Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

lunedì 13 agosto 2012

La framassoneria e il Conciliabolo. Di Carlo Alberto Agnoli...


LA MASSONERIA ALLA CONQUISTA DELLA CHIESA...

La consegna, di se stesso, e  della Chiesa di Nostro signore Gesù Cristo, nelle mani dei satanassi massoni all'ONU, fatta da parte dell'inqualificabile Montini...

"Questa fotografia riproduce una cerimonia di enorme importanza simbolica: Paolo VI depone, definitivamente, la tiara sull’altare. È il grande obiettivo della Rivoluzione francese, attuato per mano di colui che sedeva sulla cattedra di Pietro; un risultato più importante della decapitazione di Luigi XVI, e anche della “breccia di Porta Pia”. Richiamiamo le parole del Pontefice della Massoneria Universale, Albert Pike: (Gli ispiratori, i filosofi e i capi storici della Rivoluzione francese avevano giurato di rovesciare la Corona e la Tiara sulla tomba di Jacques de Molay... Quando Luigi XVI fu giustiziato, la metà del lavoro era fatta; e quindi da allora l’Armata del Tempio doveva indirizzare tutti i suoi sforzi contro il Papato) (Albert Pike, Morals and Dogma, vol. VI, p. 156).
Undici mesi più tardi, Paolo VI completo' il suo atto di abdicazione rimettendo al Segretario Generale dell'ONU, M. U Thant, un birmano di alto grado massonico, i due altri simboli del suo Papato: l'ANELLO e la CROCE PETTORALE. In cambio, il 4 Ottobre 1965 ricevera' il simbolo di "Grande Sacerdote Ebreo" del Sanhèdrin (- Sinedrio): l'EPHOD, OSSIA IL PETTORALE CHE CAIFA PORTAVA AL MOMENTO DELLA CONDANNA DI NOSTRO SIGNORE".


 "La religione del Dio che si è fatto Uomo s’è incontrata con la religione (perché tale è) dell’uomo che si fa Dio. Che cosa è avvenuto? uno scontro, una lotta, un anatema? poteva essere; ma non è avvenuto. L’antica storia del Samaritano è stata il paradigma della spiritualità del Concilio. Una simpatia immensa lo ha tutto pervaso. La scoperta dei bisogni umani (e tanto maggiori sono, quanto più grande si fa il figlio della terra) ha assorbito l’attenzione del nostro Sinodo. Dategli merito di questo almeno, voi umanisti moderni, rinunciatari alla trascendenza delle cose supreme, e riconoscerete il nostro nuovo umanesimo: anche noi, noi più di tutti, siamo i cultori dell’uomo".


http://nicolaiannazzo.org/wp-content/uploads/2012/02/wojtyla_bacia_corano21.jpg
 Scandaloso bacio del corano...

"Il Concilio dice, (diabolicamente), che "la Chiesa di Cristo sussiste nella Chiesa cattolica, governata dal successore di Pietro e dai vescovi in comunione con lui" e nel contempo riconosce che "al di fuori del suo organismo visibile si trovino parecchi elementi di santificazione e di verità, che, quali doni propri della Chiesa di Cristo, spingono verso l'unità cattolica".
"Perciò le Chiese e Comunità separate, quantunque crediamo che abbiano delle carenze, nel mistero della salvezza non sono affatto prive di significato e valore. Lo spirito di Cristo infatti non ricusa di servirsi di esse come di strumenti di salvezza, la cui efficacia deriva dalla stessa pienezza di grazia e di verità che è stata affidata alla Chiesa cattolica"
11. In questo modo la Chiesa cattolica afferma che, durante i duemila anni della sua storia, è stata conservata nell'unità con tutti i beni con i quali Dio vuole dotare la sua Chiesa, e ciò malgrado le crisi spesso gravi che l'hanno scossa, le carenze di fedeltà di alcuni suoi ministri e gli errori in cui quotidianamente si imbattono i suoi membri. La Chiesa cattolica sa che, in nome del sostegno che le proviene dallo Spirito, le debolezze, le mediocrità, i peccati, a volte i tradimenti di alcuni dei suoi figli, non possono distruggere ciò che Dio ha infuso in essa in funzione del suo disegno di grazia. Anche "le porte degli inferi non prevarranno contro di essa" (Mt 16,18). Tuttavia la Chiesa cattolica non dimentica che molti nel suo seno opacizzano il disegno di Dio. Evocando la divisione dei cristiani, il Decreto sull'ecumenismo non ignora la "colpa di uomini di entrambe le parti", riconoscendo che la responsabilità non può essere attribuita unicamente agli "altri". Per grazia di Dio, non è stato però distrutto ciò che appartiene alla struttura della Chiesa di Cristo e neppure quella comunione che permane con le altre Chiese e Comunità ecclesiali".

ECUMENISMO E MASSONERIA: Di Carlo Alberto Agnoli...
 
Ratzinger, fautore dell'ecumenismo massonico del conciliabolo...

"Ed ora chiediamoci: che cosa significa ristabilire l'unità di tutti i cristiani? Sappiamo tutti che esistono numerosi modelli di unità e voi sapete anche che la Chiesa cattolica si prefigge il raggiungimento della piena unità visibile dei discepoli di Gesù Cristo secondo la definizione che ne ha dato il Concilio Ecumenico Vaticano II in vari suoi documenti (cfr Lumen gentium, nn. 8;13; Unitatis redintegratio, nn. 2; 4 ecc.). Tale unità, secondo la nostra convinzione, sussiste, sì, nella Chiesa cattolica senza possibilità di essere perduta (cfr Unitatis redintegratio, n. 4); la Chiesa infatti non è scomparsa totalmente dal mondo. D'altra parte questa unità non significa quello che si potrebbe chiamare ecumenismo del ritorno: rinnegare cioè e rifiutare la propria storia di fede. Assolutamente no! Non significa uniformità in tutte le espressioni della teologia e della spiritualità, nelle forme liturgiche e nella disciplina. Unità nella molteplicità e molteplicità nell'unità: nell'Omelia per la solennità dei santi apostoli Pietro e Paolo, lo scorso 29 giugno, ho rilevato che piena unità e vera cattolicità nel senso originario della parola vanno insieme. Condizione necessaria perché questa coesistenza si realizzi è che l'impegno per l'unità si purifichi e si rinnovi continuamente, cresca e maturi. A questo scopo può recare un suo contributo il dialogo. Esso è più di uno scambio di pensieri, di un'impresa accademica: è uno scambio di doni (cfr Ut unum sint, n. 28), nel quale le Chiese e le Comunità ecclesiali possono mettere a disposizione i loro tesori (cfr Lumen gentium, nn. 8; 15; Unitatis redintegratio, nn. 3; 14s; Ut unum sint, nn. 10-14)".



 "Durante il Concilio Vaticano II, soprattutto in previsione della ratifica del Decreto Nostra Ætate, un documento dedicato ai rapporti con l'ebraismo e con le altre religioni non-cristiane, un'équipe di sacerdoti messicani, guidata dal gesuita Padre Joaquín Sáenz y Arriaga, iniziò a distribuire ai Padri conciliari alcuni documenti, uno dei quali è lo scritto raccolto in questo opuscolo. Lo scopo era di mettere al corrente la Gerarchia riunita in Concilio degli incontri segreti intercorsi tra il Cardinale Augustin Bea, presidente del Segretariato dell'Unità dei Cristiani, e i suoi collaboratori, e alcune potentissime lobby ebraiche come il B'nai B'rith o il Congresso Mondiale Ebraico. Obiettivo di questi accordi segreti era la rimozione di ogni responsabilità ebraica nella Passione e morte di Nostro Signore Gesù Cristo"...

8 commenti:

  1. Sono solo elucubrazioni mentali, cerchiamo di esser seri

    RispondiElimina
  2. elucubrazioni ? egr. anonimo, lo vada a dire alla Madonna, sì proprio Lei in persona che a Quito svelò a madre Mariana de Jesus il castigo per la Chiesa che si sarebbe manifestato nel 20.mo secolo (disse precisamente così: "per il 20.mo secolo"), con l'infiltrazione della massoneria ai suoi vertici, dove avrebbe determinato un disastroso mutamento di rotta, facendola deragliare dal Magistero perenne.
    Per fortuna alla fine di questo sfacelo, che dovrà ancora raggiungere il suo culmine storico, sarà proprio la Madre di Dio ad intercedere presso Dio, essendo Vittoriosa su tutte le eresie; il suo Cuore Immacolato trionferà, come disse a Fatima, e preparerà il Regno di Cristo su tutto il mondo.
    A Quito Ella prese il titolo di "Vergine del buon successo" e predisse: "Quando tutto sembrerà perduto, allora sarà la mia ora di intervenire...." (rilegga indietro nel blog un bellissimo post pubblicato da Gianluca).
    altro che elucubrazioni, il Santo Papa Pio X conosceva bene la potenza d'inganno e penetrazione dell'INIMICA VIS.

    Ester

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è pura e semplice superstizione. Liberiamoci da questa credulità da ignoranti

      Elimina
    2. Albino Mettifogo17 agosto 2012 22:32

      Dove starebbe la superstizione, signor anonimo, in una visione approvata dalla Chiesa?

      Elimina
  3. Olà, sono ritornati in massa i trolls, vedo. Sempre più simili ai diverticoli.
    Riccardo

    RispondiElimina
  4. Anonimo ignorante, il Professor Carlo Alberto Agnoli è da sempre persona dotta seria e di grande fede, i suoi lavori sono indiscutibili e ben fatti, di conseguenza indiscutibili, se non le aggrada ciò che dice vada a sentire le sue sirene modernistiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sì che è un vero profeta:

      http://www.youtube.com/watch?v=ugBSvpqldzI

      Elimina
    2. Pietoso video di una pietosa persona che travia la gente con le sue terribili eresie, si risparmi di segnalare la mondezza perchè puzza...

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.