Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

venerdì 16 luglio 2010

Per chi si inventa la Liturgia secondo le sue voglie e convinzioni



"C'è bisogno come minimo di una nuova consapevolezza liturgica che sottragga spazio alla tendenza a operare sulla liturgia come se fosse un oggetto della nostra abilità manipolatoria. Siamo giunti al punto che dei gruppi liturgici imbastiscono da sé stessi la liturgia domenicale. Il risultato è certamente il frutto dell'inventiva di un pugno di persone abili e capaci.
Ma in questo modo viene meno il luogo in cui mi si fa incontro il totalmente Altro, in cui il sacro ci offre se stesso in dono; ciò in cui mi imbatto è solo l'abilità di un pugno di persone. E allora ci si accorge che non è quello che si sta cercando. È troppo poco, e insieme di qualcosa di diverso. La cosa più importante oggi è riacquistare il rispetto della liturgia e la consapevolezza della sua non manipolabilità. Reimparare a riconoscerla nel suo essere una creatura vivente che cresce e che ci è stata donata, per il cui tramite noi prendiamo parte alla liturgia celeste.
Rinunciare a cercare in essa al propria autorealizzazione, per vedervi invece un dono. Questa, credo, è la prima cosa: sconfiggere la tentazione di un fare dispotico, che concepisce la liturgia come oggetto di proprietà dell'uomo, e risvegliare il senso interiore del sacro. Il secondo passo consisterà nel valutare dove sono stati apportati tagli troppo drastici, per ripristinare in modo chiaro e organico le connessioni con la storia passata. Io stesso ho parlato in questo senso di "riforma della riforma". Ma, a mio avviso, tutto ciò deve essere preceduto da un processo educativo che argini la tendenza a mortificare la liturgia con invenzioni personali. Per una retta presa di coscienza in materia liturgica è importante che venga meno l'atteggiamento di sufficienza per la forma liturgica in vigore fino al 1970. Chi oggi sostiene la continuazione di questa liturgia o partecipa direttamente a celebrazioni di questa natura, viene messo all'indice; ogni tolleranza viene meno a questo riguardo. Nella storia non è mai accaduto niente di questo genere; così è l'intero passato della Chiesa a essere disprezzato. Come si può confidare nel suo presente se le cose stanno così? Non capisco nemmeno, a essere franco, perché tanta soggezione, da parte di molti confratelli vescovi, nei confronti di questa intolleranza, che pare essere un tributo obbligato all.o spirito dei tempi, e che pare contrastare, senza un motivo comprensibile, il processo di necessaria riconciliazione all'interno della Chiesa.
Oggi il latino nella Messa ci pare quasi un peccato. Ma così ci si preclude anche la possibilità di comunicare tra parlanti di lingue diverse, che è così preziosa in territori misti. Ad Avignone, ad esempio, il parroco del Duomo mi ha raccontato che una domenica si sono improvvisamente presentati tre diversi gruppi, ognuno dei quali parlava una lingua diversa, e tutti e tre desiderosi di celebrare la Messa. Propose quindi di recitare il Canone tutti insieme in latino, così avrebbero potuto concelebrare tutti quanti. Ma tutti hanno respinto bruscamente questa proposta: no, ognuno doveva trovarci qualcosa di proprio. O pensiamo anche a località turistiche: dove sarebbe bello potersi riconoscere tutti in qualcosa di comune.
Dovremmo quindi tenere presente anche questo. Se nemmeno nelle grandi liturgie romane si può cantare il "Kyrie" o il "Sanctus", se nessuno sa più nemmeno cosa significhi il "Gloria", allora si è verificato un depauperamento culturale e il venire meno di elementi comuni. Da questo punto di vista direi che il servizio della parola dovrebbe essere tenuto in ogni caso nella lingua madre, ma ci dovrebbe anche essere una parte recitata in latino che garantisca la possibilità di ritrovarci in qualcosa che ci unisce."
Joseph Ratzinger

da Dio e il mondo. Essere cristiani nel nuovo millennio, Cinisello Balsamo (Mi), Edizioni San Paolo, 2001, pp. 379-381



Kiko E Carmen i fondatori della setta eretica Neocatecumenale , e fautori di una liturgia assolutamente non Cattolica.

I neocatecumenali, eretici assetati di potere. Non si possono avallare teorie e idee contrarie alla sana tradizione della chiesa. Siamo indignati

I  neocatecumenali, eretici assetati di potere. Non si possono avallare  teorie e idee contrarie alla sana tradizione della chiesa. Siamo  indignati“ I neocatecumenali? Sono in piena eresia, pagani, e fuori della sana tradizione della Chiesa, tristi figli dell’offuscamento post- conciliare”: lo afferma don Mauro Tranquillo, sacerdote tradizionalista della Società Sacerdotale San Pio X. Don Mauro lei sostiene che i neocatecumenali sono in eresia, per quale ragione?: “ intanto queste tesi sono state sostenute in passato anche dall’autorevole Padre Zoffoli, che era in comunione con Roma. Quando si rifiuta l’idea della Messa come sacrificio e si nega la continuità storica della Chiesa, siamo chiaramente in eresia, per non parlare delle libertà liturgiche che mi fanno rabbrividire, ma..” Ma?: “ tutto ciò ,non mi meraviglia. Il Cammino Neocatecumenale celebra una liturgia che è figlia degli errori dottrinali del Vaticano II. Cioè la loro messa appartiene, con varianti, al Novus Ordo e quindi se l’albero è malato, produce frutti cattivi, nel loro caso addirittura eretici .Lo ripeto, ...

... i neocatecumenali sono eretici e per giunta molto potenti”. Si ferma un attimo: “ quale autorità morale e storica hanno loro per accusare la Chiesa di essersi spesso paganizzata”?. Però i loro statuti sono stati recepiti dalla Chiesa: “ gli errori esistono sempre. Noi siamo contrari al riconoscimento di certe realtà. Per esempio alla Santa Comunione ci si deve accostare con riverenza, ed invece assistiamo al triste spettacolo di chi in stile militaresco ci va a braccia conserte. Il riconoscimento degli statuti neocatecumeanli è stato celebrato in pompa Magna come con pochi altri è stato mai fatto: “ io non lo comprendo. Ma vuol dire che oggi nella Chiesa contano aspetti di potere, di influenza socio economica, che possono portare allo scandalo e all’eresia”.

Le piace la liturgia dei neocatecumenali?: “ guardi, io non ho un particolare motivo di lamentela contro di loro, per la semplice ragione che rappresentano una delle tante facce negative della realtà post -conciliare. Il Concilio ha prodotto anche questo. Era da metterlo in conto. La trasformazione della messa come festa e banchetto avrebbe potuto sfociare in teorie simili ed è puntualmente avvenuto. Nella stessa misura non sono d’accordo con quanti, in stile Veltroni dicono: è valida la nuova messa, ma anche l’ antica. La sola,vera messa è quella partorita dal Concilio di Trento, quella tradizionale ed antica. Nessuno può stravolgere e ammazzare la tradizione”.

Lei sostiene che le donne e i laici non possono leggere la liturgia della Parola: “ non lo sostiene don Mauro,ma la dottrina della Chiesa e vi è una ragione”. Quale?: “ la liturgia della Parola è prodromica alla liturgia eucaristica. Che innegabilmente viene celebrata da un ministro consacrato. Dunque anche la liturgia della Parola deve essere svolta da un ministro. Io dico di no non solo alle donne ,ma anche ai laici uomini. La liturgia della Parola è ruolo del celebrante o di un ministro di culto. Così come l’amministrazione della comunione sia affidata a sacerdoti e diaconi”.

I critici del Motu Proprio hanno sostenuto che in tal modo si creava una Chiesa alternativa: “ ma quale Chiesa alternativa. In verità con tanta pompa concessa ai Neocatecumenali sono stati riconosciuti e glorificati loro, in odore di piena eresia. Ma lo ripeto anche nel Rinascimento si tollerano eresie ed errori davanti al fascino del potere e dell’influenza. Lo ripeto: dal punto di vista dottrinale sono degli eretici”.

Bruno Volpe

1 commento:

  1. Tutto chiaro e pienamente condivisibile questa analisi.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.