Nome santo ed una disgrazia alla Fede Cattolica che in certe parti del mondo soggette ai principi Cristiani nelle quali abitano i Saraceni [ossia, i seguaci del Maomettanesimo, appellati ancora Maomettani], talora appartati, talvolta mesciuti ai Cristiani, i preti saraceni, spesso chiamati Zabazala, nei loro tempi o moschee, in cui i Saraceni si incontrano onde adorare Maometto l'infedele, invocano ed estollano ad alta voce il suo nome ciascun dì a certe ore da un luogo rialzato… Vi è un luogo, inoltre, in cui fu una volta seppellito un certo Saraceno, il quale gli altri Saraceni venerano come santo. Ciò reca infamia alla nostra Fede ed offre grande scandalo ai fedeli. Queste pratiche non possono essere tollerate senza dispiacere alla Divina Maestà. Noi, dunque, assieme all'approvazione del sacro concilio, interdiciamo strettamente tali pratiche d'ora innanzi nelle terre Cristiane. Noi esortiamo i principi Cattolici, tutti e singolarmente… Essi debbono rimuovere questa offesa assieme dai loro territori e prendersi cura che i loro soggetti la rimuovano, acciocché essi indi ottengano la ricompensa della felicità eterna. Essi debbono interdire espressamente l'invocazione pubblica del sacrilego nome di Maometto… Coloro presumenti di agire altrimenti debbono essere sì puniti dai principi per la loro irriverenza, ché gli altri siano dissuasi da tale sfrontatezza." [105] 
Ancorché la Chiesa Cattolica insegni ed insegna la verità donde tutti coloro morenti acattolici sono perduti essa insegna ancora che nessuno deve essere forzato ad abbracciare il Santo Battesimo, dacché la credenza è un atto libero della volontà.
Papa Leone XIII, Immortale Dei (36), 01/11/1885: "In aggiunta, infatti, la Chiesa è abituata a provvedere diligentemente che nessuno sia forzato ad abbracciare la Fede Cattolica contro la sua volontà, poiché, come saggiamente ricordatoci da Sant'Agostino, l'uomo non può credere altro fuorché ciò proveniente dalla sua volontà." [106]
L'insegnamento del Concilio di Vienna per cui i principi Cristiani dovrebbero imporre alle loro autorità civili di interdire l'espressione pubblica della falsa religione del Maomettanesimo mostra nuovamente che il Maomettanesimo è un falsa religione conducente le anime all'Inferno, non in Cielo, dispiacente a Dio.

Insegnamento Cattolico specifico contro le sette Protestanti e Scismatiche

La Chiesa Cattolica insegna ancora la realtà per la quale quelle persone battezzate abbraccianti delle sette eretiche o scismatiche perdono le loro anime. Gesù Cristo fondò la Sua Chiesa Universale su di San Pietro, come già osservato, ordinando che chiunque non avrebbe udito la Chiesa Universale venisse considerato come il pagano ed il pubblicano, Matteo 18:17. Egli dichiarò ancora ai Suoi seguaci di osservare tutte le cose affatto da Lui comandate, Matteo 28:20. Le sette Scismatiche Orientali, come la "Ortodossa", e le sette Protestanti sono dei movimenti di rottura essentisi separati, realizzandosi, dalla Chiesa Cattolica. Nel separarsi dall'una Chiesa Universale del Cristo, esse, realizzandosi, lasciano il sentiero della salvezza ed entrano sul sentiero della perdizione.
Tali sette rigettano ostinatamente e con pertinacia una o più verità chiaramente istituite dal Cristo, come il Papato, Matteo 16, Giovanni 21 e così via, la Santa Confessione, Giovanni 20:23, la Santa Eucaristia, Giovanni 6:54, ed altri dogmi della Fede Cattolica. Di modo da essere salvati fa d'uopo assentire a tutte le cose infallibilmente definite come dogmi della Fede Universale dalla Chiesa Cattolica, in base alla Sacra Scrittura ed alla Sacra Tradizione.
Disotto compaiono solamente alcuni fra i dogmi infallibili della Fede Cattolica essenti rigettati dai Protestanti e, nel caso del Papato, dagli "Ortodossi" Orientali. La Chiesa Cattolica anatemizza, scomunica severamente, tutti coloro ostinatamente asserenti il contrario delle sue definizioni dogmatiche.
"Per comprendere la parola anatema… noi dovremmo prima ritornare al reale significato di herem a cui essa è equivalente. Herem proviene dalla parola haram, tagliare via, separare, maledire, indicante ciò che viene maledetto e condannato ad essere tagliato via o sterminato, che sia una persona od una cosa, e quindi ciò che all'uomo è proibito utilizzare. Questo è il senso di anatema nel seguente passaggio proveniente dal Deuteronomio 7:26: 'Né recherai tu alcunché dell'idolo nella tua casa, ché tu non diventi come esso un anatema. Tu lo detesterai come escremento e lo aborrirai superlativamente come immondezza e sozzura, perocché esso è un anatema.'." [107]
Sicché, un Protestante od un cosiddetto Ortodosso Orientale ostinatamente rigettante tali insegnamenti dogmatici viene anatemizzato e separato dalla Chiesa Cattolica, al di fuori della quale esiste nessuna salvezza. È assai interessante che, nell'emettere tali canoni dogmatici, la Chiesa Cattolica pronuncia quanto segue: "Se alcuno asserisse… che egli sia anatema [anatema sit].", piuttosto che: "Se alcuno asserisse… egli è anatema [anatema est].". La qualifica del che egli sia concede spazio a quei Cattolici possibilmente incoscienti di un particolare dogma e conformanti all'insegnamento del canone appena loro presentato. La persona ostinata, invece, volontariamente contraddicente l'insegnamento dogmatico della Chiesa Cattolica, riceve la piena forza della condanna automatica.
Il punto in sede è che se si fosse capaci di rigettare tali dogmi ed essere ancora salvati allora tali definizioni dogmatiche ed i loro accompagnanti anatemi detterebbero nessun significato, nessun valore e nessuna forza. Invece, esse detengono un significato, un valore ed una forza: esse sono degli insegnamenti infallibili protetti da Gesù Cristo. Laonde, tutti coloro rigettanti tali dogmi sono anatemizzati e si trovano sulla strada della dannazione. 
Papa Pio XI, Rerum omnium pertubationem (4), 26/01/1923: "Il santo era non meno una persona che Francesco di Sales… sembrava essere stato inviato specialmente da Dio alfine di contendere contro le eresie generate dalla Riforma [Protestante]. È in queste eresie che noi scopriamo gli albori di quell'apostasia del genere umano dalla Chiesa, i cui disastrosi e tristi effetti sono deplorati, persino durante l'ora presente, da ogni buona mente." [108] 
Papa Giulio III, Concilio di Trento, Sessione 13, Canone 1, Sulla Santa Eucaristia, ex-cathedra: "Se alcuno negasse che nel Sacramento della Santissima Eucaristia sono veramente, realmente e sostanzialmente contenuti il corpo ed il sangue assieme all'anima ed alla Divinità di nostro Signore Gesù Cristo, sicché tutto il Cristo, affermando invece che Egli è in essa mediante segno o figura oppure forza, che egli sia anatema." [109]
Papa Giulio III, Concilio di Trento, Sessione 14, Canone 3, Sul Sacramento della Sacra Penitenza: "Se alcuno asserisse che le parole del Signore Salvatore: 'Ricevete voi lo Spirito Santo; i peccati di chi voi perdonerete, essi sono loro perdonati ed i peccati di chi voi riterrete, essi sono ritenuti, Giovanni 20:22.' non debbono essere comprese secondo il potere rimettente e ritenente i peccati nel Sacramento della Penitenza… che egli sia anatema." [110]
Papa Giulio III, Concilio di Trento, Sessione 14, Sull'Estrema Unzione e Sacra Penitenza: "Queste sono le cose le quali questo sacro sinodo ecumenico professa ed insegna con riguardo ai Sacramenti della Penitenza e dell'Estrema Unzione, avanzandole come da essere credute e sostenute da tutti i fedeli del Cristo. Inoltre, i seguenti canoni, esso detta, debbono essere osservati inviolatamente ed esso condanna ed anatemizza per sempre coloro asserenti il contrario." [111] 
Papa Paolo III, Concilio di Trento, Sessione 6, Capitolo 16, ex-cathedra: "Dopo questa dottrina Cattolica di giustificazione, per cui, a meno che essa venga accettata fedelmente e fermamente, nessuno può essere giustificato, è parso giusto al santo sinodo di aggiungere questi canoni, cosicché tutti conoscano non solamente ciò che essi debbono sostenere e seguire bensì ancora ciò che essi debbono ignorare ed evitare." [112]
Papa Pio IX, Concilio Vaticano I, Sessione 4, Capitolo 3, 1870, ex-cathedra: "… tutti i fedeli del Cristo debbono credere che la Sede Apostolica ed il Romano Pontefice detengono il primato sul mondo intero e che il Romano Pontefice stesso è il successore del Beato Pietro, il capo degli Apostoli, ed il vero Vicario del Cristo e capo dell'intera Chiesa… In aggiunta, Noi insegniamo e dichiariamo che la Chiesa Romana, per disposizione del Signore, detiene la sovranità di potere ordinario sopra tutte le altre… Questa è la dottrina della verità Cattolica da cui nessuno può deviare e mantenere la sua Fede e salvazione." [113]

Circa coloro battezzati validamente da infanti da membri di sette acattoliche

La Chiesa Cattolica ha sempre insegnato che chiunque, incluso un laico od un acattolico, potrebbe battezzare validamente ove egli aderisse alla propria materia e forma ed ove egli possedesse l'intenzione di operare ciò che opera la Chiesa Cattolica.
Papa Eugenio IV, Concilio di Firenze, Exultate Deo, 1439: "In caso di necessità, comunque, non solamente un sacerdote od un diacono, bensì anche un laico ed una donna, sì ancora un pagano ed un eretico, potrebbe battezzare, sintantoché egli preservi la forma della Chiesa ed abbia l'intenzione di operare ciò che opera la Chiesa." [114]
La Chiesa Cattolica ha sempre insegnato l'effettività per la quale gli infanti battezzati nelle chiese eretiche e scismatiche sono resi Cattolici, membri della Chiesa Cattolica e soggetti del Romano Pontefice, anche se le persone aventili battezzati fossero eretiche e quindi al di fuori della Chiesa Cattolica. Ciò è perciocché l'infante, essente al disotto dell'età della ragione, non può essere un eretico od uno scismatico. Egli non può possedere un impedimento evitante al Santo Battesimo di renderlo un membro della Chiesa Cattolica.
Papa Paolo III, Concilio di Trento, Sessione 7, Capitolo 13, Sul Sacramento del Santo Battesimo: "Se alcuno asserisse che gli infanti, in quanto non detenenti la Fede effettiva, dopo avere ricevuto il Battesimo non debbono essere annoverati fra i fedeli… che egli sia anatema." [115]
Ciò significa che tutti gli infanti battezzati, ovunque essi siano, anche quelli battezzati in chiese eretiche, acattoliche, da ministri eretici, sono resi membri della Chiesa Cattolica. Essi sono ancora resi soggetti al Romano Pontefice, ove ve ne sia uno, come avanti osservato nell'insegnamento di Papa Leone XIII. Sicché, a che punto diviene tale battezzato infante Cattolico un acattolico, terminando la sua permanenza nella Chiesa Cattolica e la sua soggezione al Romano Pontefice? Una volta che il battezzato infante raggiunge l'età della ragione questi diviene un eretico od uno scismatico, terminando la sua permanenza nella Chiesa Cattolica e la sua soggezione al Romano Pontefice, allorché egli rigetta ostinatamente qualunque insegnamento della Chiesa Cattolica o perde la Fede Cattolica nei misteri essenziali della Santissima Trinità e dell'Incarnazione.
Papa Clemente VI, Super quibusdam, 20/09/1351: "… Noi domandiamo in prima istanza se voi e la chiesa degli Armeni a voi obbediente credeste che tutti coloro i quali nel Battesimo hanno ricevuto la medesima Fede Cattolica e si sono dipoi ritirati e si ritirino nel futuro dalla comunione con questa stessa Romana Chiesa, la sola quale è Cattolica, sarebbero scismatici ed eretici qualora rimanessero ostinatamente separati dalla Fede di questa Romana Chiesa. In seconda istanza, Noi domandiamo a voi ed agli Armeni a voi obbedienti se credeste che nessun uomo dei viaggianti al di fuori della Fede di questa Chiesa ed al di fuori dell'obbedienza al Papa di Roma possa finalmente essere salvato." [116] 
Pertanto, occorre essere chiari circa i seguenti punti. Primo, i non-battezzati, gli Ebrei, i Maomettani, i pagani e così via, debbono tutti entrare nella Chiesa Cattolica ricevendo il Santo Battesimo e quindi la Fede Cattolica sennò perdendosi tutti. Secondo, coloro battezzati da infanti sono resi Cattolici, membri della Chiesa Cattolica e soggetti al Romano Pontefice per mezzo del Santo Battesimo. Essi si separano dalla Chiesa Cattolica, di cui già fanno parte, solamente allorché essi rigettano ostinatamente qualunque dogma Cattolico o credono in qualche cosa di contrario ai misteri essenziali della Santissima Trinità e dell'Incarnazione. Nell'insegnamento di Papa Clemente VI disopra mirasi tale secondo punto chiaramente insegnato: tutti coloro riceventi la Fede Cattolica nel Santo Battesimo perderebbero tale Fede Universale e diverrebbero scismatici ed eretici ove essi divenissero ostinatamente separati dalla Fede Universale di tale Romana Chiesa Cattolica. 
Il fatto è che tutti i Protestanti rigettanti la Chiesa Cattolica od i suoi dogmi circa i Sacramenti, il Papato e così via si sono separati ostinatamente dalla Fede Universale della Romana Chiesa Cattolica, avendo quindi terminato la loro permanenza nella Chiesa Universale del Cristo. Lo stesso vale per gli "Ortodossi" Orientali, i quali rigettano ostinatamente i dogmi sul Papato e l'Infallibilità Papale. Essi debbono essere convertiti alla Fede Cattolica per la salvazione. 

Contenuto proveniente dal libro: Al di fuori della Chiesa Cattolica esiste assolutamente nessuna salvezza - Fra. Pietro Dimond.

---------------------
 http://3.bp.blogspot.com/_F_-sdXi0Rhc/S9sJXqWLD8I/AAAAAAAAAdM/Opn54J7J3CI/s1600/Sant'Atanasio+01.jpg

Quicumque vult (Simbolo di Sant'Atanasio) 
(Breviarium Romanum: ad Primam, in Festo Sanctíssimae Trinitátis) 
(Breviario Romano: Ufficio di Prima nella Festa della SS. Trinità)
Quicúmque vult salvus esse,  *
ante ómnia opus est, ut téneat cathólicam fidem: 
Quam nisi quisque íntegram inviolatámque serváverit, *
absque dúbio in aetérnum períbit. 
 
Fides autem cathólica haec est: *
ut unum Deum in Trinitáte, et Trinitátem in unitáte venerémur. 

Neque confundéntes persónas, *
neque substántiam seperántes. 

Alia est enim persóna Patris, alia Fílii, *
alia Spíritus Sancti: 
 

Sed Patris, et Fílii, et Spíritus Sancti una est divínitas, *
aequális glória, coaetérna maiéstas.  

Qualis Pater, talis Fílius, *
talis Spíritus Sanctus. 

Increátus Pater, increátus Fílius, *
increátus Spíritus Sanctus. 

Immènsus Pater, imménsus Fílius, *
imménsus Spíritus Sanctus.  

Aetérnus Pater, aetérnus Fílius, *
aetérnus Spíritus Sanctus. 

Et tamen non tres aetérni, *
sed unus aetérnus. 
  
Sicut non tres increáti, nec tres imménsi, *
sed unus increátus, et unus imménsus.  
 

Simíliter omnípotens Pater, omnípotens Fílius, *
omnípotens Spíritus Sanctus. 
 

Et tamen non tres omnipoténtes, *
sed unus omnípotens. 

Ita Deus Pater, Deus Fílius, *
Deus Spíritus Sanctus. 
 
Et tamen non tres dii, *
sed unus est Deus.
  
Ita Dóminus Pater, Dóminus Fílius, *
Dóminus Spíritus Sanctus. 

Et tamen non tres Dómini, *
sed unus est Dóminus. 

Quia, sicut singillátim unamquámque persónam Deum ac Dóminum confitéri christiána veritáte compéllimur: *
ita tres Deos aut Dóminos dícere cathólica religióne prohibémur. 

Pater a nullo est factus: *
nec creátus, nec génitus. 

Fílius a Patre solo est:*
non factus, nec creátus, sed génitus. 

Spíritus Sanctus a Patre et Fílio: *
non factus, nec creátus, nec génitus, sed procédens.
 

Unus ergo Pater, non tres Patres: unus Fílius, non tres Fílii: *
unus Spíritus Sanctus, non tres Spíritus Sancti.

Et in hac Trinitáte nihil prius aut postérius, nihil maius aut minus: *
sed totae tres persónae coaetèrnae sibi sunt et coaequáles. 

Ita ut per ómnia, sicut iam supra dictum est, *
et únitas in Trinitáte, et Trínitas in unitáte veneránda sit. 

Qui vult ergo salvus esse, *
ita de Trinitáte séntiat. 

Sed necessárium est ad aetérnam salútem, *
ut incarnatiónem quoque Dómini nostri Iesu Christi fidéliter credat.

Est ergo fides recta ut credámus et confiteámur, *
quia Dóminus noster Iesus Christus, Dei Fílius, Deus et homo est. 
 

Deus est ex substántia Patris ante saécula génitus: *
et homo est ex substántia matris in saéculo natus.
 
 

Perféctus Deus, perféctus homo: *
ex ánima rationáli et humána carne subsístens. 

Aequális Patri secúndum divinitátem: *
minor Patre secúndum humanitátem. 

Qui, licet Deus sit et homo, *
non duo tamen, sed unus est Christus. .
 
Unus autem non conversióne divinitátis in carnem, *
sed assumptióne humanitátis in Deum. 
 

Unus omníno, non confusióne substántiae, *
sed unitáte persónae. 

Nam sicut ánima rationális et caro unus est homo: 
ita Deus et homo unus est Christus. 
 

Qui passus est pro salúte nostra: descéndit ad ínferos: *
tértia die resurréxit a mórtuis. 

Ascéndit ad coélos, sedet ad déxteram Dei Patris omnipoténtis: *
inde ventúrus est iudicáre vivos et mórtuos. 

Ad cuius advéntum omnes hómines resúrgere habent cum corpóribus suis: *
et redditúri sunt de factis própriis ratiónem. 

Et qui bona egérunt, ibunt in vitam aetérnam: *
qui vero mala, in ígnem aetérnum. 
 
 

Haec est fides cathólica, *
quam nisi quisque fidéliter firmitérque credíderit, salvus esse non póterit. 
Amen.
Chiunque voglia salvarsi, *
deve anzitutto possedere la fede cattolica:
Colui che non la conserva integra ed inviolata *
perirà senza dubbio in eterno.
 

La fede cattolica è questa: *
che veneriamo un unico Dio nella Trinità e la Trinità nell'unità.

Senza confondere le persone, *
e senza separare la sostanza.

Una è infatti la persona del Padre, altra quella del Figlio, *
ed altra quella dello Spirito Santo. 

Ma Padre, Figlio e Spirito Santo sono una sola divinità, *
con uguale gloria e coeterna maestà. 

Quale è il Padre, tale è il Figlio, *
tale lo Spirito Santo. 

Increato il Padre, increato il Figlio, *
increato lo Spirito Santo. 

Immenso il Padre, immenso il Figlio, *
immenso lo Spirito Santo.

Eterno il Padre, eterno il Figlio, *
eterno lo Spirito Santo 

E tuttavia non vi sono tre eterni, *
ma un solo eterno.

Come pure non vi sono tre increati, né tre immensi, *
ma un solo increato e un solo immenso.

Similmente è onnipotente il Padre, onnipotente il Figlio, *
onnipotente lo Spirito Santo.  
 
E tuttavia non vi sono tre onnipotenti, *
ma un solo onnipotente.
 
Il Padre è Dio, il Figlio è Dio, *
lo Spirito Santo è Dio.
 
E tuttavia non vi sono tre dei, *
ma un solo Dio.

Signore è il Padre, Signore è il Figlio, *
Signore è lo Spirito Santo.

E tuttavia non vi sono tre Signori, *
ma un solo Signore.  

Poiché come la verità cristiana ci obbliga a confessare che ciascuna persona è singolarmente Dio e Signore: *
così la religione cattolica ci proibisce di parlare di tre Dei o Signori. 

Il Padre non è stato fatto da alcuno: *
né creato, né generato.
 
Il Figlio è dal solo Padre: *
non fatto, né creato, ma generato.

Lo Spirito Santo è dal Padre e dal Figlio: *
non fatto, né creato, né generato, ma da essi procedente.

Vi è dunque un solo Padre, non tre Padri: un solo Figlio, non tre Figli: *
un solo Spirito Santo, non tre Spiriti Santi.

E in questa Trinità non v'è nulla che sia prima o dopo, nulla di maggiore o minore: *
ma tutte e tre le persone sono l'una all'altra coeterne e coeguali.

Cosicché in tutto, come già detto prima, *
va venerata l'unità nella Trinità e la Trinità nell'unità.
 

Chi dunque vuole salvarsi, *
pensi in tal modo della Trinità.

Ma per l'eterna salvezza è necessario, *
credere fedelmente anche all'Incarnazione del Signore nostro Gesù Cristo.

La retta fede vuole, infatti, che crediamo e confessiamo, *
che il Signore nostro Gesù Cristo, Figlio di Dio, è Dio e uomo.

È Dio, perché generato dalla sostanza del Padre fin dall'eternità: *
è uomo, perché nato nel tempo dalla sostanza della madre.  

Perfetto Dio, perfetto uomo: *
sussistente dall'anima razionale e dalla carne umana.

Uguale al Padre secondo la divinità:*
inferiore al Padre secondo l'umanità. 

E tuttavia, benché sia Dio e uomo, *
non è duplice ma è un solo Cristo.
 
Uno solo, non per conversione della divinità in carne, *
ma per assunzione dell'umanità in Dio.  

Totalmente uno, non per confusione di sostanze, *
ma per l'unità della persona.

Come infatti anima razionale e carne sono un solo uomo, *
così Dio e uomo sono un solo Cristo. 

Che patì per la nostra salvezza: discese agli inferi: *
il terzo giorno è risuscitato dai morti.
 

É salito al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: *
e di nuovo verrà a giudicare i vivi e i morti.

Alla sua venuta tutti gli uomini dovranno risorgere con i loro corpi: *
e dovranno rendere conto delle proprie azioni.

Coloro che avranno fatto il bene andranno alla vita eterna: *
coloro, invece, che avranno fatto il male, nel fuoco eterno.

Questa è la fede cattolica, *
e non potrà essere salvo se non colui che l'abbraccerà fedelmente e fermamente. 
Amen.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.