Per la maggior Gloria di Nostro Signore cerchiamo persone disponibili ad eventuali Traduzioni da altre lingue verso l'Italiano. per chi si rendesse disponibile puo' scrivere all'indirizzo Mail: cruccasgianluca@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

lunedì 12 luglio 2010

CAMMINO NEOCATECUMENALE SETTA ERETICA NELLA CHIESA CATTOLICA



Questi tali sono falsi apostoli,
operai fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo.
Ciò non fa meraviglia,
perché anche satana
si maschera da angelo di luce.
Infatti voi, che pur siete saggi,
sopportate facilmente gli stolti.
In realtà sopportate chi vi riduce in servitù,
chi vi divora, chi vi sfrutta,
chi è arrogante, chi vi colpisce in faccia.
Lo dico con vergogna;
come siamo stati deboli!
(2Cor 11,13-15.19-2)

ENNESIMA BUGIA DI KIKO ARGUELLO SUL DIRETTORIO CATECHETICO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE......
http://www.mariamadremia.net/index/conferenza.html

Kiko Arguello in conferenza stampa ha affermato: “sappiamo che il papa vuole ora che anche le catechesi diventino pubbliche, indipendentemente dagli studi degli altri dicasteri: un desiderio, quello del Santo Padre, – dice Kiko – che ci è stato confermato dal segretario sostituto di Stato, mons. Filoni”. “Non sappiamo con quali tempi, dunque, ma presto la pubblicazione degli Orientamenti alle equipes di catechisti sancirà l’ultima fase del percorso di approvazione dei contenuti teologici del Cammino”. Questa affermazione è totalmente falsa, e questa falsità è confermata dalle stesse parole di Kiko pronunciate nell'annuncio di Quaresima 2006, di cui riportiamo lo stralcio... , in realtà tutte le 3000 pagine degli "Orientamenti alle equipes dei catechisti " non sono stati mai approvati dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, perchè contenenti gravi affermazioni eretiche. E quando kiko afferma: Gli Orientamenti alle equipes dei catechisti passati “al setaccio” dalla Congregazione per la Dottrina della Fede e approvate da Ratzinger già nel 2003. Ora – afferma Kiko in conferenza stampa – “è desiderio del papa che vengano pubblicate”, conferma il fatto oramai pubblico che Kiko Arguello e la sua cerchia più ristretta (compresi Cardinali vescovi e sacerdoti compiacenti), usino il nome di Sua Santità in maniera indebità, facendo credere che il Papa sia favorevolissimo alle loro evidentissime eresie. E queste nostre affermazioni sono confermate dalla vera storia dell'iter per l'approvazione degli statuti del cammino neocatecumenale, consegnati il 13 giugno 2008.

domenica 15 giugno 2008 TRATTA DA Korazym.org - Cammino Neocatecumenale
Cammino neocatecumenale: e le catechesi? Kiko: “Sono approvate da tempo”
Gli Orientamenti alle equipes dei catechisti passati “al setaccio” dalla Congregazione per la Dottrina della Fede e approvate da Ratzinger già nel 2003. Ora – afferma Kiko in conferenza stampa – “è desiderio del papa che vengano pubblicate”. I dettagli…


ROMA – E le catechesi? A Statuti approvati, che ne è dei testi delle catechesi di Kiko e Carmen utilizzati come riferimenti dai catechisti del Cammino e dei quali fa esplicita menzione il testo stesso appena approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici? Novità in arrivo, e rilevanti, anche da questo punto di vista: secondo Kiko saranno presto pubblicate, dal momento che la volontà del papa sarebbe questa. Catechesi che, afferma l’iniziatore del Cammino, sono stati esaminati e approvati, ricevendo il nulla osta dalla Congregazione per la Dottrina della Fede. E tutto questo già nel lontano 2003, quando alla guida dell’ex Sant’Uffizio c’era ancora il cardinale Joseph Ratzinger.

Kiko Arguello racconta tutto questo nel corso della conferenza stampa di presentazione dei nuovi Statuti del Cammino. “Quando Ratzinger era alla Congregazione per la Dottrina della Fede vi vennero chiesti tutti i nostri scritti. Hanno passato al setaccio ogni parola che io e Carmen abbiamo detto: si trattava della trascrizione delle nostre catechesi, avevamo parlato a braccio, con la foga del momento, secondo i canoni della tradizione orale, ma eravamo stati registrati e le nostre catechesi erano state trascritte e venivano usate come punto di riferimento dai catechisti. In verità –precisa Kiko - questi non dovevano ripetere le nostre parole, ma solamente usarle come un orientamento, per poi fare la loro catechesi. Quei testi comunque –anche perché nel frattempo uscirono libri che parlavano dell’eresia di Kiko Arguello, e padre Zoffoli mi accusava di essere il Lutero della Chiesa - ci sono stati richiesti dalla Santa Sede, che ha voluto esaminarli tutti: quando veniva individuata una frase poco chiara ci hanno obbligato a cambiare, dicendoci che cosa andava scritto al posto della frase cancellata. Oltre 2200 citazioni del catechismo sono state aggiunte ai nostri testi, che oggi è lo strumento di lavoro dei catechisti. Grazie a Dio non è cambiato moltissimo, e anzi siamo stati lodati per le catechesi sulla croce, sulla sofferenza, sulla sessualità, ecc”.

“Ad esaminare le nostre catechesi – continua Kiko – fu una Commissione presieduta da mons. Tarcisio Bertone, all’epoca segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede, affiancata da una nostra Commissione. Hanno rivisto tutto, e approvato tutto”. Questa novità fu comunicata agli iniziatori – dice il Cammino –con una comunicazione scritta inviata dal cardinale James Stafford, presidente del Pontificio Consiglio per i Laici – il 1 marzo 2003 (Prot. N°219/03 AIC-110). Che la comunicazione arrivasse dal Pontificio Consiglio, dice oggi padre Mario Pezzi, fu del tutto normale, dal momento che da palazzo San Calisto mediarono fin dal principio i rapporti fra il Cammino e tutte le altre Congregazioni (ben quattro) che ebbero rapporti con l’itinerario di formazione iniziato da Kiko e Carmen.

E allora perché, se tutto è stato approvato nel 2003, a distanza di cinque anni ancora non abbiamo visto o letto nulla di ufficiale e definitivo? “Perché una volta esaurito quell’iter – afferma Kiko - ci venne detto che per la pubblicazione si era pensato di attendere gli studi svolti dalla Congregazione per il Culto Divino sulla liturgia e dalla Congregazione del Clero per la pastorale catechetica, in modo da fare una pubblicazione unica. E ancora stiamo aspettando…”. Ma, ed è questa la novità, “sappiamo che il papa vuole ora che anche le catechesi diventino pubbliche, indipendentemente dagli studi degli altri dicasteri: un desiderio, quello del Santo Padre, – dice Kiko – che ci è stato confermato dal segretario sostituto di Stato, mons. Filoni”. “Non sappiamo con quali tempi, dunque, ma presto la pubblicazione degli Orientamenti alle equipes di catechisti sancirà l’ultima fase del percorso di approvazione dei contenuti teologici del Cammino”.

E' chiaro che queste affermazioni di Kiko Arguello sono delle menzogne, perche' ad oggi le loro eretiche catechesi non sono state approvate.

1 commento:

  1. http://www.zenit.org/article-25265?l=italian

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.