Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

lunedì 1 luglio 2013

Mons. Lefebvre poneva così il problema: «Questo è conforme o no alla dottrina tradizionale della Chiesa? È questa la questione. Non è una questione sentimentale. È una questione di verità. La Chiesa ha veramente insegnato la libertà religiosa?

Tutti, o quasi tutti, decantano Ratzinger come un grande Teologo tradizionale, ma in realtà questo signore, che non va mai dimenticato fece parte del Conciliabolo come parte attiva con la sua preparazione eterodossa, è un modernista liberale. Chiaramente chi è facente parte della combriccola modernista difende codesto personaggio, ma quello che sorprende è la difesa di Ratzinger da parte di chi si dichiara tradizionale, (Fellay e la sua combriccola di accordisti), e che con costui ha effetuato degli scandalosi tentativi di conciliare le eresie conciliari con le cose di Dio.
Leggiamo ora una pertinente analisi di uno dei pensieri eterodossi del falso "Papa emerito" (il papato emerito nella dottrina cattolica non esiste), per confermare il fatto che questi signori, che occupano a sbaffo la Santa Sede da 50 anni, non sono Cattolici...

 
Dell’amore per la verità e dell’odio per l’errore

Il liberalismo è un’assurdità eretica


http://3.bp.blogspot.com/-jn-9END2LJ0/UZqcxhGn1lI/AAAAAAAAFUo/WFxPuUj2fio/s400/Abb%C3%A9+Rioult.JPG
 
di Don Olivier Rioult


Benedetto XVI è un apostolo instancabile della libertà religiosa. La sua teologia, malgrado le apparenze cattoliche, è più quella di un lupo rivestito con una pelle d’agnello che quella di un buon pastore.
Per intenderlo bene, è necessario rendersi conto fino a che punto la Chiesa di Cristo aborra questa libertà religiosa tanto vantata dai nostri moderni.

Il Vaticano II, bussola dei conciliari, dichiara che

«la persona umana ha il diritto alla libertà religiosa.» Che consiste nel fatto che «gli esseri umani devono essere immuni dalla coercizione […] così che in materia religiosa nessuno sia forzato ad agire contro la sua coscienza né sia impedito, entro debiti limiti, di agire in conformità ad essa: privatamente o pubblicamente, in forma individuale o associata. […] il diritto alla libertà religiosa si fonda realmente sulla stessa dignità della persona umana quale l’hanno fatta conoscere la parola di Dio rivelata e la stessa ragione. » (Dignitatis humanae § 2).


Mons. Lefebvre poneva così il problema:

«Questo è conforme o no alla dottrina tradizionale della Chiesa? È questa la questione. Non è una questione sentimentale. È una questione di verità. La Chiesa ha veramente insegnato la libertà religiosa? […] La libertà di aborto non esiste. La libertà all’omicidio non esiste […] È esattamente la stessa cosa con la religione. Non vi è libertà religiosa. La libertà religiosa è stata inventata dalla Massoneria, dai novatori e da coloro che vogliono precisamente rivoltarsi contro Dio, che non vogliono ubbidire alla legge del Vangelo, alla legge cristiana; allora hanno detto: “L’uomo è libero di scegliersi la sua religione”.» (1)

I cattolici liberali, in definitiva, hanno puramente e semplicemente accettato nei loro discorsi il nuovo diritto voluto dai massoni. Non solo questo nuovo diritto è stato incapace di proteggere dalla persecuzione le minoranze cristiane (2), ma ha permesso la persecuzione di maggioranze cristiane!
Il nuovo diritto si basa sulla (supposta) volontà del numero (manovrata dal potere occulto) e non sul rispetto dell’autorità divina, sovrana legislatrice delle società. Accettare il terreno del diritto comune, quando le circostanze lo impongono, può essere legittimo, ma attenersi solo ad esso ed impegnarsi in esso, come fosse un dovere, è cosa inaccettabile, poiché significa riconoscere indirettamente il diritto all’errore.

Ora, «ciò che non risponde alla verità e alla norma morale, non ha oggettivamente alcun diritto né all’esistenza, né alla propaganda, né all’azione.» (3). I papi, dopo le Rivoluzione, e specialmente Leone XIII nella sua enciclica sulla costituzione cristiana degli Stati, hanno costantemente riprovato questo nuovo diritto fondato su questa mostruosa libertà religiosa:

«Ma quel pernicioso e deplorevole spirito innovatore che si sviluppò nel sedicesimo secolo, volto dapprima a sconvolgere la religione cristiana, presto passò, con naturale progressione, alla filosofia, e da questa a tutti gli ordini della società civile. Da ciò si deve riconoscere la fonte delle più recenti teorie sfrenatamente liberali, senza dubbio elaborate durante i grandi rivolgimenti del secolo passato e proclamate come principi e fondamenti di un nuovo diritto, il quale non solo era sconosciuto in precedenza, ma per più di un aspetto si distacca sia dal diritto cristiano, sia dallo stesso diritto naturale. […] In una società basata su tali principi,Si tace dell’autorità divina, come se Dio non esistesse o non si desse alcun pensiero del genere umano; come se gli uomini, né singolarmente né collettivamente, non avessero alcun obbligo verso Dio […] di conseguenza la comunità non si riterrà vincolata ad alcun dovere verso Dio; non professerà pubblicamente alcuna religione; non vorrà privilegiarne una, ma riconoscerà alle varie confessioni uguali diritti […] a ciascuno sarà lecito seguire la religione che preferisce, o anche nessuna, se nessuna gli aggrada. Di qui nascono dunque libertà di coscienza per chiunque, libertà di culto, illimitata libertà di pensiero e di stampa. […] Ora, è sufficiente la semplice ragione naturale per dimostrare come siffatte teorie sul governo delle comunità siano assai lontane dalla verità. […] In materia di religione, poi reputare che non vi sia sostanziale differenza tra eterogenee e contrarie forme di confessioni, conduce chiaramente a non volerne accettare né praticare alcuna. E questo atteggiamento, anche se gli si dà un nome diverso, in sostanza non è nient’altro che ateismo. Chi infatti è convinto dell’esistenza di Dio, se vuole essere logico e non affermare assurdità, capisce necessariamente che le forme di culto esistenti, così diverse e contrastanti tra loro anche su questioni della massima importanza, non possono essere tutte ugualmente credibili, ugualmente vere, ugualmente accette a Dio.» (Immortale Dei, 1885).

http://cdn.tempi.it/wp-content/uploads/2013/05/papa-francesco-benedetto-xvi.jpeg
[…]
Benedetto XVI dice di credere in Dio, ma quando si reca in sinagoga o nel tempio luterano, lascia intendere che questi culti sono “ugualmente accetti a Dio».
In un’altra famosa e splendida enciclica, Leone XII insegna:

«Ora si consideri un poco la libertà di parola e ciò che piace esprimere per mezzo della stampa. È appena il caso di dire che questa libertà non può essere un diritto se non è temperata dalla moderazione ed esorbita oltre la misura. Infatti il diritto è una facoltà morale: come dicemmo e come dovremo più spesso ridire, è assurdo pensare che essa sia concessa dalla natura in modo promiscuo e accomunata alla verità e alla menzogna, alla onestà e alla turpitudine. […] le false opinioni, di cui non esiste peggior peste per la mente, nonché i vizi che corrompono l’animo e i costumi, devono essere giustamente e severamente repressi dall’autorità pubblica, perché non si diffondano a danno della società. […] Pertanto, la giustizia e la ragione vietano che lo Stato sia ateo o che – cadendo di nuovo nell’ateismo – conceda la stessa desiderata cittadinanza a tutte le cosiddette religioni, e gli stessi diritti ad ognuna indistintamente. Dunque, dal momento che è necessaria la professione di una sola religione nello Stato, è necessario praticare quella che è unicamente vera e che non è difficile riconoscere, soprattutto nei Paesi cattolici, per le note di verità che in essa appaiono suggellate. Conseguentemente i governanti la conservino, la proteggano, se vogliono provvedere con prudenza e profitto, come devono, alla comunità dei cittadini.» (4).


Ora,  è un fatto che Giovanni Paolo II e la Santa Sede abbiano chiesto alle Conferenze Episcopali di impegnare gli Stati a sopprimere il primo articolo della loro costituzione che diceva che la Chiesa cattolica era la sola religione riconosciuta ufficialmente. Questo rinnegamento pubblico di Nostro Signore non è avvenuto, come per il passato, per un atto unilaterale ed arrogante di uno Stato agnostico e anticlericale, e con le proteste dei papi e dei vescovi, ma di comune accordo con la Santa Sede e sulla base della nuova dottrina della Dignitatis Humanae.

Se lo Stato deve avere una religione di Stato e se questa religione di Stato dev’essere la religione cattolica (5), la Chiesa non condanna affatto una certa tolleranza in una società in cui non esiste più l’unità cristiana:
«Tuttavia la Chiesa, con intelligenza materna, considera il grave peso della umana fragilità e non ignora quale sia il corso degli animi e delle vicende da cui è trascinata la nostra età. Per queste ragioni, senza attribuire diritti se non alla verità e alla rettitudine, la Chiesa non vieta che il pubblico potere tolleri qualcosa non conforme alla verità e alla giustizia, o per evitare un male maggiore o per conseguire e preservare un bene. […] Tuttavia, come complemento a quanto detto, se a causa del bene comune e soltanto per questo motivo la legge degli uomini può o anche deve tollerare il male, non può né deve approvarlo o volerlo in quanto tale […] è pur sempre eternamente vero che codesta libertà di tutti e per tutti non è desiderabile di per se stessa, come più volte abbiamo detto, poiché ripugna alla ragione che la menzogna abbia gli stessi diritti della verità. E per quanto riguarda la tolleranza, sorprende quanto siano distanti dalla equità e dalla prudenza della Chiesa coloro che professano il Liberalismo.» (6).

Dunque, lo Stato può tollerare l’esistenza delle sette, ma deve proteggere la vera Chiesa. Ora, Benedetto XVI rifiuta questo insegnamento apostolico:

«È necessario passare dalla tolleranza alla libertà religiosa […] poiché, a dispetto delle divergenze umane e religiose, un raggio di verità illumina tutti gli uomini» (7), e questo col pretesto specioso «la verità non si impone che per la forza della verità stessa» (8) o che la religione dev’essere adottata dalle persone «solo mediante il processo del convincimento» (9).
Questo insegnamento equivale a negare i diritti della verità e di Dio, poiché una verità senza privilegi e senza potere equivale concretamente all’errore. Il diritto alla libertà religiosa è dunque un’aberrazione. Per meglio comprenderlo, affermiamo il diritto alla libertà ortografica.

Se la buona ortografia non «si impone che per la forza della verità stessa» e se dev’essere adottata dalle persone «solo mediante il processo del convincimento», allora ogni allievo avrebbe il diritto alla sua libertà ortografica, frutto della sua convinzione; così che l’espressione “apparentemente sana” si potrà scrivere “ha parente con mente sana”, o l’espressione “amore eterno” si potrà scrivere “ha le more e un terno”… tutte forme che essendo frutto della singola dignità umana si equivarrebbero e avrebbero diritto di essere riprodotte. Ed allora, se non si ha più il diritto di sanzionare l’allievo con uno zero, in forza delle regole ortografiche e grammaticali, perché significherebbe esercitare contro di lui una violenza, è inevitabile che non solo si distruggeranno le regole, ma anche il linguaggio, con la conseguenza che si istituirà solo una grande confusione.

Come uscire da questo delirio soggettivo, se non col diritto esclusivo della norma oggettiva? Come abbiamo conosciuto la natura della nostra lingua? Non l’abbiamo scoperta, ma l’abbiamo ricevuta da un’autorità che ce l’ha trasmessa, con una tradizione che ha usato il suo potere coercitivo per obbligarci a padroneggiare queste regole. È questa forza o violenza esteriore che ci ha aiutati a liberarci dall’ignoranza. Senza di essa sarebbe il caos. La libertà religiosa, come la libertà ortografica, equivale alla distruzione della società e dell’individuo.

«Chiunque può constatare che la libertà, come la si intende oggi e cioè accordata indistintamente alla verità e all’errore, al bene e al male, questa libertà porta ad abbassare tutto ciò che vi è nobile, di santo, di generoso, e ad aprire più ampiamente la via al crimine, allo scandalo e alle turbe abiette delle passioni.» (10).


Per concludere con le parole stesse di Gregorio XVI e di Leone XIII,
noi diciamo che Benedetto XVI “delira” quando rifiuta agli Stati il diritto di restringere la libertà religiosa ad una coscienza falsata o ad una comunità che professa una falsa religione. Diciamo che il Vaticano II è un’“assurdità” quando proclama che la libertà religiosa appartiene naturalmente, “senza distinzione e discernimento”, alla dignità umana.
Diciamo che la sana laicità predicata da Benedetto XVI e dai conciliari non è altro che “ateismo”, poiché «si tace dell’autorità divina, come se Dio non esistesse».
Diciamo che la Chiesa conciliare, con la sua falsa dignità umana «si distacca sia dal diritto cristiano, sia dallo stesso diritto naturale».
Diciamo che il male che propaga è «opposto al bene comune» e che questi insegnamenti «ripugnano alla ragione».

Si comprende allora che predicare il diritto della Chiesa ad essere la sola religione di Stato, significa predicare la divinità della Chiesa e quindi la divinità del suo fondatore. Niente di meno!
Ma come persuadere gli uomini di questo secolo che bisogna introdurre la religione nella legge?
Nella sua summa contro il cattolicesimo liberale, Don J. Morel rispondeva: «Facilmente e insieme difficilmente, occorre persuaderli che bisogna credere all’Incarnazione del Verbo, alla castità nel matrimonio e all’inferno eterno. Come diceva San Paolo davanti a Festo, discutendo di fede e giustizia, di castità e del tremendo giudizio


NOTE

1 – Mons. Lefebvre, Ecône, 28 gennaio 1986.
2 - In un rapporto del 2010 sulla libertà religiosa nel mondo, la Fondazione Aiuto alla Chiesa che soffre, ha indicato che oggi il 75% delle persecuzioni religiose nel mondo riguardano i cristiani.
3 - Pio XII, Ci Riesce, 6 dicembre 1953.
4 - Leone XIII, Libertas præstantissimum,  1888.
5 - «In effetti, numerosissime ed eclatanti prove: la verità delle profezie, la moltitudine dei miracoli, la prodigiosa rapidità della propagazione della fede, anche in mezzo ai suoi nemici a dispetto dei più grandi ostacoli, la testimonianza dei martiri ed altri argomenti simili, provano chiaramente che la sola vera religione è quella che Gesù Cristo ha lui stesso istituito e per la quale ha assegnato alla Sua Chiesa la missione di conservarla e di propagarla.» Leone XIII, Sulla Costituzione Cristiana degli Stati, 1888.
6 - Leone XIII, Libertas præstantissimum,  1888.
7 – Benedetto XVI, Ecclesia in medio oriente, Beirut, Libano, 14 settembre 2012.
8 - Concilio Vaticano II, Dignitatis Humanae, n° 1.
9 - Benedetto XVI, Discorso alla Curia romana, 22 dicembre 2005.
10 – Leone XIII, Lettera apostolica per il suo giubileo pontificale, 19 marzo 1902.

8 commenti:

  1. Stupenda e chiarissima analisi che mette a confronto due dottrine:la cattolica e la "furba".

    Quale sia più corretta, lo si lascia decidere a chi legge, perchè possa identificarsi meglio ,"secondo la propria libertà"
    :-))

    RispondiElimina
  2. Pio XII nel 10 febbraio 1952 disse giustamente “Il mondo di oggi corre verso la propria rovina, è tutto un mondo che bisogna rifare dalle fondamenta”. Le fondamenta di cui parla Pio XII, non sono solo religiose,
    ma politiche, economiche, finanziarie, scientifiche, ecc. E' inutile parlare di stato quando questo di fatto è marcio fino al midollo, poichè da strumento per servire il popolo è stato trasformato in strumento per servirsi del popolo e fare i profitti dei partiti, delle multinazionali, delle banche, di tutte le corporation in generale. Cosa ci si può aspettare da uno stato così?

    Tuttavia questa volta (ma solo questa volta!...) sono d'accordo con Benedetto XVI quando afferma che "la verità non si impone che per la forza della verità stessa".
    Questa è una legge organica del pensiero e della natura umana.
    La conversione si ottiene mediante la Verità, quella Verità che la Chiesa ha più volte tradito perchè era impegnata a vendere indulgenze,
    o benedire l'imperialismo d'oltre oceano (Bolla unam sanctam),
    o accomodarsi una nobiltà cosidetta "cattolica" che a tutto pensava fuorchè ai bisogni del popolo (Fatevi raccontare dagli anziani di quando si lavorava a mezzadria come venivano trattati i contadini....).
    Chiunque sia stato un chiaro esempio coerente delle Verità dei Vangeli, chiunque sia stato un alter Christus ha fatto conversioni ed edificato pezzi importanti della Chiesa di Cristo...

    RispondiElimina
  3. Il fatto è che, proprio come nella politca una casta ha preso le leve del potere e ha trasformato lo Stato in una azienda privata che sfrutta i cittadini, così nella Chiesa una casta (di chierici) ha preso le leve del potere trasformandola in una struttura che sfrutta la disponibilità dei credenti per fini personali.

    La stessa canonizzazione di Giovanni Paolo II, che ora si annuncia sicuramente per la fine dell'anno, è un segno di questo.

    Dal punto di vista della Chiesa di sempre, da quando in qua un santo è tale quando bacia il Corano per compiacere gli arabi mussulmani scandalizzando gli arabi cristiani? Solo questo fatto è tale da annullare in quest'uomo ogni tipo e genere di attendibilità cristiana, non solo una supposta santità!

    Ma la casta clericale lo proclama santo assai probabilmente perché è spinta dal nazionalismo polacco che, forse, ha pagato a peso d'oro questa canonizzazione!
    Si dice che il papa polacco abbia fatto un miracolo. La cosa non mi impressiona se penso che nella famosa trasmissione "Miracoli" di alcuni anni fa' una signora sosteneva con sicumera di essere guarita dal cancro per intercessione di Sai Baba. Eventi inspiegabili accadono anche fuori dal Cristianesimo. Ma il santo è solo colui che associa all'operare miracoli una vita veramente esemplare e una immacolata confessione della fede. E almeno quest'ultimo dato non appartiene a Giovanni Paolo II.

    Una Chiesa che fa Santi che santi non sono non è Chiesa ma inganno!

    Che diranno i tradizionalisti accordisti e quelli "Ecclesia Dei"??

    RispondiElimina
  4. "La verità non si impone che per la forza della verità stessa.."
    Già,già, l'uomo è buono per natura e predilige la verità per istinto..
    Infatti Lenin,Stalin,Mao Tse Dong, Maometto,Gandhi ed altri nobili personaggi della storia, per un verso o per altro tuttora osannati, si sono imposti e tuttora si impongono per la forza della verità stessa!.Dimenticavo qualche altro taumaturgo della Rivoluzione Francese o la realtà attuale, dove la verità furoreggia ovunque ed ovunque trionfa...

    Ohibò, sembra proprio che Ratzingo non ne dica una giusta quando filosofeggia ! E chi lo segue, pure !

    A conferma di quel che dice e suggerisce Ratzingo, difatti un "papa" che bacia il Corano che trasuda vendetta quasi ad ogni versetto e che fa "mea culpa" per colpe inesistenti , può essere fatto santo!
    Certo chi ha elevato Ratzinger prescegliendolo ad altri viene declamato santo dallo stesso Ratzinger per onorarlo, ma non è motivazione sufficiente secondo i criteri della Chiesa di Tradizione.
    Ora si fa di tutto poichè la chiesa attuale non può più riconoscersi come la chiesa di Tradizione.
    A meno che ora "santo" venga definito chi opera con l'avvallo dei media e per la carica di simpatia universale che suscita in tutti perchè poco di quel che dice disturba i "padroni del vapore".

    Che brutti tempi !

    RispondiElimina
  5. No mardunolbo... Lenin,Stalin,Mao NON hanno mai detto la Verità. Si sono imposti con la forza, la propaganda e tutti i mezzi materiali messi a disposizione dalla stessa oligarchia finanziaria che oggi controlla tutto. Questo è uno dei tanti libri che riportano tutti i finanziamenti al comunismo fatti da suddetta oligarchia: https://sites.google.com/site/000contronozioni000/finanziamenti-del-comunismo

    RispondiElimina
  6. Infatti, intendevo dire che la verità non si impone con la forza della verità stessa, altrimenti saremmo tutti buoni e senza peccato originale.

    Le encicliche dei papi sul modernismo e sul liberalismo hanno sempre insistito sul fatto che i governi, dopo la Chiesa, DEVONO indirizzare i cittadini verso il Regno di Cristo ,quindi spingere con leggi giuste , considerando l'unica Chiesa apostolica, come faro di segnalazione di Verità.
    Altrimenti la verità sarà soffocata ora e sempre.

    E' proprio ciò che Ratzinger e soci non indicano più, seguendo la stortura liberale della nuova chiesa post-conciliare

    RispondiElimina
  7. Il discorso non è banale, ma vale la pena dedicarci 5 minuti per fare qualche considerazione.
    E' necessario mettere le cose al loro posto; purtroppo siamo vittima del paradigma della dissociazione e dividiamo religione, politica, economia, finanza, scienza, ecc. come se potessero procedere in maniera indipendente le une dalle altre, perchè così fa comodo all'oligarchia che vuole il controllo totale.

    La politica, l'economia, la finanza, le scienze, ecc. sono degli strumenti, come tali sono estensioni delle facoltà umane.
    Ma chi definisce il FINE di questi strumenti?
    Dovrebbe essere l'ETICA, di cui non si parla mai!...

    Questa dovrebbe definire il fine in maniera conforme al "bene comune", non al "profitto" o l'utile di "alcuni"...
    Chi definisce i principi a cui dovrebbe ispirarsi l'etica?
    A questo punto entra la Religione Cristiana, non più relegata al ruolo di solo "culto", bensì perno fondamentale di tutta la "società organica"...

    Tutto questo non si può certo chiedere allo "stato costituzionale" nato con la rivoluzione francese!... un fantasma giuridico dietro cui lavorano a pieno ritmo le massonerie per arrivare al governo mondiale dove gli "eletti" saranno i padroni tutta la moneta elettronica che controlleranno fino al centesimo....

    Concludo le mie considerazioni: non solo lo "stato", ma tutte le istituzioni politiche, giuridiche, economiche, finanziarie, educative, scientifiche, ecc. dovrebbero procedere in modo conforme alla Verità di Nostro Signore Gesù Cristo.

    RispondiElimina
  8. ....manca l'ultimo pezzo:

    ...“instaurare omnia in Christo”....
    ...se non si è cristiani interiormente e veramente non si può restaurare la Cristianità, se si conquista il potere del Governo e si fanno leggi cristiane, ma il Governante non è cristiano e neppure i cittadini, la “restaurazione” è solo esteriore e superficiale. Prima viene l’individuo che unito ad altri forma una famiglia, la quale assieme ad altre famiglie forma un nucleo e più nuclei uno Stato...questo è l'ordine.

    Leone XIII insegna che i primi e veri cristiani “fecero in pochissimo tempo penetrare il Cristianesimo non solo nelle loro famiglie, ma nell’esercito, nel senato e perfino nel palazzo dell’Imperatore”[4]. Non si è cominciato dal Palazzo imperiale, ma dal singolo cristiano per giungere al Palazzo....

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.