Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

martedì 23 luglio 2013

GMG Brasile: i vergognosi ed eretici sacerdoti canterini accolgono Bergoglio nell'inutile "giornata mondiale della gioventù"

 http://4.bp.blogspot.com/-r_L2wDWUxvM/Ue4-8-8EScI/AAAAAAAAH_M/OcEg0ECStO0/s1600/messa+rito+ambrosiano+GMG+2013.jpg
(SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO...) Il Vicario Generale della diocesi di Milano, S.E. mons. Mario Delpini, ha concelebrato la messa sacrilega per i giovani fedeli ambrosiani a San Paolo in Brasile...

E' noto a tutti che nel Brasile cattolico una miriade di fedeli stanno passando nelle file delle sette eretiche protestranti; in verità il Brasile, come anche quasi tutte le nazioni tradizionalmente cattoliche, (basta collegarsi con TV  2000 per rendersi conto dello sfascio cattolico mondiale) sono oramai passati ad altra religione con i loro pretuncoli, i loro Vescovi, i loro Cardinali ed infine i loro Pontefici modernisti. In questo articolo vediamo la figura "presunta sacerdotale" di quattro personaggi che a breve si esibiranno davanti al loro massimo esponente: "IL VESCOVO BERGOGLIO", SESTO PONTEFICE DELLA NUOVA E FALSA CHIESA MODERNISTA CONCILIARE
----------------- -----------------

Riempiono gli stadi. Scalano le classifiche. E guadagnano milioni. Chi sono i preti pronti a esibirsi a Rio de Janeiro.
Riempie gli stadi di fan fasciati in t-shirt di cotone su cui è stampata la sua faccia. Li fa ballare, perdere la voce, inneggiare al Dio che sta nei cieli e che li ama. E, quando a fine concerto la folla scalpitante si riempie la bocca d'aria per gonfiare l'ultimo ritornello, li prende alla sprovvista e rovescia loro addosso secchi di acqua benedetta.
Le performance di Don Marcelo Rossi, in Brasile, le conoscono tutti. Da prete di periferia a fine Anni 80, mentre ancora la Chiesa sudamericana si lacerava attorno all'ideologia della teologia della liberazione, lui si è inventato un nuovo stile di comunicazione.
LO SPETTACOLO PER FRANCESCO. Ha inciso cd e scritto libri, conquistando cuori e portafogli dei 126 milioni di brasiliani cattolici pronti ad accogliere papa Francesco per la Giornata mondiale della gioventù. Una settimana di abbraccio pontificio destinata a concludersi proprio con lo show di Marcelo. Assieme a lui sul palco sono attesi altri quattro "preti cantanti", una sorta di 'boy band' sacerdotale capace di incarnare il meglio della 'Rivoluzione carismatica', un movimento di evangelizzazione animato da preti divi del piccolo e grande schermo che ha cambiato la chiesa brasiliana a base di gospel e mp3. Esattamente quello che ci voleva per Francesco: un papa popolare alla ricerca di sacerdoti per riconquistare i fedeli.
----------------- -----------------

Marcelo, dalla Messa con l'aerobica al best seller che ha battuto Paulo Coelho

La rivoluzione del 46enne Marcelo è iniziata con l'idea di muovere corpo e muscoli al ritmo della preghiera. Dopo aver deciso di prendere i voti «ispirato da una miniserie sulla vita di papa Giovanni Paolo II», come lui stesso ha dichiarato in un'intervista al Developing report,  da bravo laureato in educazione fisica ha pensato bene di inserire nella liturgia domenicale esercizi di aerobica a tempo di musica: è stato un successo. Il suo nome ha iniziato a ricorrere nei passaparola e la sua faccia pulita e il suo saio nocciola hanno iniziato a essere conosciuti nel vasto pubblico di credenti conteso dalle tante sette evangeliche sbocciate nell'ex impero carioca.
Poi sono venute le canzoni, nove cd, due dvd, due lungometraggi e due assoluti bestseller. Nel 2010 il libro Àgape (L'amore di Dio), scritto in un periodo di convalescenza dopo «un incidente sul tapis roulant», ha venduto 8,5 milioni di copie battendo per diffusione persino il campione nazionale Paulo Coelho. In tutto le attività commerciali di Marcelo gli sono valse entrate per oltre 10 milioni di dollari.
TRA CHIESA E STADIO. Don Rossi ha impiegato i proventi per costruire la chiesa più grande del Brasile, il santuario di Theotokos Mae de Deus di Sao Paulo: 30 mila metri quadri di terreno con 20 mila posti all'interno e circa 80 mila all'esterno puntellato dai megaschermi, il tutto dominato da una croce di 44 metri di altezza e servito da 500 toilettes. Uno stadio della preghiera, inaugurato a novembre 2012, dove non c'è bisogno di raccogliere le offerte: «Guadagno dal mio lavoro», ha spiegato il sacerdote riferendosi ai programmi radio e tivù seguiti da milioni di fedeli.
Le critiche però piovono da ogni parte. E lui risponde proseguendo dritto per la sua strada: «Dicono che alieno le persone, enfatizzando le emozioni, ma in effetti nella fede ci sono entrambe le dimensioni e non puoi ignorare le emozioni», ha replicato interpellato da Newsweek.
I risultati dell'evangelizzazione pop di Marcello sono stati ufficialmente riconosciuti nel 2010 anche da papa Joseph Ratziger, il pontefice in assoluto più lontano dai ritmi brasiliani dell'ex studente di educazione fisica. E hanno fatto scuola.


  • Padre Antonio Maria in concerto.

Cd, trasmissioni tivù, dischi di platino e fan sfegatate: i preti pop star del nuovo Brasile

Nel programma della Giornata mondiale della gioventù sono elencati i nomi di altri divi della canzone cattolica brasiliana. Per preparare lo spirito all'incontro con il pontefice, c'è scritto, ci sarà una grande presentazione di preti cantanti, tra i quali, Padre Fabio de Mello, Padre Omar Raposo, Padre Reginaldo Manzotti e Padre Antonio Maria (guarda la photogallery). Si tratta di sacerdoti abituati ad esibirsi negli stadi, con video cliccatissimi su Youtube, tracce pubblicate in Spotify, sul sito di Mtv o vendute su Amazon. Tutti accomunati dall'ammirazione per il papa polacco Karol Woytila, certamente un maestro di comunicazione, e da siti personali colmi di foto e merchandising Anni 80. Il loro stile varia dal più classico gospel al portamento da showbiz. FAN SU FACEBOOK. Padre Omar Raposo, 100 mila seguaci su Facebook, è celebre soprattutto per una posizione privilegiata: oltre a essere un cantante gospel abbastanza conosciuto, è il direttore del santuario del Cristo redentore.
Atteso sul palco anche il 68enne Antonio Maria, reduce dai successi dei nuovi singolo Nessuno ti ama come lui e Impronte nella sabbia. «Dio non mi ha fatto solo Padre», ha scritto nella biografia pubblicata sul suo sito. «Egli mi ha fatto anche cantante. Canto e non ho mai smesso, ma adesso sono consapevole che era il mio modo di evangelizzare»
UN DISCO DI PLATINO. Padre Reginaldo Mazzotti, invece, è uno dei leader del nuovo movimento. Ad appena 44 anni è conosciuto con il nome di 'Padre che riunisce le moltitudini', tanto sono celebri le sue canzoni. Dvd come Credo nel Dio dell'impossibile sono stati premiati con il disco di platino e il suo album Segni del sacro ha scalato le classifiche fino a raggiungere il sesto posto tra gli album brasiliani più venduti. Anche lui anima programma televisivi e riempie gli scaffali delle librerie con titoli come Dieci risposte che andranno a cambiare la sua vita o Venti passi per la pace interiore.
Ma il più rampante è certamente il 42enne Fabio de Mello, giovane prete cantautore vestito sempre in borghese. Il solo destinato a competere con il precursore Marcelo, con cui peraltro condivide l'etichetta discografica: il colosso Sony che ha da poco pubblicato il suo album Dentro di me tengo Dio. Tra le due star in passato sono volati gli stracci.
MODA, POLITICA E DONNE. Nell'aprile 2011, Marcelo ha attaccato il giovane Fabio per l'abitudine di indossare vestiti di marca, lasciando nell'armadio l'abito talare.
Il sostegno di De Mello all'attuale presidente Dilma Rousseff, ex terrorista e favorevole all'aborto, gli ha attirato altre critiche. Per non parlare della sua abitudine di rivolgere complimenti alle ragazze dal palcoscenico. De Mello, da parte sua, ha assicurato che sono le donne a importunarlo: «Una volta», ha raccontato alla stampa locale, «una si è presentata nella mia stanza e ha detto 'Mi piacerebbe avere un massaggio di Dio'».
Come dire, i rischi della vicinanza al cielo. 
Lunedì, 22 Luglio 2013

4 commenti:

  1. Il mondo cattolico DEVE fare festa. E' l'unico modo che gli è dato per dimenticare i suoi problemi e le sue interne contraddizioni.
    E' strategicamente importante mantenere un clima leggero e disimpegnato. Dovesse esserci qualcuno che inizia a mostrare le falle in questo sistema, dev'essere immediatamente isolato o assorbito in modo che diventi inoffensivo.
    Nonostante queste tattiche, comunque, chiunque armato di buona volontà è in grado di vedere le contraddizioni non solo umane (come in ogni istituzione mondana) ma pure strutturali (insopportabili in un sistema che si dichiara infallibile, come la Chiesa cattolica).

    RispondiElimina
  2. Approvo in pieno quel che dice "Ad Superna...".
    Spesso anche nel privato, i più zuzzerelloni sono quelli che devono nascondere le loro falle quotidiane o familiari.
    Ho conosciuto molti che devono passare da una festa all'altra per dimenticare o nascondere i loro fallimenti esistenziali.
    Allo stesso modo fa la Chiesa ex cattolica, ora.
    Non essendo riusciti a riempire i seminari come si aspettavano, dopo il concilio, ora il sistema è quello di festivizzare ogni cosa per attirare un numero cospicuo di gente.
    Non importa di quanta fede o di che profondità, l'importante è far numero per non sentire il vuoto superlativo che circonda ora una chiesa, le istituzioni e la messa-mensa odierna.

    Non per nulla Ratzinger come Woityla si sono affidati a movimenti che sono più sette che altro, per riempire i buchi enormi causati nella chiesa dal post-concilio.
    Soltanto dei "movimenti" emozionali che intrigano menti e cuori di masse sperdute possono ora tamponare il deficit enorme di dottrina e di magistero tradizionale che affliggono la chiesa pseudo-cattolica (o ex cattolica). Del resto una chiesa che si affida ai media od ai movimenti emozionali, già di per sè è una chiesa che sente il fallimento e quindi non ha più fede nella Provvidenza; è una chiesa che non è più cattolica !

    La roccia che doveva essere, a costo di avere 4 gatti di fedeli nel mondo, ha voluto sciogliersi per andare "verso" il mondo.
    In questo modo ha perso la sua caratteristica di roccia ed è diventata un budino informe che si scioglie nel mare della modernità mondiale (vedi viaggio bergogliano in Brasile).
    Tutto si prepara per la religione universale, cui i VERI cattolici non aderiranno!
    Che il Signore ci aiuti quando verrà l'ora della prova...

    RispondiElimina
  3. Leggete l'ultimo messaggio di "Messaggi da Gesù Cristo", ci prepara proprio a questo:

    http://messaggidagesucristo.wordpress.com/2013/07/24/15-luglio-2013-per-i-sacerdoti-il-giorno-in-cui-vi-verra-chiesto-di-negare-la-mia-divinita-non-e-lontano/

    Si è verificato anche il tremendo terremoto in Cina che era stato profetizzato nel messaggio del 3 Luglio 2013:

    http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/articoli/1107723/terremoto-in-cina-89-le-vittime.shtml

    http://messaggidagesucristo.wordpress.com/2013/07/13/3-luglio-2013-presto-ci-saranno-dei-forti-terremoti-in-russia-e-cina-che-si-sussegueranno-lun-laltro/

    RispondiElimina
  4. Mah ! Quel che si legge è grave ed è logico poichè i vari peccati delle nazioni , tra i quali l'aborto, gridano vendetta.
    Quanto poi siano vere queste profezie, non so. Vorrei poter credere ma alcuni dettagli mi sembrano invenzione.
    Tra le quali la Seconda Venuta di Gesù. Può essere ma non si può avere certezza per il fatto stesso che nell'Apocalisse i numeri sono simbolici; il fatto che Satana sia legato per 1000 anni, ho dei dubbi significhi proprio mille anni. Forse indica un bel numero di anni.
    E se fosse già accaduto quando la fede fiorì ovunque, nel medioevo ?
    Insomma, l'interpretazione delle profezie è una delle cose più difficili che sia mai stata.
    Penso che anche ora sia difficile, anzi, ora più che mai poichè si sono moltiplicate le visioni, i veggenti e le "apparizioni".
    Medjugorje insegna.
    Perchè allora questa no e Garabandal ,sì ?
    Leggevo recentemente, in una "profezia" di un Gesù che si lamentava con un veggente e diceva che durante la sofferenza del Getsemani ,Maria andò da lui, volando, e lo consolò dell'afflizione...
    So molte cose di attributo a Maria Santissima, ma che volasse proprio NO !
    Per questo vigilare e stare prudenti e pregare non fa male, ma credo che porre ogni fiducia in "profezie" sia non buono e potrebbe essere fuorviante per indurre un certo fatalismo sugli avvenimenti.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.