Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

giovedì 23 agosto 2012

Il Caso Krah-Fellay (FSSPX), mette luce alla persecuzione a Monsignor Williamson da parte dei "tiepidi" della Fraternità e degli assasini della fede, modernisti, che hanno occupato il Vaticano da 50 anni, in combutta con i sionisti Deicidi.....

La Profezia di San Nilus
«Dopo l'anno 1900, verso la metà del 20° secolo, la gente di quel tempo diventerà irriconoscibile. Quando il tempo per l’avvento dell'Anticristo si avvicinerà, la mente della gente crescerà obnubilata delle passioni carnali, e il disonore e l’anarchia cresceranno più forti. Allora il mondo diventerà irriconoscibile. L’aspetto della gente cambierà, e diventerà impossibile distinguere gli uomini dalle donne, a causa della loro spudoratezza nel vestire e nell’acconciarsi. Questa gente sarà crudele e sarà selvaggia come gli animali a causa delle tentazioni dell'Anticristo. Non vi sarà più nessun rispetto per genitori ed anziani, l’amore scomparirà, e i Pastori cristiani, i vescovi, e i preti diverranno uomini vani, completamente fallaci nel distinguere la concezione del bene e del male. In quei tempi i costumi, la morale e le tradizioni dei cristiani e della Chiesa cambieranno. La gente abbandonerà la modestia, e ogni dissipazione regnerà. La falsità e l’avidità raggiungeranno grandi proporzioni e vi saranno sventure per quelli che accumulano tesori. Concupiscenza, lussuria, adulterio, omosessualità, calunnie, omicidi e loschi traffici domineranno nella società. In quel tempo futuro, a causa del potere di tali grandi crimini e licenziosità, la gente sarà privata della grazia del Spirito Santo, che essi hanno ricevuto col Santo Battesimo, e vivranno nel rimorso. Le Chiese di Dio saranno private del timor di Dio e dei pii pastori, e sventure vi saranno per i cristiani rimasti nel mondo di quel tempo; essi perderanno completamente la loro fede perché mancheranno del tutto dell'opportunità di vedere la luce della conoscenza di Dio. Allora alcuni cristiani si escluderanno dal mondo per andare in santi rifugi cercando di illuminare le loro sofferenze spirituali, ma incontreranno ovunque ostacoli e costrizioni. E tutto questo risulterà dal fatto che l'Anticristo vuole essere il Signore e padrone al di sopra di tutto e diverrà il dominatore dell’intero universo, e produrrà falsi miracoli e fantastici portenti. Egli conferirà pure saggezza depravata a questi uomini infelici cosicché scopriranno il modo di fare una conversazione con altri uomini da un capo all’altro della terra. In quei tempi gli uomini voleranno nell’aria come gli uccelli e discenderanno nel fondo del mare come i pesci. E quando loro acquisiranno tutto questo, questa gente infelice trascorrerà la propria vita senza il conforto di sapere, povere anime, che è l’inganno dell’anticristo. Egli è impietoso! Completerà così la scienza con la vanità che questo li farà uscire dalla retta via e a causa di ciò perderanno la fede nell'esistenza di Dio cadendo nell’apostasia. Allora il buon Dio vedrà la caduta della razza umana ed accorcerà i giorni per merito di quei pochi che si sono salvati, perché il nemico di Dio vuole condurre perfino gli eletti nella tentazione, se ciò gli sarà possibile. Allora la spada del castigo improvvisamente apparirà ed ucciderà il pervertitore ed i suoi seguaci».

E' da tempo che molti lettori del Blog ci chiedono di occuparci del caso di Mons. Fellay in combutta con un sionista, l'avvocato Maximilian Krah, nell'amministrazione dei beni della Fraternità e nella scandalosa e ingiuriosa gestione del caso di Mons. Williamson, che sarebbe reo di aver offeso i deicidi ebrei sionisti e di aver messo un impedimento, con la sua predicazione, all'infame accordo cosidetto "pratico" con gli assassini della fede che da 50 anni hanno occupato le mura della Chiesa Cattolica fondata da Nostro Signore Gesù Cristo. Oltre al fatto che affidare i beni della Fraternità ad un sionista, che viene spacciato per un cristiano tradizionale, è un avvenimento preoccupante e inquietante, questa vicenda forse mette in luce l'atteggiamento assolutamente anticristiano che si e' tenuto nei confronti di Monsignor Williamson da parte di suoi molti confratelli, in primis di Mons. Fellay, che ormai da tempo tentano di infangare la figura del grande Vescovo Williamson, per cercare di tappargli la bocca.

Inoltre è noto che:

(don Curzio nitoglia)
Il Vaticano II è caro all’ebraismo. È un fatto che specialmente in questi giorni abbiamo sentito, letto e constatato, e “contro il fatto non vale l’argomento”. Ma san Paolo (I Tess., II, 15-16) rivela, divinamente ispirato, che “I giudei hanno ucciso il Signore Gesù e i profeti, perseguitano noi Apostoli, non piacciono a Dio e son nemici di tutti gli uomini [non-ebrei, nda]. Ci proibiscono di evangelizzare le Genti per la loro salvezza”. Nella misura in cui i giudei attuali continuano e proseguono quelli che rifiutarono Cristo, lo crocifissero e perseguitarono i Dodici Apostoli, essi non piacciono a Dio. Se non piacciono a Dio, non possono essere cari neppure a noi; se son cari al Vaticano II, significa che esso non ha lo stesso spirito di Dio. Inoltre, l’ebraismo nega la SS. Trinità e la divinità di Cristo, che sono i due misteri principali della Fede cattolica. Quindi o l’ebraismo è impazzito e si contraddice, ma non è così, oppure il Vaticano II è in contraddizione col cattolicesimo e non può piacere a chi vuol restare cristiano, piacendo a chi odia Cristo e il cristianesimo. Il fatto che proprio i rabbini ci ingiungano di accettare il Vaticano II ‘suona male’ e dovrebbe far riflettere “tutti gli uomini di buona dottrina”. Sempre san Paolo (Tito, I, 10-14) rivela che: “Vi sono molti spiriti mestatori, parolai e ingannatori, soprattutto quelli che provengono dalla circoncisione [giudaismo]: a costoro bisogna tappare la bocca (…). Perciò riprendili duramente, affinché siano saldi nella Fede e non si volgano a favole giudaiche”. L’Apostolo non dice di ritrattare o scusarsi, ma di “tappar la bocca” a loro (non a mons. Williamson) e di “non credere alle favole giudaiche”.
d)    È storicamente accertato che la “Nostra aetate” fu preparata da Jules Isaac, ebreo ateo filo-comunista, con l’aiuto del Bené Berìth (la massoneria giudaica) di cui era membro (come ha dichiarato, il 16 novembre 1991, in occasione della premiazione del card. Decourtray, Marc Aron, presidente del “B.B.” francese) e dal card. Agostino Bea coadiuvato da p. Paul Démann, ebreo “convertito” e da p. Jean de Menasce (idem). L’accordo tra Jules Isaac e papa Roncalli fu organizzato dal “B.B.” e da alcuni politici social-comunisti (J. Madiran, “Itineraires” III, settembre 1990, p. 3, nota 2). Un altro artefice di “Nostra aetate” fu Nahum Goldman, presidente del “Congresso Mondiale Ebraico”, che preparò anche la bozza di “Dignitatis humanae” sulla libertà religiosa. I documenti furono presentati dal Goldman assieme a Label Katz (anche lui del “B.B.”) a nome della “Conferenza Mondiale delle Organizzazioni Ebraiche”. Quindi “Nostra aetate” e “Dignitatis humanae” sono state preparate, materialmente, dalla massoneria ebraica. Dulcis in fundo, il rabbino Abraham Heschel, collaborò intensamente con Bea e compagni alla elaborazione di “Nostra aetate”. Tutto ciò è stato svelato dall’israelita Lazare Landau (“Tribune Juive”, n° 903, gennaio 1986 e n° 1001, dicembre 1987), che scrive: “nell’inverno del 1962, i dirigenti ebrei ricevevano in segreto, nel sottosuolo della sinagoga di Strasburgo, p. Yves Congar, incaricato da Bea e Roncalli di chiederci, ciò che ci aspettavamo dalla Chiesa, alla vigilia del concilio (…). La nostra completa riabilitazione, fu la risposta”(j. madiran, “Itineraires”, autunno 1990, III, pp.1-2). 

   Quindi la figura di Monsignor Williamson è di impedimento sia ai corrotti modernisti vaticani e sia ai "tiepidi" della Fratenità che da tempo hanno a che fare con i Sionisti Deicidi, nemici della Croce di Cristo, i quali hanno messo quasi totalmente le mani nel Vaticano, a partire dal Conciliabolo Vaticano II. Affinchè l'opera di Monsignor Lefebvre sia preservata dal veleno modernista è urgentissimo che chi di dovere convinca chi dirige la Fraternità a tornare indietro dai suoi passi, cacciando via il sionista e ristabilendo la figura del Vescovo Williamson. Chiaramente se chi dirige la Fraternita' si rifiutasse di ristabilire la giustizia secondo Dio nella Fraternità, sempre chi di dovere si adoperi per far dimettere gli attuali dirigenti della Fraternità, con a capo il "tiepido " Mons. Fellay...
FATTI E DOCUMENTI, O MENZOGNE E CALUNNIE?
Don CURZIO NITOGLIA
25 LUGLIO 2011
Massimilian Krah
     Mons. R. Williamson
Il caso Williamson-Nahrath 2010
1°) Verso la metà del novembre 2010 mons. Richard Williamson decide di farsi difendere dall’accusa di “revisionismo” dall’avvocato Wolfram Nahrath. Quindi chiede al suo primo difensore, avv. Matthias Lossmann, se vuole difenderlo assieme a Nahrath. Lossman rifiuta e mons. Williamson gli ritira l’incarico.
2°) Il 18 novembre l’avv. Nahrath informa via fax il giudice Eisvogel che l’avv. Lossmann ha rinunciato all’incarico e che sarà lui (Nahrath) a difendere mons. Williamson.
3°) Appena 32 minuti dopo il messaggio - via fax - di Nahrath alla dottoressa Eisvogel, la redazione del settimanale Der Spiegel telefona all’avv. Nahrath e gli chiede spiegazioni sulla sua futura difesa legale di mons. Williamson.
4°) Il 19 novembre sempre Der Spiegel pubblica la notizia secondo la quale l’avv. Nahrath è un rappresentante politico del partito neo-nazista tedesco per cui anche mons. Williamson sarebbe un filo-nazista. In realtà il partito nazista tedesco è fuori legge dal 1945, e Nahrath fa parte del “Partito Nazionale e Democratico” (NPD), un partito di estrema destra, ma non nazista. Perciò
 
Krah e il sionismo
1°) L’avv. Lossmann era stato scelto nel 2009 da Krah per difendere mons. Williamson. Eppure Krah, oggettivamente (il cuore o le intenzioni soggettive li scruta solo Dio e a Lui lascio il giudizio), aveva partecipato alla campagna stampa contro mons. Williamson, scoppiata il 20 gennaio del 2009, tramite interviste rilasciate alla rivista radical-socialista Der Spiegel di orientamento politico molto simile al settimanale italiano “L’Espresso dell’ingegner Carlo De Benedetti.
2°) Inoltre Krah è un militante del “Partito Cristiano Democratico” (CDU) del Cancelliere tedesco Angela Merkel, un partito liberale, libertario, favorevole all’aborto, al divorzio, alle unioni libere, omosessuali e quindi certamente non migliore, quanto alla Fede e alla Morale, del “NPD” cui appartiene Nahrath. Vedi http://www.cdu-dresden.de/index.php?mo=mc_vjjrz_etk.pdf&id=%7B76658c61352fc5ab6a0940107b868a48%7D
3°) L’avv. Lossmann, scelto da Krah per difendere mons. Williamson nel 2009, fa parte del “Partito dei Verdi” (Die Grünen), che è, come in Italia, un partito di estrema sinistra sessantottina, pro aborto, divorzio, omosessualità, pedofilia, eutanasia, ben peggiore, quanto ad anticristianesimo, del “Partito Nazionale e Democratico” (NPD), del quale fa parte l’avv. Nahrath.
4°) Infine, e questa è la parte oggettivamente più interessante (non voglio curarmi di tutte le altre faccende connesse a tale caso), Krah ha partecipato (“contra factum non valet argumenum”) nel settembre 2010 a New York, assieme a vecchi allievi dell’Università di Tel Aviv, ad una colletta per aiutare gli studenti ebrei della diaspora a raggiungere lo Stato d’Israele per essere formati presso l’Università sionista di Tel Aviv; si possono vedere le foto di Krah e compagni, qualificati come israeliti. Vedi http://www.aftau.org/site/PageServer?pagename=recentevents_Sept2010_AlumniAuction
I fatti sopra citati sono descritti in un commento pubblicato il 4 dicembre 2010 sul sito in lingua francese Les Intransigeants http://www.intransigeants.com/2010/12/exclusif-les-dessous-de-laffaire-williamson.
5°) La risposta di Krah ai commenti succitati è venuta alla fine del dicembre 2010, pubblicata sul sito Ignis Ardens http://z10.invisionfree.com/Ignis_Ardens/index.php?showtopic=6517&st=100&#entry9644783. Essa è abbastanza illuminante e sconcertante. Sconcertante poiché oggettivamente minacciosa: “adesso conosco coloro che mi hanno calunniato e vedranno…”. Illuminante a) in quanto, se fosse stato veramente calunniato, Krah avrebbe potuto rispondere per chiarire o avrebbe potuto far ricorso alla magistratura per ottenere giustizia, come era suo diritto, e non alle minacce per intimorire (“vi conosco, vedrete”); b) poiché Krah ammette: «a settembre ho ricevuto un invito spontaneo da un amico avvocato per questa serata molto piacevole alla Galleria Witzenhausen, dove ho incontrato persone fantastiche provenienti da Israele, Stati Uniti (entrambe ebree e non), e alcuni europei che si trovano a New York. Era un regolare incontro annuale. E, naturalmente, c'è stato un gala per beneficenza. Così è stato»; c) infine poiché Krah non smentisce la raccolta fondi per l’università di Tel Aviv, che non è un semplice “chiacchierare” con ebrei, cosa del tutto lecita. Non è importante se l’avv. Krah sia di origine israelita, quel che conta è la Fede non l’etnia. Krah si professa cattolico tradizionalista e questo basta. Però l’attività filo-sionista, svolta da Krah, è un’azione lecita e legale in sé, ma difficilmente conciliabile, moralmente e dogmaticamente, con la professione della Fede cattolica tradizionale e pre-conciliare. Questo è il punto oggettivamente rilevante di questa faccenda.
San Pio X (il Santo protettore dei “tradizionalisti”) nel 1904 rispose a Teodoro Herzl (il fondatore del sionismo, 1896), che gli aveva chiesto di riconoscere il movimento sionista e l’eventuale futuro Stato di Israele: «Sino a che Israele non riconoscerà Cristo come Messia e Dio, la Chiesa non potrà riconoscere il sionismo e Israele». Quindi oggettivamente tra cattolicesimo e sionismo vi è incompatibilità e la “doppia appartenenza” non è lecita.
Attualità del caso
1°) In questi giorni si sente e si legge che si vuol denunciare alla magistratura coloro che si sono occupati del “caso Krah”.
2°) Dopo il processo del 5 luglio 2011 a mons. Williamson in Germania, Maximilien Krah ha rilasciato una deposizione in tribunale oggettivamente denigratoria ed oltraggiosa contro il Vescovo britannico.
Da-http://www.sueddeutsche.de/bayern/prozess-gegen-bischof-williamson-plaudernuebergaskammern-1.1116124 : […]Una comunità di sacerdoti cattolici difficilmente può distanziarsi maggiormente da uno dei suoi membri. Dicono che monsignor Richard Williamson sia uno stravagante, uno con un profondo problema con il riconoscimento della realtà il quale "ogni due anni, con bella regolarità, crede nella fine del mondo". Così disse lunedì scorso a Ratisbona Maximilian Krah, l'amministratore legale della Fraternità in Germania, a proposito di Williamson, membro della stessa comunità. Alla fine riassume: "Un tipo balzano si potrebbe definirlo, credo". Così ciò che era stato ideato come testimonianza davanti al tribunale provinciale, fu allo stesso tempo una pubblica presa di distanza fatta dalla Fraternità nei confronti del loro confratello decaduto, del cui agire ebbe un'altra volta a giudicare un tribunale.[…] [1]
 Purtroppo nessuno è intervenuto, non dico per difendere mons. Williamson, ma neppure per pacificare gli animi ed invitare ad una maggiore educazione nell’uso dei termini impiegati contro di lui. Nessuno ha preso le distanze dalle offese oggettive e pubbliche rivolte da un fedele laico cattolico-tradizionalista, quale si dice Krah, contro un Vescovo cattolico. Non è oggettivamente corretto.
3°) Quindi mi sento moralmente obbligato a prendere posizione pubblica su tale caso, non per fare pettegolezzi, né processi alle intenzioni, ma per cercare di stabilire la verità oggettiva dei fatti. Voglio sperare che ciò sia ancora legalmente lecito; moralmente lo è senza ombra di dubbio. Spero di riuscire nel mio intento. Qualora mi sia sbagliato, correggetemi pure. Perciò scrivo pubblicamente. Se la denunzia minacciata viene fatta per appurare la verità su quanto scritto riguardo Krah, essa è lecita. Se egli è stato denigrato va risarcito, altrimenti si riconosca la verità dei fatti. Se colui che minaccia la denunzia è stato calunniato, il ricorso alla giustizia è doveroso anche per difendere la propria buona fama, ma è gravemente scorretto tirare in ballo l’equiparazione antisionismo/antisemitismo e l’antigiudaismo o l’istigazione all’odio razziale, e denunciare come antisemita chi ha posto la questione se la doppia appartenenza al sionismo e al cattolicesimo tradizionale[2] sia lecita. Adesso c’è solo da aspettare e sperare, senza fare inutili congetture, che venga fatta chiarezza su questo “affare”, il quale è oggettivamente inquietante ed è bene che sia risolto.
4°) Sino ad ora non ho voluto occuparmi di questa faccenda, la cui parte finanziaria, etnica e complottistica non ritengo oggettivamente rilevante. Ho atteso risposte convincenti, che dissipino ogni dubbio circa la compatibilità tra la Fede cattolica e l’ideologia sionistica. Una risposta è venuta da Krah, ma essa è piuttosto un’intimidazione che una risposta o delucidazione. Ora sembra che si voglia rispondere. Speriamo e auguriamoci che lo si faccia correttamente e non persecutoriamente e che la verità trionfi sul dubbio, il quale tanto male ha fatto e fa ai cattolici fedeli alla Tradizione apostolica e al Magistero costante della Chiesa, che a partire da Nostra aetate (1965) ha conosciuto un “crescendo rossiniano” di cedimento al giudaismo post-biblico. Se mi si vuol denunciare per aver espresso queste perplessità sulla coerenza e correttezza di un certo modo di pensare ed agire, lo si faccia pure. “È meglio obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti degli Apostoli), che - se così fosse - si allontanano dalle vie del Signore.
Sancte Pie X, ora pro nobis!
D. CURZIO NITOGLIA

25 LUGLIO 2011
PS:
Molti dei ‘siti’ citati nel presente articolo sono stati fatti chiudere, ma le notizie riportate da essi sono state controllate e trovate oggettivamente conformi alla realtà. Se qualcuno trovasse qualche inesattezza lo invito a farmela notare. Sarò il primo a prenderne atto e a rettificare. 
 --------------------------------------

 Inoltre pubblichiamo la documentazione parziale, ma dettagliatissima, su questo scandaloso caso del sionista che controlla le finanze della Fraternità San Pio X e che si è "calorosamente" impegnato per infangare la figura del Vescovo Williamson. La documentazione è divisa in sette parti, ma solo tre sono disponibili....

Dossier “Krah-Fellay”

 

Il Caso Krah-Fellay (FSSPX)

(FSSPX: Fraternità Sacerdotale San Pio X)

La Quinta Colonna Marrana si insinua

all’interno della Tradizione cattolica

INTRODUZIONE
Questo importante documento è apparso per la prima volta in America su un forum cattolico tradizionale chiamato Angelo Regina. E ‘stato immediatamente soppresso. Poco dopo è apparso su un forum tradizionale cattolico in Gran Bretagna, chiamato Ignis Ardens tra novembre 2010 e gennaio 2011. Il primo ‘post’ è venuto da una o persone sotto il nome “Guglielmo di Norwich.” Come risultato altri ‘blogger’ hanno fornito informazioni che ha completato e ampliato il primo ‘posting’. Per noi italiani vale la pena notare che l’ortografia e lo stile letterario di “Guglielmo di Norwich” sembra indicare un origine americana.
Questo dossier ha dato origine ad una grande controversia nel mondo di lingua inglese, e ha portato a traduzioni, non sempre complete, in spagnolo, francese e tedesco (nb la traduzione italiana è completa). Ha anche portato a diversi tentativi, oltre quelli menzionati in questo documento, per sopprimere le informazioni che contiene. Le minacce legali sono state tra le principali pressioni ricevute. Inoltre, sino al mese di febbraio 2011, era possibile accedere tutti i ‘links’ del  ‘post’ originale apparso in internet. Ora non non lo sono più.
Qualcuno, ostile a queste informazioni, ha disattivato o completamente cancellato i ‘links’, nel tentativo di coprire quello che sta succedendo. In alcuni casi, tuttavia, ‘screenshots’ o documenti in PDF sono stati salvati e, dove possibile, pubblicati.
Il bene della Chiesa Cattolica è in pericolo riguardo a questa materia. Si prega di trovare il tempo per leggerlo e trasmetterne tutte le informazioni anche ad altri.

PARTE PRIMA

Maximilian Krah e Menzingen:

causa di seria preoccupazione?

“Guglielmo di Norwich”

Inviato: 28/11/10

Cronologia

Gennaio 2009
Un avvocato di nome Maximilian Krah è connesso  pubblicamente agli affari della Fraternità San Pio X.
20 Gennaio 2009
Padre Franz Schmidberger, superiore della Fraternità San Pio X in Germania, emetteva un comunicato stampa nel quale si affermava: “Non abbiamo visto l’intervista rilasciata dal vescovo Williamson alla televisione svedese. Appena la vedremo la sottoporremo al parere degli avvocati”.
Ma, in realtà, l’avvocato a cui si sarebbe affidata Menzingen era già sceso in campo e non era altri che Maximilian Krah, della Società di Diritto Societario di Dresda Fetsch Rechtsanwälte: i partner sono Cornelius J. Fetsch, Maximilian Krah e Daniel Adler.
Link: Rechtsanwälte Fetsch
http://www.dasoertliche.de/?id=10700323337…&arkey=14612000
Questo ‘link’ funziona ancora, ma non mostra la pagina originale.
Vedi questo:
http://www1.dastelefonbuch.de/?vm=detail&recuid=2NFIRFGEHEGLMPVAY5TPOUUX2D3P7FTAQU773UQC&sD=1&sp=69&aktion=38
19 Gennaio 2009
Un giorno prima del comunicato stampa di Padre Schmidberger, Maximilian Krah è stato nominato delegato del consiglio di amministrazione e manager della società “Dello Sarto AG”. Il presidente della società è il vescovo Bernard Fellay e membri del Consiglio sono il Primo Assistente, Padre Niklaus Pfluger, e l’Economo Generale della Fraternità, Padre Emeric Baudot.
L’obiettivo della società è stabilito che sia (traduzione Google ‘Tedesco – Italiano’):
“Consulenza su questioni di gestione del risparmio e la cura e la gestione dei beni degli individui nazionali e stranieri, enti, fondazioni e altri organismi, in particolare di persone fisiche o giuridiche di morale cattolica, insegnamento religioso e morale nel senso tradizionale, del dovere e vedere, e l’esecuzione di progetti di ogni tipo, in particolare di progetti di costruzione per le persone di cui, oltre a consigliare in merito all’attuazione di tali progetti; scopo della descrizione in base allo statuto”
In altre parole, ‘Dello Sarto AG’ sembra essere una società di investimento che specula con fondi FSSPX sui mercati finanziari, e altri mercati, nella ricerca di profitti per i vari progetti della FSSPX.
Ma è possibile essere coinvolti nei mercati finanziari di oggi senza essere esposti al rischio e/o alla pratica dell’usura?
La società è stata commercialmente registrata il 13 gennaio 2009 e sono state emesse 100 azioni da 1.000 franchi svizzeri, con un capitale iniziale di 100.000 franchi svizzeri.
Per quanto riguarda il libretto degli assegni solo Maximilian Krah e Mons. Fellay sono abilitati al rilascio di un versamento di fondi, mentre i Padri Pfluger e Baudot devono avere una co-firma per farlo.
Krah non è un chierico, ma esercita maggiori poteri finanziari che il primo assistente o economo. Strano!

Link: Dello Sarto AG
http://www.moneyhouse.ch/it/u/dello_sarto_…3.033.031-9.htm
Maximilian Krah è anche membro del consiglio di amministrazione di altre associazioni che controllano i fondi della FSSPX.
Nella edizione di settembre 2010 di una pubblicazione di “EMBA-Global” si legge che “il programma EMBA-Global è stato progettato per manager esperti, professionisti e dirigenti che cercano di sviluppare le competenze, conoscenze e reti per operare con successo come leader mondiali, in qualsiasi parte del mondo” e che “esso mette insieme una rete internazionale di professionisti di elite del business.”
Link: EMBA-Global
http://www.emba-global.com/EMBA-Global_Cla…tember_2010.pdf

Maximilian Krah è raffigurato a pagina 6 della pubblicazione di settembre 2010 con il seguente testo di accompagnamento:
“Krah Maximilian. Tedesco. Avvocato. Jaidhofer Privatstiftung, Vienna, Austria. Avvocato con notevole esperienza internazionale. Attualmente Consigliere di amministrazione di una fondazione austriaca. Responsabile della gestione patrimoniale e asse del capitale di regolamento e per lo sviluppo di progetti non-profit in tutto il mondo, che sono sponsorizzati utilizzando i fondi ottenuti.”
Il nome completo della società di cui sopra è Jaidhofer Privatstiftung S. Giuseppe e Marcello. Jaidof è la sede del quartier generale della Fraternità San Pio X del Distretto in Austria.
Il fatto che la Fraternità San Pio X sembra essere coinvolta nei mercati finanziari internazionali preoccuperà molti dei suoi fedeli i quali potrebbero, giustamente, ritenere che tale attività sia rischiosa sul piano materiale, e discutibile sul piano morale. Ci possono, naturalmente, essere coloro che sono meno preoccupati, ritenendo ciò accettabile nel mondo moderno se volto a “fini di bene”.
Hanno ragione questi ultimi?
Krah ha fatto la sua prima apparizione in campo internazionale, per quanto riguarda i tradizionalisti, sulla scia di ciò che è stato soprannominato dai media come “il caso Williamson”. I suoi commenti sul vescovo non erano lusinghieri, emanavano una visione liberale del mondo e versavano benzina sul fuoco delle polemiche che imperversarono in tutto il mondo, sia contro il vescovo che contro la Fraternità SSPX, per mesi e mesi.
È chiaro ora che l’”intervista” e la “polemica conseguente” erano preparate, ma è tutt’ora oggetto di congetture quale(i) persona(e)/o agenzie abbiano organizzato ciò. Forse le informazioni contenute in questo testo faranno luce sugli interrogativi?
Al di là di ogni congettura, tuttavia, sta il fatto che l’atteggiamento di Mons. Fellay nei confronti del vescovo Williamson sia cambiato radicalmente. Anche chi non ha nulla contro Mons. Fellay ha notato questo cambiamento. Il cambiamento è stato pubblico e persistente, ed è stato sia offensivo che umiliante per il Vescovo Williamson. È stato anche ampiamente diffuso sui media, e, in Germania, ha trovato un posto privilegiato sulla rivista comunista notoriamente anti-cattolica Der Spiegel, con grande stupore dei tradizionalisti in tutto il mondo.
È stato lì che abbiamo sentito i riferimenti scioccanti sul vescovo Williamson: “una bomba a mano inesplosa”, “un grumo pericoloso di uranio”, ecc. così come le insinuazioni offensive che egli sia affetto dal morbo di Parkinson. La questione, ricordiamolo, non è se si sia d’accordo o in disaccordo con Williamson, oppure se si preferisce o non si preferisce il vescovo Williamson o Fellay, ma se un uomo ha il diritto di esprimere un parere personale su una questione storica. La trappola dell’intervistatore svedese, Ali Fegan, che alcuni svedesi dicono essere un turco ebreo, ha messo Williamson nei guai: restare in silenzio, lasciando dire così ai mezzi di comunicazione “che il suo rifiuto di parlare è la prova del suo credo revisionista,” o semplicemente mentire. Williamson ha fatto la sua scelta. Se noi siamo, o non siamo, d’accordo, non ha importanza.
In passato, quasi vent’anni fa, in Canada, Williamson aveva fatto “commenti controversi” sullo stesso tema, in quello che sarebbe dovuto essere un incontro privato tra Cattolici. Un giornalista, però, scoperto il fatto, sollevò una polemica. La rilevanza di questo episodio è che l’atteggiamento di monsignor Lefebvre contrasta notevolmente con quello di Mons. Fellay. Il primo semplicemente ignorò la “polemica”, trattando i media laici e anti-cattolici con totale disprezzo, e così la questione rapidamente passò nel dimenticatoio. Fellay si è prestato al gioco dei media, ha rotto l’unità con il suo confratello nell’episcopato (pericolo su cui mise in guardia Mons. Lefebvre nel corso delle consacrazioni del 1988), ed ha trasformato quello che doveva essere un granello di sabbia, in una montagna.
Entra Krah
Krah è incaricato di trovare un avvocato per difendere Williamson. Egli opta per Matthias Lossmann come avvocato della difesa: una strana scelta. È strana perché Lossmann è un membro del partito estremista Die Grünen (i Verdi), un’organizzazione nota in Germania come il “cocomero”: verde all’esterno, rossa all’interno. Un partito pro-femminista, pro-omosessuali, pro-aborto e che ha Daniel Cohn-Bendit, un membro del Parlamento europeo, nei suoi ranghi. Questi, oltre al suo coinvolgimento in prima linea nella turbolenza rossa del ’68 nelle università in Francia, è un noto sostenitore della pedofilia, come dimostra la sua autobiografia.
Cosa ha pensato Krah, quindi, nello scegliere un tale avvocato per rappresentare un vescovo cattolico? Era davvero l’avvocato Lossmann il solo in Germania pronto a difendere questo caso?
La scelta di Krah è strana per una seconda ragione. Krah è membro di un partito politico, ma non dei Verdi. Krah è un importante attivista politico ed esponente a Dresda, nell’est della Germania, della liberale, pro-aborto, pro-omosessuale Unione Cristiano-Democratica, guidata da Angela Merkel. La Cancelliera Merkel proviene anche lei dalla Germania orientale ed è comunemente chiamata “Stasi-Merkel”, dopo le rivelazioni e prove fotografiche venute alla luce facendo capire che lei è stata assunta e formata dalla Stasi, l’ex polizia segreta tedesco-orientale; un approccio comune per i giovani, in particolare quelli in cerca di carriere professionali nello Stato ex comunista della Repubblica Democratica Tedesca.
Quella stessa Merkel che rimproverò pubblicamente Benedetto XVI per aver rimosso la cosiddetta “scomunica” al “negazionista” Williamson, e che chiese al Papa di tornare indietro in merito alla sua decisione.
Krah è raffigurato nell’editoriale a pagina 3 di una pubblicazione del CDU del maggio 2006, nel link qui sotto:
Link: Unione Die Dresdner, maggio 2006.
http://www.cdu-dresden.de/?mo=mc_vjjrz_etk…40107b868a48%7D
Questo ‘link’ funziona ancora, ma non mostra la pagina originale, mentre si può visionare l’immagine a seguire:
Egli stesso, che si descrive nella rivista come una specie di cristiano (e siamo anche informati, attraverso fedeli, che egli frequenta la cappella della FSSPX a Dresda), sceglie poi per Williamson un avvocato che non avrebbe potuto essere peggiore.
Si ricordi inoltre che, dopo il primo attacco di Der Spiegel a Williamson, Krah tornò rapidamente nella sede britannica della FSSPX a Londra e cercò di ottenere che Williamson concedesse una seconda intervista con la malfamata rivista. Williamson rifiutò di farlo, nonostante il fatto che Krah fosse venuto insieme a codesti giornalisti con il consenso formale di Mons. Fellay!
Come, in nome di Dio, ha potuto mons. Fellay pensare che un secondo attacco di Der Spiegel avrebbe aiutato la causa di Williamson, o della FSSPX?
Chi può dirlo?
Inoltre: consideriamo l’approccio di Krah e Lossmann nel primo processo di Williamson. Non ci fu alcun tentativo di difenderlo, anche se era chiaro che Williamson non aveva violato la legge tedesca, contrariamente agli umori generati nell’opinione pubblica dai media. Ciò che avvenne, secondo i non-cattolici che hanno partecipato al processo, fu una parodia scioccante di difesa: Krah, untuoso, compiaciuto e beffardo nei confronti del vescovo; Lossmann, debole, esitante, insipido. Entrambi effettivamente “hanno ammesso” la “colpa” di Williamson, ma tuttavia hanno chiesto “clemenza”. In nessun momento essi hanno posto questioni giuridiche, questioni che non riguardano direttamente l’ “Olocausto” e la sua veridicità, cioè disposizioni di legge che effettivamente siano applicabili al caso Williamson. In altre parole, fu una difesa di Caifa.
Si può, quindi, non essere sorpresi che Williamson abbia deciso di appellarsi contro la decisione della Corte, ed assumere un avvocato indipendente che affrontasse le reali questioni giuridiche del caso. Che il vescovo Fellay, sulla base dei rapporti dei media, gli abbia ordinato pubblicamente di licenziare questo avvocato (COMMUNIQUÉ DE LA MAISON GENERALICE del 20-11-2010
 http://www.dici.org/actualites/communique-de-la-maison-generalice/ )
altrimenti sarebbe stato espulso, è, invece, una grande sorpresa, si potrebbe dire addirittura uno scandalo, perché tali situazioni richiedono la conoscenza di tutti i fatti, seria riflessione e sagacia. Il comunicato stampa non ha dimostrato nessuno di questi requisiti, e rappresenta semplicemente un altro esempio pubblico di inspiegabile ostilità di Mons. Fellay verso mons. Williamson.
È significativo che la dichiarazione di DICI si riferisca al nuovo avvocato di Williamson come a qualcuno che è stato associato con i “neo-nazisti”, perchè questo è un riferimento ai democratici tedeschi nazionali, un’organizzazione in vigore da circa 50 anni e che ha rappresentanti in alcuni parlamenti regionali tedeschi. Se fosse stata “nazista” essa sarebbe stata vietata in virtù della Costituzione tedesca già da molto tempo – come molti gruppi scoperti nel corso di questi anni in Germania. Inoltre, mentre DICI  ha scelto il termine“neo-nazista”, il britannico Daily Telegraph ha scelto “di estrema destra”, come hanno fatto riviste notoriamente antisemite, come il Jerusalem Post e Haaretz.
Krah ha un ruolo in questo comunicato? Non possiamo saperlo con certezza, ma sappiamo qualcosa di Krah che non è a conoscenza di tutti. Krah Maximilian è ebreo. Si presenta come una specie di ‘cristiano’ nel link di cui sopra, ma troviamo un quadro più rivelatore di Maximilian Krah in questo link qui sotto, sulla partecipazione a una raccolta fondi a New York nel mese di settembre 2010.
Link: Amici americani della Università di Tel Aviv:
http://www.aftau.org/site/PageServer?pagen…0_AlumniAuction
KRAH-Alumni and Friends (PDF)
I partecipanti a questa raccolta di fondi sono ex allievi dell’Università di Tel Aviv. Si stanno raccogliendo fondi per borse di studio per aiutare gli ebrei della Diaspora a recarsi nello Stato sionista di Israele e ricevere una formazione all’Università di Tel Aviv. Guarda le fotografie. Ogni singola persona è identificata e ognuno è chiaramente giudeo. Non c’è nessun dubbio su questo, Krah incluso.
Tuttavia Krah è nel centro finanziario della Fraternità San Pio X, e non ha portato alcun aiuto a Williamson e al suo caso con le sue dichiarazioni e azioni, e può essere responsabile di cose ancora sconosciute o inconoscibili.
Fin dal suo arrivo sulla scena, i cattolici tradizionalisti hanno visto:
1) la scomparsa improvvisa di importanti articoli teologici da siti web del Distretto (americano N.d.T.) riguardo l’ebraismo e il ruolo cardine svolto dai nostri “fratelli maggiori” (come il Vescovo Fellay li chiama questo anno) in Finanza, Massoneria e comunismo, nessuno dei quali avrebbe potuto essere interpretato come “antisemita” da parte dalla Chiesa cattolica di un tempo;
2) il Vescovo Williamson continuamente e pubblicamente denigrato, umiliato e insultato grossolanamente;
3) il giornale comunista Der Spiegel favorito per interviste e racconti miranti a mantenere il “caso Williamson” acceso, così da portare verso la “emarginazione” di Williamson.
4) un articolo scandaloso ed erroneo pubblicato su The Angelus, in cui si insegnava ai fedeli che un rabbino Talmudico era un santo e che era stato positivamente strumentale per preparare l’incarnazione di Nostro Signore Gesù Cristo e la conversione di San Paolo.
Tutti questi fatti insieme necessariamente sollevano una serie di domande.
E queste domande possono ricevere risposta soltanto da coloro che conoscono tutti i fatti. In questo caso la persona è Mons. Fellay, poiché egli è il Superiore Generale, ha libero accesso a tutti gli aspetti del lavoro della Fraternità e, evidentemente, ha preso il signor Krah come consulente, sia a livello finanziario che giuridico.
Chi scrive non sta facendo accuse o insinuazioni contro Mons. Fellay a qualsiasi livello. Egli sta semplicemente chiedendo che risponda pubblicamente alle seguenti domande in modo che il dubbio e la preoccupazione, diffusi tra il clero e i fedeli dopo i fatti dello scorso anno, si plachino, e ricevano sollievo dal balsamo della Verità.
Eccellenza,
1) era lei consapevole che Maximilian Krah, che ha attualmente un significativo potere e influenza in importanti aree del funzionamento interno della Fraternità San Pio X, era un ebreo quando gli concesse la sua fiducia?
2) Chi ha introdotto, o raccomandato Maximilian Krah nel suo ruolo professionale alla Fraternità Sacerdotale San Pio X?
3) Se lei non era a conoscenza del percorso e delle connessioni politiche di Krah, perché questi non è stato attentamente studiato prima di essere introdotto nel circolo interno e nel funzionamento interno della FSSPX?
4) Perché Krah, che non è un chierico della FSSPX e neppure un sostenitore di lunga data della Fraternità, ha un potere così singolare per gestire i fondi della FSSPX?
5) Chi sono gli azionisti di Dello Sarto AG? Sono tutti del clero della Fraternità San Pio X, o di congregazioni correlate? Le quote sono trasferibili mediante acquisto? In caso di defezione, di morte, di dimissioni di un azionista, come sono distribuite le quote? Chi, in ciascuno di questi casi, ha il potere di conferire, designare, vendere o altrimenti disporre di tali azioni? Lei? L’Economo? Il Gestore? Il consiglio di amministrazione? Il Capitolo generale?
6) Perché la Fraternità San Pio X è coinvolta in attività finanziarie che possono essere comuni nella società moderna, ma che difficilmente potranno essere in conformità con gli insegnamenti della Chiesa riguardanti il denaro, la sua natura, il suo uso ed i suoi fini?
7) Perché è stato permesso a Krah di tenere vivo “il caso Williamson” organizzando interviste e fornendo storie per la rivista Der Spiegel? Come potrebbe un presunto democristiano essere intermediario con un noto giornale comunista?
8) Perché è stato permesso a Krah di imporre al suo confratello vescovo un avvocato appartenente alla estrema sinistra dei “Die Grünen” (i Verdi)?
9) Perché il suo confratello vescovo è stato minacciato di espulsione dalla Fraternità San Pio X, per la semplice assunzione di un avvocato effettivamente impegnato a combattere la sanzione ingiusta e ridicola? Non è forse questo il caso in cui i Fratelli della stessa casa debbano prevalere su quelli che ne sono fuori?
10) Può spiegare perché il suo atteggiamento pubblico verso Williamson è cambiato, visto che lei continuamente lo sminuisce pubblicamente, mentre lui non le ha mai risposto?
11) Che cosa intende fare con Mr. Krah, visto che la sua posizione all’interno della Fraternità è molto influente, ma che non può essere seriamente considerato come qualcuno che abbia a cuore i migliori interessi della Tradizione cattolica? Si attiverà per risolvere questo problema altrettanto velocemente, così come ha fatto nei confronti di Williamson?
Non c’è malizia intenzionale nella presente comunicazione. Vi è semplicemente una paura tremenda per il futuro della FSSPX e la sua direzione.
POST SCRIPTUM
A chi pensa che colui il quale scrive questo testo sia un diffamatore, vorrei sottolineare che sono stato io a rendere pubblica l’imminente fuoriuscita dei Redentoristi Transalpini diversi mesi prima che avesse luogo. Sono stato molto attaccato a causa di questa vicenda e alcuni mi hanno calunniato – ma, poco tempo dopo ho dimostrato di aver ragione. Chi scrive non ha ancora pubblicato questo documento da nessuna parte e perciò lo fa adesso, come ha fatto nei confronti dei Redentoristi, perché possiede informazioni che devono essere rese note ampiamente, per il bene della Tradizione cattolica. Nulla mi farebbe più piacere che Mons. Fellay rispondesse a queste gravi domande e portasse serenità nelle menti Cattoliche.

PARTE SECONDA

 HP MKrah

I TEMPI e le MOTIVAZIONI: Krah e Menzingen

Inviato: 4/12/10

Allorchè Guglielmo di Norwich, domenica scorsa, ha reso pubblici i suoi commenti, c’è stato un grande interesse nelle discussioni che ha generato. La cosa più evidente è stato il volume di nuove informazioni, alcune delle quali contestate da un piccolo numero di lettori, ma gran parte di esse è stata accettata come incontrovertibile.
Nei giorni passanti ho considerato con attenzione i vari commenti e risposte scritte in merito, e credo che ci sia qualcosa che non quadri riguardo alla succesione dei tempi. Se ho ragione, questo avrà un impatto enorme sulle conclusioni.
Sappiamo per certo che mercoledì il 17 novembre 2010 Matthias Lossmann ha contattato l’agenzia di stampa tedesca Deutsche Presse-Agentur (DPA) e ha detto loro che si sarebbe dimesso dalla difesa del vescovo Williamson in favore di un’altro caso e che “il nome sarebbe stato presto reso pubblico… e si vedrà, quindi, perché non sarà più richiesta la mia consulenza”.
Questa dichiarazione di Lossman andrebbe analizzata con cura. Perché ha sentito il bisogno di andare in un agenzia di stampa per dire che non era più coinvolto nel caso Williamson? E ‘difficile credere che qualcuno coinvolto con l’ultra ‘politically correct’ del partito dei Verdi sarebbe stato l’oggetto di odio da parte dei membri del pubblico o dei giornalisti importanti, tanto più che egli aveva chiarito al giudice della corte incaricata del caso, nell’aprile 2010, che egli non aveva alcunchè da spartire con le opinioni di Williamson. In realtà il suo comportamento durante il processo ha dimostrato chiaramente che stava lavorando contro l’interesse di Williamson. Potremmo concluderne che egli “stava cercando di prendere i media all’amo”  in previsione della “polemica” che stava per esplodere. Avrebbe potuto dire nulla in merito, e rispondere alle domande solo nel caso che fossero sorte spontaneamente. Ma non l’ha fatto ed ha parlato, e questo la dice lunga sulle sue motivazioni, non solo di quel particolare momento della vicenda, ma sin dall’inizio.
Sappiamo anche che giovedi, 18 novembre 2010, il nuovo legale scelto da Williamson, l’avvocato Nahrath, ha inviato una comunicazione al nuovo giudice, Eisvogel, via fax, al suo ufficio personale. In essa egli ha sottolineato il fatto che fosse già stato incaricato da Williamson e che voleva chiedere un rinvio del processo, al fine di arrivare velocemente al merito della causa.
Sappiamo anche che Stefan Winters, del Der Spiegel, ha telefonato a Nahrath nel giro di mezz’ora, ed era già a conoscenza del suo status legale nei confronti di Williamson. Come hanno avuto questa informazione? Forse il giudice, o un funzionario del tribunale, hanno rilasciato queste informazioni ai giornalisti? Forse, ma improbabile, dato che anche il segretario di Eisvogel non sapeva che Nahrath avesse inviato il fax. Se il giudice avesse agito così, avrebbe rischiato di esporsi e avrebbe sicuramente subito delle sanzioni legali per negligenza professionale. Se fosse un funzionario di corte, lui o lei avrebbe rischiato il posto di lavoro. Si potrebbe sostenere che fosse stata una motivazione politica. E ‘possibile, naturalmente. Ma vista la mancanza del minimo indizio, dobbiamo respingere tale pensiero dalla mente.
Sappiamo che Lossman sapeva il nome del nuovo avvocato. Lo sappiamo perché ha deciso di dimettersi dalla difesa perchè o non era disposto o non poteva lavorare con Nahrath. Quindi, abbiamo due possibilità. O Lossmann ha contattato Der Spiegel lui stesso, o ha dato le informazioni a quel ben noto socio di Der Spiegel, Massimiliano Krah. La prima opzione è improbabile, per la buona ragione che egli avrebbe potuto contattare Der Spiegel fin dall’inizio per spiegare egli stesso la situazione. La seconda opzione è molto probabile, e abbiamo un precedente storico.
 
Una breve digressione
Torniamo indietro nel tempoa a prima del processo del Vescovo, che era stato fissato per il 16 aprile 2010. Il 4 marzo 2010, Williamson ricevette una comunicazione da Padre Thouvenot, in cui egli venne informato, su richiesta di Mons. Fellay, a desistere da una serie di cose. Una di queste era che egli stava “ricevendo un ordine formale con divieto di comparire davanti al giudice di Ratisbonne, per lasciare che gli avvocati [Lossman e Krah] regolarizzino la situazione a vostro vantaggio, ed a quello della FSSPX, di cui sei un membro”.
Perché questo ordine da Fellay? Era un prodotto della paura, o era motivato da qualcosa d’altro? Dato che Lossmann era stato un fallimento totale come avvocato, non avendo fatto nulla per affrontare l’effettiva applicabilità della legge diretta contro Williamson, e dato che Krah era, come  Guglielmo di Norwich ha sottolineato, positivamente pregiudizievole agli interessi di Williamson, si potrebbe ipotizzare, ragionevolmente io credo (in particolare alla luce degli eventi successivi), che Fellay volesse che gli avvocati da lui scelto avessero mano libera con la corte, senza essere ostacolati da qualsiasi possibile obiezione da parte di Williamson. Se Williamson fosse stato presente in tribunale, è molto improbabile che egli avrebbe tollerato le buffonate di Krah e Lossmann e, data la sua capacità di parlare tedesco, avrebbe contrastato le loro assurdità mendaci ed irrelevanti. Egli avrebbe anche potuto rimuoverli sul posto e assunto la sua difesa da se stesso. Questa è una ipotesi speculativa, perché non possiamo sapere cosa ci sia nella mente di Fellay, a meno che egli stesso non ci dica quale fu la sua motivazione, e non possiamo sapere che cosa Williamson potrebbe potenzialmente avere detto o fatto.
Tuttavia, ciò che segue non è una congettura. Solo un paio di giorni prima del processo stesso di un giornalista di Der Spiegel da Berlino ha telefonato a Lossmann. La conversazione andò così: “Mons. Williamson assisterà al processo?” “No.” “Perché no?” “Ordini dal suo Superiore.” “Un ordine scritto?” “Sì.” “Posso vedere il testo?” “No.”
Poco dopo questo scambio di battute, Lossman ricevette una telefonata da Krah: “Hai la lettera di Menzingen?” “Vuoi spedirmene una copia?” La risposta è affermativa, e Lossmann la invia. Circa due ore dopo la stessa giornalista telefona a Lossman e lo informa che ora aveva una copia dell’ordine da Fellay.
Le probabilità, dunque, che Lossmann non ripeta questo comportamento non professionale una seconda volta, fornendo informazioni riguardante Williamson e Nahrath a Krah, sono molto scarse. Che Der Spiegel lo sapesse già, a 30 minuti dalla nomina di Nahrath, rende la connessione Lossmann-Krah quasi una certezza morale.
Qualcuno sta mentendo?
Sappiamo che circa verso le 9:00, ora svizzera, del Sabato 20 Novembre 2010, la Casa Generalizia della Fraternità ha pubblicato sul proprio sito una dichiarazione rilasciata da Padre Thouvenot, su richiesta esplicita di Fellay. Si diceva che “Il Superiore Generale, mons. Bernard Fellay, ha appreso dalla stampa che mons. Williamson aveva revocato, 10 giorni prima del suo processo, l’avvocato incaricato della sua difesa.” La dichiarazione ha concluso, come tutti ormai sappiamo, con l’affermazione che se Williamson non avesse sollevato dall’incarico “avvocato cosiddetto neo-nazi”  Fellay l’avrebbe espulso dalla FSSPX.
Meno noto è il fatto che Padre Thouvenot abbia rilasciato una dichiarazione ulteriore, su istruzioni di Fellay, riguardante Williamson, domenica il 21 Novembre 2010 nel primo pomeriggio. E ‘stata inviata via e-mail ai vescovi e superiori della FSSPX ed era intitolata “Chiarimenti sul comunicato stampa della Casa Generalizia”, e che aveva come esplicito obiettivo di “spiegare” con una maggiore precisione la dichiarazione del 20 novembre 2010.
Nel secondo paragrafo si legge: “mons. Williamson ha voluto incaricare un secondo avvocato, le cui posizioni politiche sono ben note (“l’unico avvocato neo-nazista in Germania non ancora in carcere,” ** si dice). . . . Il tribunale amministrativo di Ratisbonne sapeva della revoca del primo avvocato [Lossmann] mercoledì il 17 novembre 2010 e l’identità del suo sostituto ha cominciato a trapelare nella mattinata di Venerdì 19 Novembre 2010.”
[** Chi ha esattamente detto ciò? Perché l'implicazione che tutti i cosiddetti avvocati "neo-nazi" dovrebb ero essere in prigione? Perché non quelli marxisti, liberali e anche sionisti?]
Come faccio a sapere questa seconda e meno conosciuta dichiarazione? Perché mi è stata trasmessa da un amico sacerdote che parla tedesco.
Sappiamo quel che segue, grazie alla cortesia di Hollingsworth, che l’ha pubblicato a pagina 3 del web-file da cui questo post è stato riprodotto:
“Io [Williamson] ho dato l’incarico a difendermi all’avv. Nahrath.
Mons. Fellay mi ha inviato Padre Angles per dirmi (venerdì mezzagiorno) che se non rigetto Nahrath egli mi espellerà dalla FSSPX. A me pare che il mio appello possa andare avanti o con un avvocato che non mi difende, ma approvato da Menzingen, o con un avvocato che mi difende veramente, ma che non sarà approvato dal Menzingen. Padre Angles ha spedito un e-mail (circa verso le 13h00 di venerdì) a mons. Fellay dicendo che rinuncio ad appelarmio davanti ai giudici tedeschi, aggiungendo ironicamente che sarebbe una cortesia se Menzingen pagasse la multa. Mons. Fellay subito rispose via email, “Deo Gratias. Nessun problema per il pagamento della multa” (Venerdì, circa 15.00 GMT).
Questa natizia, così com’è, viene confermata dalla seconda e meno conosciuta dichiarazione. Si precisa, al paragrafo n. 4: “Mons. Williamson ha reso noto a mons. Fellay, venerdì 19 Novembre 2010, nel primo pomeriggio, il suo desiderio di abbandonare il processo”, e questo per il bene della FSSPX.
Quello che deve essere chiaro è che Padre Angles arrivò in Inghilterra la mattinata di venerdì 19 novembre 2010 e fece colazione con il vescovo. Ma Angles ha ricevuto l’ordine di andare a Londra per ragionare con Williamson giovedi sera molto tardi, quando Fellay era a Roma, ad Albano, dove stette per due giorni a parlare con i sacerdoti del distretto italiano. Il mandato per Angles fu quello di convincere Williamson a licenziare Nahrath come suo avvocato, e quindi evitare l’espulsione.
MA ECCO IL PROBLEMA. Perchè ciò significa che Fellay sapeva i fatti riguardanti Nahrath il giovedi 18 novembre – vale a dire che sapeva tutto lo stesso giorno che Nahrath aveva scritto al giudice Eisvogel. Cioè lo stesso giorno che Der Spiegel venne a conoscenza dei fatti. Inoltre, la dichiarazione del 20 novembre 2010 dice molto chiaramente: “Il Superiore Generale, mons. Bernard Fellay apprese dalla stampa…” ECCO UN ALTRO PROBLEMA.
Andate al seguente link e potrete vedere i risultati della ricerca per la voce “Nahrath e Williamson”, in una ricerca di notizie.
http://news.google.com/news/search?pz=1&cf…oring=n&start=0
(Questo ‘link’ è stato cancellato)
Questa ricerca dimostra che ci sono state 55 visite (al 21:00 GMT, 4 dicembre 2010): la prima è riscontrabile a pagina 6, mentre la più recente è a pagina 1. Questa  storia apparse per la prima volta, facendo fede ad una nota diffusa dall’agenzia di stampa tedesca DPA il sabato 20 novembre 2010, sul quotidiano israeliano Haaretz. Successivamente fu presto ripresa da “Giornalettismo”, un poco noto giornale online italiano, e poi da Der Spiegel.
Una ricerca online di Der Spiegel, in tedesco e in inglese, corrobora la ricerca di notizie sopra riportata, perchè la prima menzione della connessione tra Nahrath e Williamson è apparsa sabato 20 novembre 2010. Per essere più chiari: niente è mai apparso su Der Spiegel, o qualsiasi altro giornale, riguardo a Nahrath e Williamson prima di sabato il 20 novembre 2010. Eppure sappiamo che Mons. Fellay ha parlato di questo argomento con don Anglais nel tardo pomeriggio di giovedì 18 novembre 2010, invitandolo a recarsi a Londra; mentre in una meno nota dichiarazione ha detto che le notizie relative alla connessione Nahrath-Williamson “hanno cominciato a trapelare nella mattinata di Venerdì 19 novembre 2010.”
Come ha fatto Monsignor Fellay ad apprendere dalla stampa circa Nahrath-Williamson, il giovedì 18 novembre 2010, se nulla fu pubblicato sino a due giorni più tardi?
Ci sono solo poche opzioni:

1. Fellay avuto una premonizione o “un sospetto”.
2. Ha ricevuto qualche grazia dal Cielo sulla questione.
3. E ‘stato informato da qualcuno che sapeva per telefono, fax, o e-mail dei dettagli.
L’opzione 3 è la mia opzione preferita, perché è l’unica soluzione possibile. Quali sono i candidati che possono aver informato Fellay? Ce ne sono tre: Der Spiegel, Matthias Lossman o Massimiliano Krah. Su quale scommettereste?
Der Spiegel è improbabile, perché nell’articolo di Sabato 20 Novembre 2010 chi è menzionato è Padre Thouvenot. Ciò significa che con ogni probabilità Der Spiegel gli ha telefonato il giorno prima, Venerdì 19 novembre 2010, per i preparativi finali. Lossman è ancora meno probabile. Avrebbe potuto andare direttamente da Fellay mercoledì, il 17 novembre 2010, ma è andato o a Der Spiegel, o da Krah. Inoltre, date le sue posizioni politiche, Lossman non ha alcun peso all’interno della FSSPX. Perciò rimane il nostro vecchio amico, Krah.
Questo significa che Fellay era già informato della questione “Nahrath”, prima di quando egli avesse preteso di esserne a conoscenza.
Vuol dire che egli aveva fatto un accordo con Williamson sin da venerdì 19 novembre 2010,  mettendo l’intera questione a dormire, teoricamente parlando.
Ciò significa che l’affermazione della FSSPX il 20 novembre 2010 è stato un intrigo assurdo, e l’idea che fosse per impedire una “vasta campagna stampa” è un non senso palpabile, perché Fellay, sapendo ciò che sappiamo noi circa il periodo di tempo, potrebbe avere detto a Der Spiegel che Nahrath fosse già fuori questione sin dal pomeriggio di venerdì, 19 novembre 2010, quando essi telefonarono per avere una dichiarazione.
-------------------------------------------------
  • introduzione

  • parte 1

  • parte 2

  • parte 3

  • parte 4

  • parte 5

  • parte 6

  • parte 7

  • Versione in lingua Inglese

  • Versione in lingua Spagnola

  • Versione in lingua Francese

  • Versione in lingua Tedesca

… … …

Ulteriore documentazione dal sito Maurice Pinay

SSPX Superior Bp. Fellay's Lawyer/Business Partner's Visit to Israeli Military Special Forces Base Documented

In 2010 it was revealed that Bishop Fellay's lawyer and business partner, Maximilian Krah attended a fundraising event for Tel Aviv University. Another attendee at that event was a man named Oren Heiman. Oren Heiman is a classmate of Maximilian Krah at EMBA-Global which was analyzed HERE.

From Friends of the 'Israel' 'Defense' Forces we find that Zionist fanatic, Maximilian Krah accepted the invitation of Zionist fanatic Oren Heiman to visit a base of the "Maglan*" special forces unit 212 of the Israeli military:
When Oren Heiman decided to get married in the desert in ... Israel, he wanted to celebrate with all of his friends. Oren, a lawyer at Shibboleth [boutique law firm] who spends much of his free time involved with Jewish philanthropies, is also studying in an executive MBA program at Columbia and he invited his classmates, many of whom had never been to Israel ...

His friends gathered from all across the world, and Oren invited them to join him on a base visit with the Maglan unit, a special forces unit of the IDF. The group met the Master Sargeant and several combat soldiers from the unit, and they had the opportunity to try on uniforms, practice climbing ropes, visit the firing range and the tanks and observe soldiers in training.


Oren’s guests ... came away with a clear understanding of the important work of [Friends of the 'Israel' 'Defense' Forces] and the need to support the soldiers.


www.fidf.org/page.aspx?pid=719
In the images below, dated Apr 14, 2011, we see Maximilian Krah, among other things, happily wearing the uniform and beret of the "Maglan" special forces unit of the 'Israel' 'Defense' Force and waving a 'victory' sign.

Maximilian Krah (left) at base of "Maglan" special forces unit of the 'Israel' 'Defense' Force





SSPX Superior Bp. Fellay's lawyer and business partner, Maximilian Krah (rear, waving a 'victory' sign) wearing the uniform and beret of the "Maglan" special forces unit of the 'Israel' 'Defense' Force


*Maglan is Hebrew for Ibis, the bird of much occult significance, particularly for it's association with the Egyptian god Thoth who was depicted as having an Ibis head.

18 commenti:

  1. dove sono i commenti dei difensori ad oltranza di Mons Fellay? Perchè adesso non ci illuminano e ci chiariscono come tutto ciò sia potuto accadere?
    Gli stessi commenti di Krah, offensivi e ingiuriosi verso un Vescovo Cattolico della FSSPX, li ho sentiti personalmente fare anche da Sacerdoti della Fraternità stessa!!!
    Tutto questo a che scopo? L'unica richiesta reale per far rientrare la Fraternità " intra muros" è forse quella di cacciare quei Vescovi, Sacerdoti e fedeli che non accettano i concetti sui "nostri fratelli maggiori"?
    Ringraziamo Don Curzio per la sua lucidità, il suo coraggio e la possibilità che ci dà di avere ancora una via sicura ( veramente Tradizionale) da seguire
    CZC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stati cancellati. Ma tanto la vostra è una battaglia persa, Satana ha vinto Ah, ah, ah!

      Elimina
    2. Ah sì? Ha vinto? Ridi, ridi, pezzo di scemo, tanto è solo questione di tempo, poi piangerai in eterno. Intanto fai la fine del tuo compagnuccio di merenda Alberto: censurati a prescindere.

      Elimina
  2. Alcuni commenti sono stati cancellati, non erano allineati. Comunque Nitoglia non domiostra nulla se non che Krah è ebreo e ciò non è un reato, almeno per le persone normali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto per curiosità chi sarebbero le persone normali o a-normali secondo te che a quanto pare ti reputi normale?

      Elimina
    2. Il commento cancellato era tutto tranne che un commento serio, primo perchè insultava i gestori del blog, secondo perchè pretendeva di negare l'origine massonica di Nostra Aetate, quando questa notizia ormai la sanno anche i gatti ed esiste un mare di documentazione in rete che dimostra questo.

      Le persone normali, se sanno leggere, senza far finta di non capire quello che leggono, dovrebbero aver appreso dal testo e DALLE FOTOGRAFIE, che Krah, oltre ad essere un ebreo, è un "simpatizzante" del SIONISMO EBRAICO, e questo non è moralmente e teologicamente INCOMPATIBILE con il Cattolicesimo e con la fede in Cristo, visto che costui si proclama "cattolico tradizionale" e frequenta una Cappella della Fraternità.

      Se un ebreo intrattiene contatti con i sionisti, vuol dire che ne condivide i principi e gli obiettivi, ma allora non può essere un cristiano, perchè il Sionismo nasce in seno alla "religione" giudaica e alla Massoneria ebraica, ed i suoi obiettivi sono di tipo massonico. Nessun giudeo massone, può essere contemporaneamente un cristiano e ancor meno un cattolico tradizionale, perchè il giudeo massone è nemico di Cristo e della Chiesa Cattolica quindi un figlio del diavolo, e il cattolico è figlio di Dio per il Battesimo, innestato nel Signore Gesù dal cui Sangue è redento e membro vivo del suo Corpo Mistico che è la Chiesa.

      Dobbiamo continuare, anonimo, o riesci a ragionare anche da solo?

      Elimina
    3. Gesù era ebreo, e la religione degli ebrei e quella dei nostri fratelli maggiori. Essere massone non significa essere anticristiano, le relazioni tra la Chiesa e la Massoneria oggigiorno lo dimostrano. Punto.
      Alberto

      Elimina
    4. Albino Mettifogo27 agosto 2012 12:30

      Signor Alberto,
      la Massoneria è anticristiana per eccellenza. Il giudaismo è anticristiano per eccellenza. E se non vuole credere a quanto detto in questo sito, si informi su internet circa i reali scopi dei "liberi muratori" e dei nostri "fratelli maggiori".
      Legga con attenzione le istruzioni date dai capi ai loro adepti, piene di risentimento e odio anticristiano, e apra gli occhi sulla realtà; di come, cioè, la scalata ai vertici della Chiesa Cattolica fosse da loro pianificata da almeno due secoli (don Luigi Villa ne offre un interessante spaccato nel suo libro "Chiesa e Massoneria"). Una volta fatto questo potrà anche comprendere perchè la Chiesa di oggi intesse relazioni con la Massoneria e il giudaismo. Le dico questo perchè voglio sperare che i suoi commenti siano dettati solo da ingenua ignoranza dei fatti e non da malizia deliberata.
      Albino

      Elimina
    5. Alberto,
      adesso il tuo Kapo eretico è passato direttamente ALLO SCOPERTO,e vi insegna pure che LA MASSONERIA NON E' ANTICRISTIANA??? Andiamo bene! In verità queste fanfaluche che vi insegnano hanno presa facile perchè voi siete e vi mantenete profondamente ignoranti.

      Innanzitutto Gesù - apri bene le orecchie, perchè questo nel Cammino non lo sentirai mai dire, perchè non ci credono - prima di essere ebreo è di natura divina, E' DIO! Questa è la cosa fondamentale di Gesù, che è Dio incarnato.
      Che poi Lui abbia scelto di incarnarsi nel popolo ebraico non era per dare importanza ad Israele, ma perchè Israele giungesse ad avere un Messia, cosa che hanno rifiutato, perdendo l'alleanza che Dio aveva stretto con loro. Quindi tutta 'sta importanza Israele non ce l'ha più, perchè il messagio di Cristo è universale, è per tutti.

      Secondo: la "religione" (come la chiami tu) degli ebrei non è più l'ebraismo, infatti non si rifanno piùalla Legge di Mosè, ma è il GIUDAISMO TALMUDICO. Il Giudaismo è sorto dopo l'esilio in Babilonia e non è più la fede che Dio dette ai padri, ma un miscuglio di credenze pagane di tutti i tipi, come appresero in Babilonia. Oltretutto, dopo l'uccisione di Gesù, in capo a due secoli, Israele adottò come libro fondamentale non più la bibbia ma il Talmud, che sono gli insegnamenti dei rabbini e dei farisei (di quelli che avevano fatto ammazzare il Messia). IL TALMUD è PIENO DI ORRENDE ED OSCENE BESTEMMIE CONTRO GESU' CRISTO E SUA MADRE LA MADONNA.

      Questa è la storia della fede in Israele, altro che "nostri fratelli maggiori"! Gesù ha detto "Chi disprezza Me, disprezza Colui che mi ha mandato." Quindi gli ebrei non avendo il Figlio di Dio, non hanno nemmeno il Padre. (Sono cose che abbimo scritto migliaia di volte...)

      Ora la MASSONERIA, è proprio quell'unione corporativa, che ha come scopo fondamentale la distruzione di Cristo e della sua Chiesa Cattolica, e tutti i riti segreti (spesso cruenti e diabolici) sono essenzialmente anticristiani, e - guarda caso - sono celebrati in lingua ebraica!
      Studia, prima di chiacchierare!

      E se la Chiesa, dal concilio in poi, ha fatto comunella con i massoni, è proprio perchè nella Chiesa sono penetrati i massoni stessi, che si sono inseriti nella Gerarchia ecclesiastica e l'hanno traviata dal di dentro. Anche questo l'avremo ripetuto migliaia di volte, in tutte le maniere!

      Elimina
    6. Non sono pochi i teologi che concordano sulla visione talmudica di Maria, principalmente dal punto di vista storico. In base alle leggi ebraiche del tempo questa è la visione di Maria che poteva avere un ebreo del tempo ed è quella che ne hanno i 5/7 della popolazione del mondo, ossia quella non cattolica.
      Alberto

      Elimina
    7. Sicuramente è anche la visiopne che ne ha lei, signor tirapiedi dei sionisti, miscredente, Massone come loro.
      Solo un massone, filosionista, filogiudaico, nemico acerrimo di Cristo Messia Signore e di Maria Santissima Regina del Cielo e della Terra, può giustificare la visione talmudica su Maria che gli ipocriti rabbini hanno inventato di sana pianta (altro che punto di vista storico! Di storico c'è meno che zero)e che hanno affibbiato all'Immacolata Madre di Dio, per la loro livida invidia e per le stesse questioni di potere umano che spinsero Kaifa a dire che era meglio che morisse uno solo che tutta una nazione.

      Si sa che i giudei basano la loro vita sull'opportunismo e le loro scelte sono tutte (nessuna esclusa) di tipo machiavellico: ogni mezzo è buono (buonissima poi la menzogna e la calunnia)per raggiungere il proprio scopo. Anche questo è scritto nell'ineffabile Talmud: che è giusto mentire per raggiungere uno scopo "santo".

      Che poi esistano teologi che considerino Maria come una prostituta, non so proprio che razza di "teologi" possano essere, forse teologi del tubo, oppure dei protestanti, che sono menici della Vergine Santa, ma sicuramente non sono teologi cattolici. Quindi lei si sbaglia di grosso.

      E si sbaglia anche sulle cosiddette "leggi ebraiche del tempo", che non contemplavano affatto una visione del genere riguardo alla madre del Messia, che comunque Israele aspettava, visto che tutte le fanciulle vergini della stirpe di Davide venivano introdotte nel Tempio, per lo studio delle scritture e poi fatte tutte sposare con un discendente della casa di Davide, poichè il Messia sarebbe venuto da quella stirpe e sarebbe stato il Re dei giudei.

      La visione che invece è stata affibbiata a Maria da quanttro rabbini insensati e venduti a satana, è dovuta al rifiuto netto che israele ha avuto per il Messia, per la buona novella che aveva loro portato, e anche per il Padre che lo aveva inviato loro, il Quale fu da essi pubblicamente RINNEGATO quando dissero di fronte a Pilato:"Non abbiamo altro RE che Cesare!" Era logico dunque che per diffondere le loro bieche menzogne per screditare l'evento messiaco, era loro necessario screditare anche la Madre del Messia. Se quello che hanno messo in giro sulla Madre di Dio fosse "storico" come si permette di asserire lei, bestemmiando, gli islamici non la terrebbero in tale conto da considerarla, nella loro tradizione tramandata nei secoli, l'esempio più alto e perfetto della donna, tenuto come punto dii riferimento da imitare da ogni donna islamica.
      Questo dimostra la menzogna su cui si basa il rivoltante libro maledetto del Talmud, autentica dottrina satanica che è a fondamento della "religione" giudaica, la quale fra l'altro ha soppiantato il vecchio ebraismo ormai del tutto sparito, che per lo meno di basava sulla Torà, sul Pentateuco che è Parola di Dio, e non sul ciarpame verbale di quattro rabbini rinnegatori della vera Rivelazione divina ad israele.

      Elimina
    8. Maria era una giovane donna ripudiata in quanto già non vergine e non era considerata vergine nemmeno ai tempo di Geovà. Queste della immacolata concenzione sono fandonie che si innestano su riti pagani.

      Elimina
    9. ED IO DA OGGI IN POI TI CENSURERO' SENZA NEMMENO LEGGERE LE PATACCATE CHE SCRIVI. SPARISCI, MOSTRO.

      Elimina
  3. La Fraternità sta per essere vaticansecondizzata. Mettetevi l'anima in pace!

    RispondiElimina
  4. news.google.com/news/search?pz=1&cf…oring=n&start=0

    Il link di cui sopra dove si dice che è stato cancellato è presente.
    Copiando e ricercando in google in il link in questione porta a questa pagina:
    http://krahgatefile.blogspot.it/2010/12/timeframes-and-motivations.html

    _________________________

    Bravi, ottimo lavoro amici!
    BlaisePascal

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di tutto caro Blaise,
      anche del libro, che è arrivato a destinazione!
      :-)))

      Elimina
  5. Avete sentito del Rabbino Yitzchak Kaduri?

    Su internet ho trovato queste notizie:
    -era un rabbino molto noto e rispettato,
    -diceva di aver incontrato personalmente il tanto atteso Messia ebreo nel novembre 2003.
    -si racconta che avesse scritto il nome del Messia su una piccola nota, chiedendo che venisse letta dopo un anno dalla sua morte.
    -Quando è stata letta, la nota ha rivelato il nome del Messia come
    "Yehoshua" o "Gesù" -
    o il nome ebraico di Gesù.
    Questo mi dà la speranza che sia vicina la conversione di Israele!
    In Cristo Gesù
    Tenco


    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.