Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

giovedì 6 settembre 2012

S. Ecc. Mons. Bernard Tissier de Mallerais della Fraternità Sacerdotale San Pio X : "IL MISTERO DELLA REDENZIONE SECONDO BENEDETTO XVI"...



S. Ecc. Mons. Bernard Tissier de Mallerais è nato a Sallanches, Alta Savoia, Francia, il 14 settembre 1945. Dopo aver conseguito la laurea in biologia, nell’ottobre del 1969 ha raggiunto Mons. Lefebvre al nuovo seminario San Pio X a Friburgo, Svizzera, e ha partecipato alla fondazione della Fraternità Sacerdotale San Pio X. È stato ordinato sacerdote a Ecône da Mons. Lefebvre il 29 giugno 1975. È stato insegnante, vice direttore e direttore del seminario di Ecône. Il 30 giugno 1988 è stato consacrato vescovo da Mons. Lefebvre e da Mons. De Castr Mayer. Parla tre lingue, francese, inglese e tedesco, e conosce lo spagnolo.
Ha scritto un’accurata biografia di Mons. Marcel Lefebvre, pubblicata in francese nel 2002 (Marcel Lefebvre, Étampes, Clovis) e tradotta e pubblicata in italiano nel 2005 (Mons. Marcel Lefebvre) dall’Editrice Tabula Fati di Chieti (0871.63210).
INDICE

Questo studio è stato pubblicato sul n° 67 (inverno 2008-2009) della rivista Le Sel de la Terre - Intelligence de la foi -  Rivista trimestrale di dottrina tomista a servizio della Tradizione
La rivista, curata da Padri Domenicani collegati alla Fraternità Sacerdotale San Pio X, è una pubblicazione cattolica di scienze religiose e di cultura cristiana, posta  sotto il patronato di San Tommaso d’Aquino, in forza della sicurezza della dottrina e della chiarezza d’espressione del “Dottore Angelico”. Essa si colloca nel quadro della battaglia per la Tradizione iniziata da Mons. Marcel Lefebvre e si presenta in maniera tale da potersi rivolgere ad ogni cattolico che voglia approfondire la propria fede.

Oltre alla rivista, i Padri Domenicani di Avrillé pubblicano testi diversi.
Per l’abbonamento alla rivista e per l’acquisto dei testi pubblicati occorre rivolgersi a:
Editions du Sel de la terre, Couvent de la Haye-aux-Bonshommes - 49240 Avrillé - Francia. -
Tel: +33 2.41.69.20.06 - Fax: +33 2.41.34.40.49
Posta elettronica:  dominicains-avrille@wanadoo.fr
Sito internet: http://seldelaterre.fr/

L’abbonamento per l’Italia (4 numeri) costa 55 Euri e comprende l’abbonamento alla Lettre des Dominicains d’Avrillé. Può essere richiesto  scrivendo al Convento o inviando l’importo tramite bonifico bancario:
IBAN: FR34 2004 1010 1101 6571 0D03 235; BIC: PSSTFRPPNTE

Si può avanzare la richiesta ed effettuare il pagamento anche per via elettronica, accedendo al sito internet su indicato.

La traduzione e l'impaginazione sono nostre
Lo studio in formato pdf




Indice

(siamo noi che dividiamo lo studio in più parti
per comodità di consultazione)



- Introduzione
- Il mistero della Redenzione
- Coscienza pagana o coscienza cristiana?
- La dialettica hegeliana e il puro amore kantiano
- Rigore della giustizia e delicatezza della misericordia divina
- Un Dio corrucciato che esige un sacrificio umano?
- La croce di Cristo: placare Dio o placare l’uomo?
- Ragion d’essere della pena per il peccato e della soddisfazione penale secondo san Tommaso
- Una metafisica sublime fonda la soddisfazione penale


- La spiritualità cristiana tradizionale: un combattimento spirituale
- Una nuova era di spiritualità: un cristianesimo positivo
- Il teologo di Tubinga all’origine della riforma liturgica
- Soddisfazione e propiziazione cancellate dalla liturgia
- L’ermeneutica applicata alla liturgia dei defunti
- Redenzione e propiziazione nella nuova catechesi
- Ermeneutica e aggiornamento

Indice
Parte Prima
Parte Seconda
Parte Terza
 Introduzione (PARTE 1°)

Il mistero della Redenzione è al centro della vita cristiana, poiché il Figlio di Dio si è incarnato per salvarci: «propter nos e propter nostram salutem» (Credo di Nicea-Costantinopoli, IV secolo).
Ora, questo mistero è anche al centro della crisi attuale nella Chiesa. Mentre la Chiesa insegnava tradizionalmente che per beneficiare della Redenzione bisognava far parte della Chiesa cattolica («fuori dalla Chiesa non v’è salvezza»), la Chiesa conciliare, promuovendo l’ecumenismo, ha diffuso l’idea che ci possa salvare in tutte le religioni.
I nostri lettori hanno avuto modo di conoscere la teoria della Redenzione universale del Papa Giovanni Paolo II (vedi le recensioni delle opere del Prof. Dörmann, pubblicate nei numeri 5 (pp. 185-193), 16 (pp. 186-196), 33 (pp. 218-226) e 46 (pp. 191-200): e i quattro articoli su «La strana teologia di Giovanni Paolo II», pubblicati nei numeri 49 (pp. 86-96), 50 (pp. 107-113), 51 (pp. 116-124) e 52 (pp. 94-115).
Che ne pensa il Papa attuale del mistero della Redenzione? Condivide le idee della nuova teologia o promuove un ritorno alla Tradizione? Nel momento in cui sono in fase di pubblicazione le sue opere complete, è opportuno porsi questa domanda.
Le Sel de le terre

Il mistero della Redenzione

L’ermeneutica, tradizionalmente, è l’arte di interpretare i fatti o i documenti. L’ermeneutica, nella nuova teologia, è una rilettura della fede alla luce della filosofia moderna, esistenzialista e personalista.

Il mistero della redenzione è così riesaminato da Joseph Ratzinger nel suo libro La Foi chrétienne hier et aujoud'hui, pubblicato nel 1968 e ristampato da Benedetto XVI nel 2005 (1). Il Papa vi mantiene l’esattezza delle linee fondamentali di quest’opera.
È questa revisione del mistero della redenzione, operata da Joseph Ratzinger che esamineremo qui.

Coscienza pagana o coscienza cristiana?

Bisogna ammettere che la Passione di Cristo vista come un’opera di espiazione o di soddisfazione della giustizia divina per i peccati degli uomini, non è di moda. La giustizia divina sembra essere una metafora allo stesso titolo della collera divina (2): non le si deve preferire l’amore gratuito di Dio che, in Gesù Cristo, si dà fino alla fine (Gv. 13, 1)?

La dimostrazione del teologo di Tubinga consta di una tesi, un’antitesi e una sintesi.
- La tesi è che la croce di Cristo non è una espiazione offerta dall’uomo (l’Uomo-Dio) a Dio (Padre), ma l’espressione di un amore radicale che si dà interamente (si prova la tesi mostrando che l’espiazione è contraria al messaggio d’amore che si ritiene sia quello del Nuovo Testamento).
- Ma questa tesi non può porsi senza che le si opponga l’antitesi: lo stesso Nuovo Testamento sostiene infatti l’opera di espiazione di Gesù e la sua offerta in sacrificio a Dio.

- La sintesi consisterà nel reinterpretare l’antitesi, cioè nel purificare l’interpretazione del Nuovo Testamento alla luce della tesi: sulla croce, Cristo si è sostituito sì a noi, peccatori, ma lo scambio consiste semplicemente nel fatto che egli ama per noi. Così la tesi viene ripresa e si arricchisce inglobando l’antitesi.


Presentiamo prima la tesi:

Come abbiamo rilevato poc’anzi, in questo campo la coscienza cristiana è in genere ancora largamente improntata ad una grossolana e irrozzita idea della teologia d’espiazione risalente ad Anselmo di Canterbury, della quale abbiamo esposto le grandi linee in un contesto precedente. Per molti cristiani, e specialmente per quelli che conoscono la fede solo piuttosto da lontano, le cose stanno come se la croce andasse vista inserita in un meccanismo, costituito dal diritto offeso e riparato. Sarebbe la forma in cui la giustizia di Dio infinitamente lesa verrebbe nuovamente placata da un’infinita espiazione.  Sicché la vicenda della croce appare all’uomo come l’espressione di un atteggiamento, che poggia su un esatto conguaglio tra dare e avere; ma nello stesso tempo, si ha la sensazione che questo conguaglio si basi peraltro su un piedistallo fittizio. Di conseguenza, si dà segretamente con la mano sinistra, ciò che poi si toglie solennemente con la destra. Col risultato che la ‘infinita espiazione’ su cui Dio sembra reggersi, si presenta in una luce doppiamente sinistra. Da molti libri di devozione, s’infiltra così nella coscienza proprio l’idea che la fede cristiana nella croce immagini un Dio, la cui spietata giustizia abbia preteso un sacrificio umano, l’immolazione del suo stesso Figlio. Per cui si volgono con terrore le spalle ad una giustizia, la cui tenebrosa ira rende inattendibile il messaggio dell’amore.
Quanto diffusa è un’immagine del genere, altrettanto è sbagliata e falsa. Nella Bibbia, la croce non si presenta affatto come ingranaggio d’un meccanismo di diritto leso; la croce vi compare invece proprio come espressione indicante la radicalità dell’amore che si dona interamente, come un processo in cui uno è ciò che fa, e fa esattamente ciò che è: come palese simbolo di una vita vissuta integralmente per gli altri. Agli occhi di chi osserva attentamente, nella teologia della croce sviluppata dalla Scrittura, si esprime un’autentica rivoluzione rispetto alle idee di espiazione e di redenzione riscontrabili nelle religioni non cristiane della storia; non si può peraltro negare che, nella coscienza cristiana dei tempi successivi, tale rivoluzione si sia di nuovo largamente neutralizzata, e si sia ben di rado riconosciuta in tutta la sua portata. Nelle religioni mondiali, espiazione significa normalmente riparazione e ripristino dei rapporti perturbati esistenti con la divinità, ottenuti tramite azioni propiziatrici degli uomini. Quasi tutte le religioni ruotano attorno al problema dell’espiazione; nascono dalla consapevolezza che l’uomo ha della propria colpa di fronte a Dio, e denotano il tentativo di eliminare questo sentimento di colpa, cancellando il peccato mediante opere d’espiazione offerte a Dio. L’azione espiatrice con la quale gli uomini mirano a conciliarsi e a propiziarsi la divinità, sta al centro della storia delle religioni (3).


Per sostenere la sua tesi, occorre che il teologo di Tubinga preveda le obiezioni: l’espiazione e la conciliazione con Dio mediante l’offerta di sacrifici, non sono al centro della religione del Vecchio Testamento, che fu la vera religione? Ed esse non sono il cuore della più sana psicologia umana? Gesù, non è venuto per compiere questa necessaria espiazione e non per abolirla?
Per rispondere a queste obiezioni, Joseph Ratzinger userà un artificio: negare l’azione dell’uomo esaltando l’azione di Dio, invece di affermarle entrambe. Si noterà che la negazione poggia su un solo testo neo-testamentario (2 Cor. 5, 19):

Nel nuovo testamento invece, la situazione è quasi esattamente l’inversa. Non è l’uomo che si accosta a Dio tributandogli un dono compensatore, ma è Dio che si avvicina all’uomo per accordarglielo.
Per iniziativa stessa della sua potenza amorosa egli restaura il diritto leso, giustificando l’uomo colpevole mediante la sua misericordia creatrice e richiamando alla vita la creatura morta. La sua giustizia è grazia: è giustizia attiva, che raddrizza l’uomo distorto, riportandolo allo stato lineare, giustificandolo. Qui ci troviamo davvero di fronte alla svolta portata dal cristianesimo nella storia delle religioni: il Nuovo Testamento non dice che gli uomini si riconcilino con Dio, come del resto dovremmo attenderci, perché sono essi che hanno sbagliato, non Dio. Ci dice invece che «Dio in Cristo ha riconciliato con sé il mondo» (2 Cor. 5, 19). Ora, ciò è qualcosa di veramente inaudito, qualcosa di assolutamente nuovo: è la base di lancio dell’esistenza cristiana e il centro focale della teologia della croce, sviluppata dal Nuovo Testamento. Dio non aspetta che i colpevoli si facciano avanti, riconciliandosi con lui, ma va loro incontro per primo riabilitandoli. In questo grande evento si vede delinearsi il vero indirizzo orientativo dell’incarnazione, della croce.

Di conseguenza, nel Nuovo Testamento la croce si presenta primariamente come un movimento discendente, dall’alto in basso. Essa non ha affatto l’aspetto d’una prestazione propiziatrice che l’umanità offre allo sdegnato Iddio, bensì quello d’un’espressione di quel folle amore di Dio, che s’abbandona senza riserve all’umiliazione pur di redimere l’uomo; è un suo accostamento a noi, non viceversa. Con questa inversione di rotta nell’idea dell’espiazione, che viene a spostare addirittura l’asse dell’impostazione religiosa in genere, nel cristianesimo anche il culto e l’intera esistenza ricevono un nuovo indirizzo. Nella sfera cristiana, l’adorazione si estrinseca in primo luogo nel ricevere con animo grato l’azione salvifica di Dio. La forma essenziale del culto cristiano si chiama quindi a ragion veduta Eucarestia, cioè rendimento di grazie. In questa cerimonia cultuale, non si offrono a Dio tributi umani, ma si porta invece l’uomo a lasciarsi inondare di doni; noi non glorifichiamo Iddio offrendogli qualcosa di presumibilmente nostro – quasi che ciò non fosse già per principio suo! – bensì facendoci regalare qualcosa di Suo e riconoscendolo così come l’unico Signore (4).


In questa affermazione vi è una parte di verità e un autore non sospetto di modernismo, dom Delatte, trent’anni prima, ha osato esprimerla senza mezzi termini nel suo commento a 2 Cor. 5, 19: «È Dio che in Cristo si riconciliava col mondo»:

Fin dall’origine vi fu separazione e inimicizia fra Dio e l’uomo. L’alleanza primitiva venne spezzata dal peccato del mondo. L’umanità ne aveva coscienza: e mentre il paganesimo si sforzava con dei sacrifici di placare o distogliere la collera divina (5), i Giudei stessi tremavano davanti a Dio: Morte moriemur quoniam vidimus Dominum (Gdc. 13, 22). Non sembrava che la pace fosse possibile, dal momento che l’offensore, per la sua stessa mancanza, si era messo nell’incapacità di soddisfare e di riparare.
Secondo la parola dell’Apostolo, tutto doveva venire da Dio: il progetto, l’iniziativa, il compimento della riconciliazione. Tutto si è compiuto secondo un modo divino: l’offeso viene in aiuto all’offensore, per elevarlo. Poiché Dio era in Cristo per riconciliarsi il mondo, per riconquistarlo al prezzo delle sue sofferenze, per cancellare le mancanze degli uomini e ricondurli alle condizioni dell’amicizia primitiva (6).


In questo modo, dom Delatte si guarda bene dall’omettere la soddisfazione offerta al Padre dall’Uomo-Dio, che paga per gli uomini il prezzo del loro riscatto, cioè le sue sofferenze: qualcosa di umano che l’uomo Gesù Cristo ha offerto a Dio e che gli uomini offriranno nell’Eucarestia.
Di contro, la tesi di Joseph Ratzinger nega l’atto dell’uomo nella redenzione: nella religione di Gesù Cristo l’uomo non fa niente, è Dio che fa tutto. Ecco un semplicismo che è improntato a Lutero e che discende direttamente dalla filosofia di Occam, negatrice dell’azione delle cause seconde sotto l’azione della causa prima. In effetti, se Dio ci dà il suo Cristo, non è perché noi glielo si possa offrire? Questo Cristo è «del nostro», della nostra razza, della nostra carne, proprio perché diventi l’ostia del nostro sacrificio.

La dialettica hegeliana e il puro amore kantiano

Tuttavia, la negazione presentata con la tesi è così assoluta che genera da se stessa la sua antitesi: essa viene meno da sé e si annienta necessariamente con la sua stessa articolazione, in virtù dello stesso Nuovo Testamento che invoca in maniera unilaterale. Joseph Ratzinger è dunque costretto ad esporre l’antitesi:
Con i rilievi sin qui fatti, non abbiamo però detto ancora tutto. Quando si legga il Nuovo Testamento dal principio alla fine, non è possibile soffocare la domanda se esso non ci presenti l’azione espiativa di Gesù come l’offerta d’un sacrificio al Padre, additandoci la croce come l’olocausto che Cristo in tutta obbedienza esibisce al Padre. In una lunga serie di testi, l’azione di Cristo ci viene indicata nonostante tutto come un movimento ascendente intrapreso dall’umanità verso Dio; sicché sembra proprio tornare alla ribalta tutto quanto abbiamo testé spazzato via dalla scena. Enucleando la sola linea discendente, per altro, non è possibile cogliere integralmente il senso del Nuovo Testamento. E allora, come dobbiamo spiegarci il rapporto intercorrente tra le due linee? Dobbiamo forse escludere l’una a beneficio dell’altra? E qualora lo volessimo davvero fare, quale scala di valori ci autorizzerebbe ad intraprendere tale selezione? E quindi chiaro che in questa direzione non possiamo procedere: finiremmo inevitabilmente per elevare il puro e semplice arbitrio della nostra opinione a parametro per commisurare la fede (7).

In effetti, i testi del Nuovo Testamento a favore dell’antitesti sono schiaccianti. Vediamo innanzi tutto l’insegnamento del primo papa:

Voi sapete che non a prezzo di cose corruttibili, come l’argento e l’oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta ereditata dai vostri padri, ma con il sangue prezioso di Cristo, come di agnello senza difetti e senza macchia. […] Egli portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, perché, non vivendo più per il peccato, vivessimo per la giustizia. [1 Pt. 1, 18-19: 1 Pt. 2, 24].

E sulla giustizia operata da Cristo sulla sua croce, l’Apostolo dei gentili non la pensa diversamente:

È lui [Dio Padre] infatti che ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto, per opera del quale abbiamo la redenzione, la remissione dei peccati. (Col. 1, 13-14).

E se fosse necessario, si dovrebbe aggiungere la testimonianza dell’Apostolo dell’amore, il discepolo prediletto da Cristo: per una volta egli non parla solo d’amore, ma di riscatto e di propiziazione:

Il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato. […] se qualcuno ha peccato, abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo giusto. Egli è vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo [1 Gv. 1, 7; 2, 1-2].

E non si può passare sotto silenzio l’epistola agli Ebrei, che descrive l’azione sacrificale del nostro sommo sacerdote Gesù Cristo, prefigurata dai molteplici sacrifici dell’Antico Testamento, dei quali essa è verità e perfetto compimento:

Ogni sommo sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati. In tal modo egli è in grado di sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore, essendo anch’egli rivestito di debolezza; […] Nessuno può attribuire a se stesso questo onore, se non chi è chiamato da Dio, come Aronne. Nello stesso modo Cristo non si attribuì la gloria di sommo sacerdote, ma gliela conferì colui che gli disse: Mio figlio sei tu, oggi ti ho generato. Come in un altro passo dice: Tu sei sacerdote per sempre, alla maniera di Melchìsedek. Proprio per questo nei giorni della sua vita terrena egli offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo da morte e fu esaudito per la sua pietà; pur essendo Figlio, imparò tuttavia l'obbedienza dalle cose che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono, essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote alla maniera di Melchìsedek [Eb. 5, 1-10].
Infatti, se il sangue dei capri e dei vitelli e la cenere di una giovenca, sparsi su quelli che sono contaminati, li santificano, purificandoli nella carne, quanto più il sangue di Cristo, che con uno Spirito eterno offrì se stesso senza macchia a Dio, purificherà la nostra coscienza dalle opere morte, per servire il Dio vivente? [Eb. 9, 13-14].


Se tale è l’antitesi, non distrugge così la tesi? No, risponde la dialettica hegeliana  (8), bisogna operare tra esse una mediazione, la sintesi, per mezzo della quale la tesi viene recuperata arricchita dall’antitesi. E il mezzo per effettuare questa mediazione è l’ermeneutica: un’interpretazione dell’antitesi alla luce della tesi. Ed è questo il lavoro che effettua Joseph Ratzinger, che prosegue così il suo procedimento dialettico:

Per riuscire ad andare avanti su questo terreno, dobbiamo ampliare la nostra domanda, cercando di appurare dove sia situato il punto d’avvio dell’interpretazione neotestamentaria della croce (p. 230).

In breve, gli Apostoli avrebbero interpretato la croce come un sacrificio espiatorio alla maniera di tutto l’apparato sacrificale e dei pensieri «della teologia culturale vetero-testamentaria» (p. 231).  L’epistola agli Ebrei illustra questo tentativo: il sangue dei capri e dei montoni è rimpiazzato dal sangue di Cristo, e come questo sangue di animali non interessa a Dio, a cui appartiene tutto, così non è la materialità del sangue di Cristo, né la sua effusione, che opera la salvezza delle anime: «il libero assenso dell’amore è l’unico elemento che Dio deve attendersi, l’adorazione e il sacrificio che soli siano suscettibili di avere un senso» (p. 231). Infatti, «entrando nel mondo, Cristo dice [a suo Padre]: Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato. Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato. Allora hai detto: Ecco, io vengo… per fare o Dio la tua volontà» (Eb. 10, 5-7).

E Joseph Ratzinger prosegue nella sua sintesi:
Siccome però tutto il culto pre-cristiano poggia sull’idea della sostituzione, della rappresentanza (9), tentando di sostituire l’insostituibile [l’uomo stesso], (…) Essa [l’Epistola agli Ebrei] ha il coraggio di affermare senza riserve questo completo fallimento delle religioni, perché sa come in Cristo l’idea della sostituzione, della supplenza, abbia acquisito un senso integralmente nuovo. (…) Egli [Gesù] (…) attraversando l’atrio della morte è penetrato nell’autentico tempio, ossia alla presenza di Dio stesso, e per sacrificargli non delle cose, sangue di animali o altro, bensì addirittura se stesso (Eb. 9, 11 ss.). (…) donando e sacrificando se stesso. Egli strappò di mano agli uomini le offerte sacrificali, sostituendovi la sua personalità, il suo stesso ‘io’ donato in olocausto (pp. 231-232).

E il prezioso sangue di Gesù Cristo, con il quale egli fa, giustamente, il suo ingresso nel santuario celeste e che purifica «la nostra coscienza dalle opere morte» (Eb. 9, 14), non è esattamente il suo?

Joseph Ratzinger interpreta:
Se tuttavia nel nostro testo si afferma ancora che Gesù ha operato la redenzione col suo sangue (Eb. 9, 12), questo sangue non va inteso come un dono materiale, come un mezzo espiativo da misurarsi quantitativamente, bensì come la pura concretizzazione di quell’amore che ci viene additato come spinto fino all’estremo (Gv. 13, 1) [p. 232].

E lo sforzo di sintesi prosegue, la tesi si ricompone nella sua primitiva forma negativa, arricchendosi dell’antitesi reinterpretata:

Stando così le cose, l’essenza del culto cristiano non sta nell’offerta di cose, e nemmeno in una certa qual loro distruzione, come dal secolo XVI in poi si può leggere sempre più insistentemente nei trattati teorici concernenti il sacrificio della messa, ove si afferma che proprio in questo modo bisogna riconoscere la suprema autorità di Dio sull’universo. Tutti gli sforzi fatti dal pensiero in questo senso sono ormai stati decisamente superati dall’avvento di Cristo, e dall’interpretazione che ce ne dà la Bibbia. Il culto cristiano si concretizza nell’assoluta dedizione dell’amore, quale poteva estrinsecarsi unicamente in colui, nel quale l’amore stesso di Dio si era fatto amore umano; e si esplica nella nuova forma di funzione vicaria [sostituzione] inclusa in questo amore: nel fatto che egli si è incaricato di rappresentarci e noi ci lasciamo impersonare da lui. Esso comporta pure che noi ci decidiamo una buona volta ad accantonare i nostri conati di auto-giustificazione [p. 233].

Dunque, sulla Croce, Cristo non ha offerto realmente il suo corpo e il suo sangue, e neanche la sua vita temporale, Egli ha offerto solo il suo «io» e la sua «persona» o il suo amore. La dialettica hegeliana applicata alla croce, la purifica dalla sua materialità per conservarne solo la forma pura: l’amore, un amore di cui non si sa né come agisce né a chi è destinato. È l’amore kantiano: né materia, né efficienza, né finalità, ma pura forma. La croce dematerializzata e disorientata che lascia sussistere solo l’amore disincarnato. La religione dell’espiazione che si ritrova disintegrata nella religione del puro amore. Dell’offesa e del disordine del peccato, non una parola; delle pene del peccato, non una parola; della riparazione, del merito, della soddisfazione, dell’espiazione di Cristo, non una spiegazione; tutta la dottrina tradizionale contenuta nella Sacra Scrittura e nella Tradizione dei Padri, nella liturgia tradizionale e nel semplice Catechismo del Concilio di Trento, viene trafugata. La misericordia divina è spogliata dalla più dolce delle sue delicatezze: il riscatto dell’uomo peccatore ad opera dello stesso uomo peccatore, grazie a Cristo che l’uomo senza peccato.

Rigore della giustizia e delicatezza della misericordia divina
 

Un’umile pagina di un autore spirituale ignorato, contemporaneo di Joseph Ratzinger, alla luce dei Padri della Chiesa riduce a niente la speculazione del teologo di Tubinga:

«Dio ha cura, non solo della nostra salvezza, ma anche del nostro onore. E per un vero accesso d’amore, Egli sacrifica la sua gloria alla nostra, osano dire i Padri. E sceglie la soluzione più gloriosa per noi, la più dolorosa per Lui: la croce. Non verrà come donatore, ma come mendicante, non come creditore, ma come debitore; non verrà per dare, ma per ricevere: ricevere da noi di che pagare la nostra salvezza, così che tale salvezza sia interamente nostra, annientandosi, sprofondando in noi: exinanivit. Raffinatezza di delicatezza e d’amore che di più non si può.
«Egli ha ricevuto da noi ciò che doveva offrire per noi, dice sant’Ambrogio, al fine di riscattarci del nostro e di darci del suo, con una munificenza divina che non era nostra. Lo sapete, è del nostro che ha offerto in sacrificio. Infatti, qual è stata la causa dell’incarnazione se non che la carne che aveva peccato fosse essa stessa lo strumento del suo riscatto?» (10).


Ma Joseph Ratzinger disprezza sant’Ambrogio, sant’Agostino, san Leone Magno, fa la caricatura di sant’Anselmo e non ama san Tommaso d’Aquino (11); così la sua tesi è falsa e anti-tradizionale, la sua antitesi, in realtà, non è nient’altro che la pura Tradizione e la sua sintesi del puro amore è altrettanto falsa e menzognera che la sua tesi. San Tommaso d’Aquino, erede dei Padri, sottolinea, senza bisogno di alcuna dialettica, che la carità è l’anima del sacrificio di Cristo, ma non attenua né la materialità, né il valore espiatorio di questo sacrificio:

Sembra che la passione di Cristo non abbia agito sotto forma di sacrificio.
Rispondo: Il sacrificio propriamente è un'opera compiuta per rendere a Dio l'onore a lui esclusivamente dovuto al fine di placarlo. […] Cristo “nella passione sacrificò se stesso per noi”: e tale azione, cioè l'accettazione volontaria della passione, fu sommamente gradita a Dio, procedendo essa dalla carità. Perciò è evidente che la passione di Cristo fu un vero sacrificio (12).

In nessun posto della sua Summa teologica, san Tommaso mette in dubbio il dovere di soddisfazione dell’uomo verso Dio, per il peccato; egli avanza diverse obiezioni riguardo alla soddisfazione di Cristo, ma l’idea stessa di soddisfazione gli appare talmente tradizionale che non gli passa neanche per la mente di metterla in dubbio o di negarla per questione di metodo e soprattutto di fare di questa negazione la sua tesi. Per san Tommaso, la tesi da difendere e provare è unicamente la soddisfazione di Cristo, e questo fin dalla prima questione del trattato sul Verbo incarnato, che tratta dello scopo stesso dell’incarnazione:

Per la redenzione della natura umana, caduta a causa del peccato, si richiedeva soltanto che l'uomo soddisfacesse per il peccato. Dio infatti non deve esigere dall’uomo l’impossibile; ed essendo più incline a compatire che a punire, come imputò all’uomo l’atto del peccato, gli dovrebbe ascrivere a distruzione del peccato l’atto contrario. Non era dunque necessaria, per redimere la natura umana, l’incarnazione del Verbo di Dio (13).
In tal senso non poteva essere sufficiente la soddisfazione d’un puro uomo, perché tutta la natura umana era stata corrotta dal peccato, né il merito di una o più persone poteva compensare alla pari il danno di tutta la natura. Inoltre, poiché il peccato commesso contro Dio acquista una certa infinità dalla infinità della maestà divina: l’offesa infatti è tanto più grande, quanto più grande è la persona verso cui si manca; era necessario per una soddisfazione adeguata che l’azione del riparatore avesse un’efficacia infinita, quale è appunto l’azione di un uomo-Dio (14).


E il fatto che l’Uomo-Dio abbia soddisfatto pienamente per i peccati, non dispensa il puro uomo dall’aggiungere la sua stessa soddisfazione imperfetta alla perfetta soddisfazione di Cristo:

Può dirsi sufficiente una soddisfazione in maniera imperfetta, ossia relativamente all’accettazione da parte di chi se ne contenta, anche se non è adeguata. In tal senso può essere sufficiente la soddisfazione d’un puro uomo. Tuttavia, poiché ogni cosa imperfetta presuppone la perfezione corrispondente su cui si regge, è dalla soddisfazione di Cristo che prende efficacia la soddisfazione d’ogni puro uomo (15).

L’azione della causa prima non sopprime l’azione delle cause seconde. Queste ultime brevi righe di san Tommaso dissipano a sufficienza l’errore di Occam e di Lutero, dal quale Joseph Ratzinger non è esente, esse sono ricche di tutto il valore della croce nella vita cristiana: un valore propriamente soddisfattorio.
Ma più avanti, nella sua Summa, san Tommaso dedica un intero articolo della sua questione 48 al valore soddisfattorio della passione di Gesù Cristo:

Sembra che la passione di Cristo non abbia causato la nostra salvezza sotto forma di soddisfazione.
Rispondo: Soddisfa pienamente per l’offesa colui che offre all’offeso quanto egli ama in maniera uguale o superiore all’odio che ha per l’offesa subita. Ebbene, Cristo accettando la passione per carità e per obbedienza offrì a Dio un bene superiore a quello richiesto per compensare tutte le offese del genere umano. Primo, per la grandezza della carità con la quale volle soffrire. Secondo, per la nobiltà della sua vita, che era la vita dell’Uomo-Dio, e che egli offriva come soddisfazione. Terzo, per l’universalità delle sue sofferenze e per la grandezza dei dolori accettati, di cui sopra abbiamo parlato. Perciò la passione di Cristo non solo fu sufficiente per i peccati del genere umano, ma addirittura sovrabbondante, secondo le parole di S. Giovanni: «Egli è propiziazione per i nostri peccati, e non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo» (1 Gv. 2, 2) (16).


E san Tommaso conficca il chiodo precisando, in linea con i Padri, che questa soddisfazione di Cristo con la sua passione fu ad un tempo opera di giustizia e opera di misericordia, cosa che Joseph Ratzinger passa totalmente sotto silenzio:

La redenzione dell’uomo mediante la passione di Cristo era consona sia alla misericordia che alla giustizia di Dio. Alla giustizia, perché Cristo con la sua passione riparò il peccato del genere umano: e quindi l’uomo fu liberato dalla giustizia di Cristo. Alla misericordia, perché non essendo l’uomo, di per sé, in grado di soddisfare per il peccato di tutta la natura umana, come sopra abbiamo visto [III, q. 1, a. 2, ad 2], Dio gli concesse quale riparatore il proprio Figlio, secondo l’insegnamento paolino: “(Tutti) sono giustificati gratuitamente per la grazia di lui mediante la redenzione in Cristo Gesù, che Dio ha prestabilito quale propiziatore, per via della fede in lui” [Rm. 3, 24]. E ciò fu un atto di maggiore misericordia che il condono dei peccati senza nessuna soddisfazione. Di qui le parole di S. Paolo [Ef. 2, 4-5]]: “Dio, che è ricco di misericordia, per il grande amore che ci portava, mentre eravamo morti per i peccati, in Cristo ci richiamò alla vita” (17).

E a Dio va resa, non solo una soddisfazione corrispondentemente degna per i peccati, ma questa soddisfazione è l’uomo stesso che la deve offrire, riscattandosi da se stesso invece di esserne liberato dalla forza, dalla potenza di Dio. Il vescovo sant’Agostino (De Trinitate, L. 13, cap. 14) e il papa san Leone (Sermoni I e II De Nativitate, «Sources chrétiennes», p. 76-77, 81-83), interpretati da sant’Anselmo di Canterbury, insistono su questa misericordia più abbondante che Dio ha fatto all’uomo col mettergli in mano la soddisfazione da offrirGli: mettendo a sua disposizione il Soddisfattore, uno degli uomini, il Cristo-uomo. È l’uomo stesso che ha la possibilità di riabilitarsi in stretta giustizia, anche se questo è possibile per dono di Dio. Ciò che l’uomo offre a Dio è sempre «de tuis donis ac datis (dei tuoi doni e dei tuoi benefici)». Come la moneta che i bambini mettono nel cestino della questua, anche se l’hanno ricevuta dal portamonete di papà: come se rendessero «solennemente» con la mano destra ciò che hanno misericordiosamente ricevuto nella sinistra. Fu questo che nel giorno dell’Epifania, Gesù Cristo fece capire a santa Matilde, dopo che questa aveva ricevuto la comunione:

Ecco, sposa mia, io ti dono l'oro, ossia il mio divino amore; l'incenso, ossia tutta la mia santità e la mia divozione; infine la mirra, che, è l'amarezza della mia intera Passione. Tutti questi beni ti dono in proprietà, a segno che potrai offrirmeli come un bene che ti appartiene (18).

Ricevere da Dio è la misericordia, dare a Dio è la giustizia. Perché Joseph Ratzinger sfigura la misericordiosa giustizia di Gesù Cristo? Sine affectione, sine misericordia (senza cuore, senza misericordia: Rm. 1, 31)…
Se avesse letto San Tommaso, avrebbe imparato ad unire ciò che oppone:

Ogni opera della divina giustizia, poi, presuppone sempre l’opera della misericordia, ed in essa si fonda. Infatti niente è dovuto a una creatura se non in ragione di qualche perfezione che in essa preesiste o che si considera come anteriore; e se a sua volta tale perfezione è dovuta alla creatura, ciò è in forza di un’altra cosa antecedente. E siccome non si può procedere all’infinito, bisogna arrivare ad un qualche cosa che dipenda unicamente dalla bontà divina che è l’ultimo fine (di tutte le cose). Come se dicessimo che avere le mani è dovuto all’uomo a motivo dell’anima ragionevole; e che gli è dovuta un’anima ragionevole perché uomo, e che è uomo a causa della divina bontà. E così in ogni opera di Dio appare la misericordia, come sua prima radice (I q. 21, a. 4).

NOTE

1  - J. RATZINGER, Foi chrétienne hier et aujourd’hui, Cerf, 2005 (riedizione senza variazioni della 1a ed. del 1968). Questo libro contiene i corsi del giovane professore di teologia di Tubinga dell’anno 1967 [J. RATZINGER, Introduzione al Cristianesimo, 1969, Queriniana, Brescia, nuova ed. 2000].
2  - Dio non prova formalmente la passione della collera, perché è puro spirito. Ma produce degli effetti che per noi sono effetto della collera, come per esempio quando punisce.
3  - J. RATZINGER, Foi chrétienne hier et aujourd’hui, Cerf, 2005, pp. 197-198 [J. RATZINGER, Introduzione al Cristianesimo, 1969, Queriniana, Brescia, nuova ed. 2000, pp. 227-228].
4  - J. RATZINGER, Foi chrétienne hier et aujourd’hui, Cerf, 2005, pp. 198-199 [J. RATZINGER, Introduzione al Cristianesimo, 1969, Queriniana, Brescia, nuova ed. 2000, pp. 228-229].
5  - I sacrifici pagani hanno solo distolto il sacrificio dal suo fine propiziatorio per farne un’invocazione al diavolo.
6  - DOM PAUL DELATTE O.S.B., Les Épîtres de saint Paul replacées dans le milieu historique des Actes des Apôtres, T. 1, Marne, Tours, 1938, p. 438.
7  - J. RATZINGER, Foi chrétienne hier et aujourd’hui, Cerf, 2005, p. 199 [J. RATZINGER, Introduzione al Cristianesimo, 1969, Queriniana, Brescia, nuova ed. 2000, p. 230].
8  - Si veda: JACQUES MANTOY, Précis d'histoire de la philosophie, éd. De l’École, 1951, riedizione 1981, § 78.
9  - [Cioè di espiazione per mezzo di una vittima che è sostituita al peccatore, quello che la teologia chiama soddisfazione vicaria e che solo Cristo ha fatto realmente].
10  - G. LACOUAGUE S. J., Notre Dame de nos prières, Mame, 1962, pp. 70-71.
11  - Si veda: CARDINAL RATZINGER, Le Sel de la Terre, Flammarion - Cerf, 1997, p. 60. [JOSEPH RATZINGER, BENEDETTO XVI, Il Sale della Terra, Ed. San Paolo, 2005, pp. 68-69].
12  - III, q. 48, a. 3.
13  - III, q. 1, a. 2., arg. 2.
14  - III, q. 1, a. 2., ad 2. Joseph Ratzinger non cita san Tommaso, ma critica la fonte di san Tommaso, sant’Anselmo, il che è lo stesso, la cui dottrina, vista «nella rozza e grossolana veste in cui l’ha insaccata la coscienza popolare», gli appare come «un crudele meccanismo, per noi sempre più inutilizzabile» (Introduzione al Cristianesimo, p. 183). L’ermeneutica esige dunque la revisione e la riforma della soddisfazione di Cristo.
15  - III, q. 1, a. 2., ad 2.
16  - III, q. 48, a. 2.
17  - III, q. 46, a. 1, ad 3.
18  - SANTA MATILDE, Il Libro della Grazia Speciale, Libro I, cap. VIII.
Continua...

39 commenti:

  1. Può scrivere ciò che vuole. Tanto ANCHE LUI dovrà adeguarsi se vuole che la Fraternità san Pio X sia riconosciuta da Roma.
    E se avverrà il riconoscimento lo metteranno subito a riposo, se non proprio lo ridurranno a semplice cappellano, secondo i consigli di mons. Muller.

    RispondiElimina
  2. Lo scritto pubblicato è pieno di contraddizioni e non vale nemmeno la confutarlo: Faccio un semplice esempio: si cerca di smontare la costruzione Hegeliana non attraverso la logica ma ponendo come vere delle posizioni dogmatiche tomiste. Nessun studioso di filosofia prenderebbe sul serio questi scritti.
    Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, Alberto, non ti risponderanno! Per tutti questi Tommaso d'Aquino è praticamente sullo stesso piano della Rivelazione! Infatti è proprio in ciò che consiste l'integrismo!
      Luca

      Elimina
    2. il blogger Alberto NON ha posto alcuna domanda. Ha solo fatto affermazioni.
      Invece io, più sotto, ho posto una precisa DOMANDA, alla quale attendo la (dotta e illuminante?) risposta di Alberto.
      Vuole per caso rispondere Luca, che pare essere il suo alias ?

      Elimina
    3. io (ibis) ho posto una precisa domanda, a cui vedremo chi risponderà.

      ibis

      Elimina
  3. Roberto Martelli6 settembre 2012 11:47

    Nel ringraziarvi per la ripubblicazione di questo ponderoso studio del pensiero teologico di Ratzinger/Benedetto XVI, non posso, però, fare a meno di commentare amaramente il silenzio nel quale si è rinchiuso, negli ultimi anni, il vertice della Fraternità, Mons. Tissier compreso, evidentemente intimidito dalla inesorabile e cieca determinazione fellaiana a ricondurre l'opera di Mons Lefebvre nell'alveo del naufragio conciliare (col corollario del brutale trattamento punitivo di ogni opposizione). Sono qualche laico, fra cui meritatamente voi, osa ancora levare la voce a denuncia del pensiero non cattolico che ha intriso e tuttora intride la mente di coloro che da cinquant'anni sono stati chiamati a reggere l'onusto peso delle chiavi petrine, nucleo ermeneutico per la comprensione dell'epoca tragica che ci stata data in sorte. Nuovamente, come ai primordi della funesta era conciliare, il ricatto dell'obbedienza sta depotenziando e sterilizzando la resistenza: il colpo da maestro di Satana non cessa di generare le sue rendite.

    RispondiElimina
  4. Sottoscrivo ciò che dice Martelli; c'è grande incertezza nei fedeli e negli osservatori esterni della quaestio Roma-FSSPX da quando non si è più sentito ribadire le posizioni di dissenso già espresse nei confronti di Fellay dai 3 vescovi, dopo quella lettera firmata da loro in modo concorde alcuni mesi fa, in vista del ventilato accordo con Roma.
    Che cosa pensano oggi i 2 vescovi (Tissier e de Galarreta) circa gli eventi alle porte ? si sono conformati alle posizioni di mons. Fellay ? non potremo saperlo, come invece siamo al corrente della chiara posizione anti-accordista di mons. Williamson.

    ibis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine anche la fraternità esaurirà il suo slancio. Sta già fortemente rallentando e, se vuole accordarsi con Roma, dovrà fermare le sue critiche. I vescovi faranno tutti una brutta fine e saranno destituiti. Rimarrà solo qualche cane a latrare in giro con il quale farete compagnia voi...

      Elimina
    2. "...I vescovi faranno tutti una brutta fine e saranno destituiti..."
      ......
      avete qui appena ascoltato le previsioni certe del futuro della FSSPX uscite dalla "palla di vetro" dell'anonimo informatissimo, che ha il dono della prescienza sulla storia degli uomini e della Chiesa, fin dalla nascita.

      Elimina
  5. "Sembra che la passione di Cristo non abbia agito sotto forma di sacrificio."
    Rispondo: Il sacrificio propriamente è un'opera compiuta per rendere a Dio l'onore a lui esclusivamente dovuto al fine di placarlo. […] Cristo “nella passione sacrificò se stesso per noi”: e tale azione, cioè l'accettazione volontaria della passione, fu sommamente gradita a Dio, procedendo essa dalla carità. Perciò è evidente che la passione di Cristo fu un vero sacrificio.
    -----------------

    Questo è ciò che la Chiesa ha SEMPRE CREDUTO E INSEGNATO, fino al fatidico 1962, quando non si riteneva di dover "cercare ciò che unisce" (magari il diavolo all' acquasanta....)
    Questo discorso riportato, da sè solo è chiarissimo per i semplici come me e come il 99,9% dei cattolici.
    Ora dunque il grande intellettuale Albeerto, sicuramente versato in filosofia più del 99% dei cattolici comuni di parrocchia, provi a confutare quelle affermazioni:
    dimostri -se può- che la Passione di Cristo NON FU VERO SACRIFICIO.

    Aspettiamo sodi argomenti, però accessibili sia ai dotti che agli incolti, chiari e semplici, non FUMOSI. Se uno è sicuro delle proprie idee non gli ci vuole molto a dimostrarne la fondatezza.
    E non c'è bisogno di paroloni decifrabili solo dagli "addetti ai lavori".

    ibis

    RispondiElimina
  6. La morte di Gesù rappresenta il distacco dai valori terreni e che viene vissuta come ricongiungimento al Dio-creatore (il sacrificio è quindi relativo). Il concetto di sacrificio diventa tale nel messaggio che il Cristo ci lascia durante la sua vita che testimonia l'adorazione verso Dio.
    Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che un sacrificio questo è un fioretto...

      Elimina
    2. Roberto Martelli6 settembre 2012 22:29

      La morte di Gesù rappresenta il distacco dai valori terreni e che viene vissuta come ricongiungimento al Dio-creatore (il sacrificio è quindi relativo)

      Luteranesimo allo stato puro: sacrificio apparente e non reale; tanta agitazione per nulla; ma Benedetto XVI e Muller troveranno il modo di concordare. Ermeneutica della continuità.

      Elimina
  7. Ognuno medita nei luoghi che gli sono consoni.
    Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli insegnamenti sulla verità riguardo al reale sacrificio di Cristo che ci sono nel post sono relativi?!bè allora questo sito non è consono a tutti!!
      manu

      Elimina
  8. Oh, ecco che ritorna il metodo sovietico: quando si esauriscono gli argomenti si dice che l'avversario è un fascista.
    Che fantasia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fatti parlano da soli. I gruppi conservatori si appoggiano a entità politiche di estrema destra. I fatti parlano chiaro

      Elimina
    2. Roberto Martelli7 settembre 2012 12:56

      Allora taci.

      Elimina
    3. Roberto Martelli7 settembre 2012 16:33

      Encomiabile missione: peccato sia prezzolata. Quanto ai "dittatori" ognuno ha i suoi gusti: Paolo VI trafficava con Breznev ( tramite Casaroli) e GPII con Castro; ai posteri l'ardua sentenza.
      Interessante infine l'auspicio della carcerazione per i "fondamentalisti": ciò fa di te un sincero democratico.

      Elimina
    4. Roberto Martelli7 settembre 2012 18:00

      Ignori pagine fondamentli della storia, come ad esempio la delazione della rete di sacerdoti clandestini fatta da Montini. Finanziamenti fascisti ad Econe; sionismo e NPD; un minestrone di menzogne e fatti incongruenti: sei molto confuso.

      Elimina
    5. Roberto Martelli7 settembre 2012 21:37

      Pio XII lo allontanò per questo; cmq anche alle tue sentenze mancano riscontri. Il minestrone rimane indigeribile. Et de hoc satis.

      Elimina
  9. Tra l'altro il fondatore del fascismo era un socialista. La Repubblica di Salò fu quanto di più socialisteggiante sia mai apparso in Italia forse dal Pleistocene.

    RispondiElimina
  10. A tutti i democratici di questo sito: democrazia uguale a trionfo della mediocrita' era scritto nero su bianco 10 anni fa' su un bellissimo articolo del Sole 24 ore. Il Principe francese che si congratuolo' con Mons. lefebvre dopo le consacrazioni di Econe fu un Borbone Parma.
    E credo abbia fatto il suo dovere, come lo fecero i suoi antenati a consacrare la Francia alla Vergine (Louis XIII).
    Il fascismo fu una costola del socialismo, e come tutte le rivoluzioni durano 20 anni. Forse sarebbe meglio riflettere su secoli di civilta' cristiana cresciuta e custodita da elites cattoliche anche in campo civile.
    Nitoglia nn piace in questa sua nostalgia "fascista" tattavia e' uomo e studioso serio e il testo di Mallarais, lo ha presentato ottimamente.

    RispondiElimina
  11. giustamente i gran democratici che vagano da queste parti si stracciano le vesti per degli innocenti uccisi, il che è giustissimo. non dovrebbero tuttavia dimenticare che proprio in nome della democrazia venne assassinato l'innocente luigi xvi legittimo re di francia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tutti qua vengono i fanatici? E non provi nessuna compassione per lo Zar?

      Elimina
    2. Anche, certo. Come ne provo per ogni poveraccio ammazzato da qualche delinquente.

      Elimina
  12. Esattamente. Non importa se alla Bastiglia ai tempi di Luigi XVI vi fossero solo 6 prigionieri politici, importante e' che i regimi democratici poi succedutesi abbiano fatto migliaia e milioni di morti, democraticamente. Prigioni come campi di sterminio o gulag. Non ultima la strage degli infanti "aborto".
    Solo nella mia provincia in 3 ospedali pubblici 600 all'anno.
    Il Pricipe di Borbone-Parma, che si congratulo' con Mons. Lefebvre per l'operazione sopravvivenza, ha di gran lunga la coscienza piu' in ordine del sudiciume democratico che ci governa. E guarda oltre a questa misera commedia socio-economica che perfino un infante capirebbe avere il tempo contato.

    RispondiElimina
  13. Intanto abbassate le orecchie e "subite" questa democrazia che però vi da la possibilità di esprimere le vostre idee, anche di inneggiare alla tirannia. Divertitevi a fare le rievocazioni storiche ma il vostro peso, politico e religioso, è nullo perché siete incapaci di raggiungere un qualsiasi risultato con il dialogo ma solo facendo ricorso alla violenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inutile che cambi discorso perché non sai rispondere. Il tuo compare ha parlato di morti innocenti, ed ecco che la “democrazia che permette di esprimere e inneggiare ecc. ecc." si fonda sul crimine dell'assassinio e del regicidio. inoltre sarebbe bene che tu specificassi adeguatamente ciò che intendi per tirannia. se ti riferisci all'ancien regime come pare di poter desumere dalle tue parole, la cosa fa davvero ridere i polli e ti consiglio di stare zitta per evitare figuracce.

      Elimina
  14. di quale violenza sta sproloquiando la sig.ra (signore o signora?) Francesca ?
    forse quella della Verità che fa male ?
    certo anche gli antichi lo sapevano:

    l'ADULAZIONE PROCURA AMICI, LA VERITA' GENERA ODIO
    (P. Terenzio Afro, II sec. a.C.)

    Nessun altro poi, due secoli dopo questa massima di sapienza, ha fatto tale esperienza: nessuno come Gesù Cristo, Figlio di Dio, Verità in Persona, ha sperimentato questa realtà; venuto per testimoniare la Verità, cioè il Vero Dio Trinitario in cui Egli, 2a Persona è immagine visibile del Padre, Figlio e Verbo eterno Incarnato; viene dunque condannato a morte per questo motivo: aver annunciato al mondo la Verità, testimoniando il Padre Creatore che lo ha mandato nel mondo come Salvatore Unico.
    Già il vecchio Simeone, mentre la Madonna glielo porgeva Bambino in fasce per la Presentazione al Tempio prescritta dalla Legge mosaica, su di Lui predisse:
    "Signore, ora lascia che il Tuo servo vada in pace secondo la tua parola, perché i miei occhi han visto la tua salvezza, che hai preparato al cospetto di tutti i popoli, luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele” (Luca 2: 29-32).
    Simeone benedisse Giuseppe e Maria ed alla Madre di Gesù disse:
    “Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, e come segno di contraddizione; e anche a te una spada trafiggerà l’anima perché siano svelati i pensieri di molti cuori”
    Ancora qui parole che Maria deve conservare nel suo cuore, perché solo a poco a poco riuscirà a capirne il senso.( Certamente però ha capito che sarà coinvolta nel destino di suo Figlio. Ed è questo che certamente accetta quando, entrata nel Tempio, offre il suo Figlio al Signore. E' chiaro che la Maternità di Maria ha uno scopo storico-salvifico e che tutta la vita del Figlio la coinvolgerà. ....fino ai nostri giorni, fino alla fine del mondo, perchè Maria è CORREDENTRICE, e questo, come chiesto da Gesù ad alcuni mistici, sarà l'ultimo DOGMA di Fede che la Chiesa docente dovrà proclamare, negli anni a venire).
    GESU' SEGNO DI CONTRADDIZIONE, odiato dal mondo incredulo che respinge il Salvatore del mondo, il Vero e Unico Dio, preferendo le favole delle religioni idolatre ! (o anche le favole filosofiche che incantano i falsi cattolici....)
    Gesù è pietra d'inciampo ieri oggi e sempre, per chiunque rifiuta il Vero Dio e la Nuova ed eterna Alleanza, istituita nella SS.ma Eucaristia da Lui stesso la sera del Giovedì Santo, con l'Offerta del Suo Corpo e del Suo Sangue, la Prima Santa Messa, anticipazione del Sacrificio del Calvario. Pietra d'inciampo per Kiko e modernisti vari, catto-liberali, adulti e massoni palesi ed occulti, catto-sinistri atei pratici nemici del Vangelo e della Chiesa perenne.
    Gesù è pietra scartata dai costruttori empi e blasfemi della nuova-chiesa-che avanza e che vorrà abolire il Santo Sacrificio per predicare una religione masso-indifferente del dio senza nome (che sarà l'anticristo).

    E LA Madre SS.ma Immacolata condivide col Divino Figlio Redentore il destino di essere pietra d'inciampo, sempre odiata e DISPREZZATA (anche dai dotti teologi che non la tengono in alcun conto come Corredentrice, tranne pochi come mons. Gherardini che ha fatto al riguardo una conferenza "Assunta in cielo perchè Corredentrice") nel caos dottrinale creato dal diabolico ecumenismo massonico penetrato inesorabilmente dentro la Chiesa nel corso del '900 (come ha ricordato a.rita nel 3d sui massoni).

    idem

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'anonimo 18.18 è un diabolico falsificatore, perchè NON ESISTE IDOLATRIA per la Madonna nella Fede cattolica, bensì si chiama CULTO DI IPERDULIA, ovvero una VENERAZIONE speciale, superiore a quella dei Santi, visto che la Madonna è REGINA DEL CIELO, Regina dei Santi, degli Angeli e dei Profeti.
      Lei anonimo ha qualcosa in contrario alla VENERAZIONE PER LA MADRE DI DIO ? beh in tal caso si accomodi nella schiera dei LUTERANI CHE ABORRONO MARIA SS.MA , riducendola a una donna qualunque, nata nel peccato e non assunta in Cielo...e si vergogni di chiamarsi "cattolico".
      Sappiamo purtroppo quali sono i nefasti effetti della predicazione kikiana e in generale filo-protestante che serpeggia luciferina dentro la Chiesa da mezzo secolo.
      La Madre Immacolata schiaccerà la testa del serpente con tutti i suoi seguaci, luterani compresi come voi modernisti kikiani & C !
      Dio Padre nell'Eden ha promesso questo (v. GENESI).

      Elimina
  15. Cara Francesca, l'ancien regime era una societa' organica, e non una dittatura. Alla Bastiglia Luigi XVI aveva solo 8 prigionieri politici. Otto sono otto, lei pensi a quale disatro di sangue ci ha consegnato il mancato arrivo ad un punto di equilibrio dopo la rivoluzione francese. E provi a pensare ai massacri anche infantili che le potenze demcratiche creano ogni giorno in Siria.
    A me nn interessa se siamo in pochi o in tanti. Certo e' che chi non puo' assicurare il bene spirituale di un popolo non puo' nemmeno assicurare quello economico. E partendo da questo tutto diventa molto semplice e chiaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente hai sempre vissuto nell'agio, magari sfruttando il lavoro altrui. Facile parlare con la pancia piena.

      Elimina
    2. Belle parole anonimo delle 10:23; perché allora non ti spogli dei tuoi averi e vai con un saio a cercare il bene spirituale dato che quello materiale non è importante? Sei un ipocrita!

      Elimina
    3. I pauperisti di solito siete voi. Comunque non tema, il massodemocrate Monti ci spoglierà tutti e non ci darà nemmeno il saio.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. il volgarissimo individuo che qui sopra sta dando lezioni di beneficenza al prossimo, dimostrando col suo turpiloquio di essere un ero cristiano, perchè non procede per primo a fare ciò che comanda agli altri ? tanto per la coerenza, almeno da scaricatore di porto che si improvvisa evangelizzatore !

      Elimina
    6. rettifico: se l'anonimo 9.36 sta parlando ad EPATO, ha 100 ragioni di richiamarlo alla coerenza, e concordo con lui, ma non c'è bisogno di essere volgari (capisco l'esasperazione causata da certi predicatori da blog, che straparlano di beneficenza al prossimo, ma loro stanno ben comodi coi loro confort, pc compreso...)

      Elimina
  16. ringrazio per l'attenzione, ho vergogna x tanta volgarita' ma rilancio.
    Il mondo e' sempre stato guidato da elites, il popolo e' ignorante oggi come ieri nella stragrande maggioranza. La questione e' semplice. Affidarsi a elites legittime che sanno coniugare bene spirituale e a cascata anche quello materiale, o affidarsi ad elites illeggittime, che nn vogliono il bene spirituale, e fanno del male anche materialmente.
    La crisi devastante che viviamo dovrebbe aprire gli occhi ai cattolici democratici o liberali che avessero ancora un po' di realismo, sulla incapacita' di queste ultime elites a fare il bene materiale, oltre aver gia' constato la loro incapaita' di proporre al popolo un cammino di crescita spirituale, nell'ambito delle loro competenze.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.